Momenti di poesia. L’odore dei ricordi, di Stefania Pellegrini

Parole nomadi blog

L’odore dei ricordi

Posa su polvere e lame di luce
l’odore dei ricordi,
aleggia tra la finestra e il comò,
con il passo silente della sera,
e il marchio doloroso delle assenze
che so di non poter più contenere.
Eppure caro,
il passo scalda il cuore.
Ne conosco l’impronta,
l’urlo del tempo
che ha segnato il mio andare,
linfa che scorre
nelle vene – di particelle
che riempiono il vuoto
di certa appartenenza.
E la sera si fa dolce al richiamo,
s’accoccola al passaggio – desiderosa.
Li chiamo per nome con sottile voce –
il timore – di vederli fuggire via.
Uno ad uno li guardo
con occhi di quel tempo congelato:
ombre!
E rifulgono
svanendo nel nulla.

Stefania Pellegrini ©

Ogni diritto riservato all’autrice