A fijjia du conti e u marinaru

calabrisando

a fijjia du conti e u marinaru

Supra a costa da Scalìa edi arrivatu nu marinaru, stancu i sindi stani dintru u mari. Edi riccu, a stiva chjina i ricchizzi, ma edi sulu e bbellu cumu u suli. Sindi vadi passijiandu ppi i strati du pajisi, ppi truvani a paci dintru u cori sua; edi riccu ma tantu poviru, senza na fimmina ca sindi pijjiadi cura!

“Finalmenti signu turnatu ‘ntra terra mijia, anni e anni a navigari supra ssu bbarcuni, e muni puzzu sbarcani. Hajiu accumulatu tanti ricchizzi, ma cchi mindi fazzu si nun tignu u tesoru cchjiu grandi: na famijjia, na mujjiri e tanti figghji. Scalìa mijia, cumu sini cangiata, nun t’arricurdavu accussini bbella! L’ucchji mijia sunu chjini i chiantu, e u cori mijiu zumbadi forti da cuntentizza”

View original post 1.634 altre parole

Alessandria candidata per l’Adunata Nazionale degli Alpini 2021, di Lia Tommi

L’Adunata del Tricolore. Alessandria 2021
Candidatura della sezione A.N.A. Gen. Camillo Rosso per lo svolgimento della 94a Adunata degli Alpini in Alessandria.

La Città di Alessandria è candidata per aggiudicarsi lo svolgimento della 94° Adunata Nazionale degli Alpini nel 2021.
L’evento, in programma nel secondo week end di maggio nel 2021, è conteso fra il nostro capoluogo e le città di Brescia, Matera e Udine.
Per portare avanti l’iter necessario che culminerà nella comunicazione della assegnazione definitiva della sede (prevista per il prossimo 9 novembre) oggi, mercoledì 31 luglio è in programma nella nostra città un sopralluogo effettuato dai consiglieri nazionali degli Alpini che esamineranno tutti gli spazi utili e valuteranno come sarà possibile organizzare la logistica generale dell’evento.
Nel corso della visita ispettiva saranno esaminati alcuni luoghi di interesse in particolare per l’insediamento del Comitato Organizzatore dell’Adunata (locali dei Giardini Pittaluga, Villa Guerci), le vie pedonali del centro città per organizzare il percorso della Bandiera di Guerra, oltre a valutare quello che potrebbe essere il percorso della sfilata, i luoghi delle cerimonie, la zona di ammassamento e i parcheggi. E’ prevista anche una visita alla Cittadella. Continua a leggere “Alessandria candidata per l’Adunata Nazionale degli Alpini 2021, di Lia Tommi”

Il diritto alla casa come primo passo per combattere le diseguaglianze, di Lia Tommi

Alessandria: “Tra gli indicatori del benessere elaborati dalle grandi organizzazioni internazionali, a cominciare dalle Nazioni Unite, l’abitazione figura subito dopo le dimensioni più rilevanti per l’individuo: reddito, salute, educazione. L’importanza della casa per le condizioni di vita delle persone è immediatamente evidente”: Paola Ferrari, coordinatrice alessandrina, spiega il perché tra i principali punti dell’azione di DemoS – Democrazia Solidale ci sia proprio il diritto ad avere una casa.

“È il primo passo per combattere le diseguaglianze e l’esclusione sociale – afferma -. Tanto più sperequata è la distribuzione del reddito tanto più pervasivi sono gli spillover di disagio sociale che coinvolgono in modo non secondario anche la condizione abitativa. I soggetti a basso reddito, o privi di reddito, oltre ad essere esposti al rischio di un stato di salute inferiore alla media, e – soprattutto se giovani – ad una ridotta capacità di dedicare risorse economiche e psichiche all’innalzamento della propria educazione e formazione professionale, finiscono anche per conoscere una bassa qualità dell’abitazione. Continua a leggere “Il diritto alla casa come primo passo per combattere le diseguaglianze, di Lia Tommi”

Universitas Mercatorum: i nuovi corsi di laurea, di Lia Tommi

Universitas Mercatorum: i nuovi corsi di laurea

Alessandria: L’Universitas Mercatorum (https://www.unimercatorum.it/ ) arriva a Marengo e lo fa con corsi d’eccellenza, volti a potenziare ed esaltare le possibilità turistiche, enogastronomiche e culturali di un territorio ricco di potenzialità inespresse. Università telematica delle Camere di Commercio, l’Universitas Mercatorum propone una formazione disintermediata e destrutturata, con un’ampia flessibilità ed adattabilità, sfruttando velocità e costi competitivi per fornire ai propri studenti, anche grazie all’utilizzo di strumenti innovativi, una preparazione all’avanguardia.
I numeri, del resto, parlano chiaro: sempre più persone, in Europa e nel Mondo, si affidano alle università in e-learning per conseguire una laurea. Capofila l’Asia, con un tasso di crescita del +17,3%, seguita dall’Europa dell’Est (+16,9%), dall’Africa (+15,2%) e dall’America Latina (+14,6%).
I corsi presentati nel corso della conferenza stampa ospitata dalla Biblioteca Civica di Alessandria il 30 luglio 2019 sono volti all’individuazione di quelle figure professionali, altamente specializzate, necessarie per il rilancio dell’enogastronomia, della cultura e del design. Continua a leggere “Universitas Mercatorum: i nuovi corsi di laurea, di Lia Tommi”

Momenti di cultura. La rosa, di Renato Papaccio

Momenti di cultura. La rosa, di Renato Papaccio

In questa breve poesia ci sono frasi suggerite dalla
mia cara amica <Liliana Paparini > la voglio riproporre
per Voi cari amici

58657601_1072981589569757_787730352507453440_n.jpg

La rosa

è il mio fiore preferito
Non importa il colore,
perchè a chi la offri
ti ringrazia con un sorriso
o con un bacio sul viso

I suoi petali sono meravigliosi:
> di seta e d’organza o di
pizzo o di bisso <
sono delicati quasi sfuggenti

Ma se pur da lontano li ammiri
e ne senti il profumo che ti
inebria d’immenso….

Renato Papaccio

un ricordo di una dolce
e adorata amica
che oggi è venuta a mancare
Liliana Paparini

Momenti di poesia. T’amo così, di Daniela Cobaich Mascaretti

Momenti di poesia. T’amo così, di Daniela Cobaich Mascaretti

Click 2019

67718577_945503722447798_4775141641805627392_n.jpg

T’amo così.
Nella pastura dei prati
nel cielo di nuvole grigie
nel corso di fiumi vagheggiati
senza racconti,
nei fili d’erba al sole distillati
nei giorni sempre uguali!
Mi arrendo sui cancelli chiusi…
Non c’è appiglio…
solo il finito…
Ma il finito è libertà
risonanza di te…
T’amo così.

Daniela Cobaich Mascaretti

SP2019

Momenti di cultura. HO FATTO UN SOGNO, di Gregorio Asero

Momenti di cultura. HO FATTO UN SOGNO, di Gregorio Asero

tumblr_o18336aO291v0dalqo1_r1_540

HO FATTO UN SOGNO

Ho fatto un sogno, uno strano sogno. Accovacciato in qualche nicchia del mio mondo, fissavo i vapori della terra che salivano verso il cielo.

La luna, molto al di sopra, li rendeva a poco a poco di un colore argentato.

Ed ecco che ho sentito sulle mie spalle un dolce peso, come l’abbraccio della donna amata.

Il peso, sentivo, era dovuto a due piccole ali che mi stavano spuntando. No! Stavano come …. sbocciando. Col fiato sospeso rimasi a guardare.

Oh, non erano grandi ali solide e sicure, no erano due piccole, piccolissime ali, come quelle di una rondine.

Mentre vedevo il sole scomparire all’orizzonte, le sentii a poco a poco schiudersi e … prendere forma e irrigidirsi, tendendosi come una sottile pelle di seta.

Rade nuvole riempivano il cielo quella sera. Le vedevo galleggiare bianche, contro il rosso-azzurro dell’agonia del cielo al tramonto.

Il mio sguardo era sempre rivolto lassù, lontano, dove cominciavano a tremare le prime stelle.

Le nuvole, come piccoli boccioli di lana, brillavano lontani alla luce del sole morente, come se fossero delle dorate scintillanti schegge di diamanti.

Le stelle erano in un mare palpitante d’intenso colore.

Sentivo la pace placare il mio spirito guerriero e indomito, il mio antico compagno di venture.

Ed ecco, improvvisamente, mi trovai fra le nuvole bianche e calde. Io volavo e veleggiavo. Il mio eterno desiderio si compenetrava nella pace dell’immensa pulsante nuvola di stelle che, seguivano serene il mio volo.

Un’infinita fiamma di cobalto mi avvolgeva come mantello.

Le mie ali si estendevano, si aprivano come vele al vento, come valve di una meravigliosa potente conchiglia marina.

Sospeso in quella bolla d’aria, guardavo, con occhi pieni di tenera gioia, luccicare lontano le luci del mondo. Continua a leggere “Momenti di cultura. HO FATTO UN SOGNO, di Gregorio Asero”

Momenti di poesia. T’amo di un amore folle, di Donatella Barbieri

Momenti di poesia. T’amo di un amore folle, di Donatella Barbieri

67876698_418740528988066_2449650973983899648_n.jpg

T’amo di un
amore folle
passionale.
Sorgente
d’acqua pura
la tua anima.
I tuoi baci
nettare d’ ambrosia.
Fremiti d’amore
passione ardente
amore che mi
brucia dentro e
mi lascia senza
fiato.

@ Barbieri Donatella
30 luglio 2019

Momenti di poesia. Non invecchiano gli anni che passano, Renato Papaccio

Momenti di poesia. Non invecchiano gli anni che passano, Renato Papaccio

38193498_899020420299209_4970263479236689920_n.jpg

Non invecchiano gli anni che
passano, ma ci rendono dolci
per percepire meglio le gioie
della vita

La nostra età è solo un numero
noni altera la nostra mente
L’energia è quella che conta

Sentire l’anima , il cuore ,
il fisico sempre di più è
il senso della nostra vita.

La cosa che mi riguarda
è di volere un amore senza
strappi,
sicuro…anema e core…

Deve essere vivo , unico…
ma sincero
per tutta la vita…

Renato Papaccio

Momenti di poesia. Catene strette nell’anima, di Anna Nardelli

Momenti di poesia. Catene strette nell’anima, di Anna Nardelli

Catene strette nell’anima
di donne che chiedono
libertà in questa società
senza pietà. Donne messe
all’angolo e violentate
nella mente, e nell’ oblio
sempre strette. Urlare
non sanno più e perse
in un stanco languore
di battaglie fatte
di parole e gesti
in quelle catene
senza più sogni
senza più speranze
periscono. Nessuno
sa, nessuno vede
e tutto geme.
Ridono seppur
stremate nel cuore,
giocano con fantasia
per non sentire dolore.
In silenzio piangono
avvinte per anni
da crudo verbo
da chi amarle dovrebbe.
Vili e nel loro ego
sempre deridono
nel mondo donne
mai amate tenute
in affanno dalla loro
meschinità sentendosi
forti solo con la fragilità.
Esseri umani che
non sanno di tale vita
a giudici si ergono
e ancor distruggono
donne nella loro
delicata essenza.
Anna Nardelli
(30.07.2019)

Anna e l’Angelo, di Serena Trentin, un commento di Ernesto Carlino

Anna e l’Angelo, di Serena Trentin, un commento di Ernesto Carlino

serena-copertina.jpg

Ho letto alcune poesie di Serena Trentin
Credo che ciascuno di noi debba terminare la sua giornata, faticosa o lieve che sia stata, ascoltandone una.
Viviamo tempi difficili dove chi parla di sentimento e amore, sembra essere un perditempo o, addirittura fuori dal tempo.
Lei non parla di amore alla stregua delle migliaia di frasi fatte che circolano su Facebook e che scivolano via senza lasciare traccia.
Quei sentimenti lei li vive davvero e sa trasmetterli con grazia ed eleganza.
Anche in riferimento alla morte vi sono parole d’ amore perchè, come dice lei, non c’e’ buio che le faccia paura.
E le sue frasi si muovono leggere tanto da sembrare sospese, così colme di pace, e di amore per se stessa e per gli altri, chiunque essi siano.
Trovo le sue poesie di una serenità prorompente e meravigliosa.
Grazie

Leggi anche: https://alessandria.today/2019/06/26/la-scrittrice-e-poetessa-serena-trentin-su-alessandria-atoday/

Momenti di poesia. La legittimazione dell’odio, di Cesare Moceo

Momenti di poesia. La legittimazione dell’odio, di Cesare Moceo

67450309_2162299950562573_3966513077947465728_n.jpg

La legittimazione dell’odio

Rimango fermo
in certi attimi
con le braccia incrociate
a guardarmi attorno
a fissare interdetto
le fiammelle di vita
che tremolano in segreto
accanto ai miei pensieri
E singhiozzi di commozione
mi prendono il petto
a far arrivare agli occhi
lacrime di miseria
vaga e indistinta
indesiderata eppur ammirata
a legittimarne “l’Essere”
Animato dalle mie
romantiche convinzioni
mi bastan quegli sguardi
per capire che di lì a poco
potrà trionfare l’odio
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Momenti di poesia. La leggenda di un nome … Iris… di Amos Grilli

Momenti di poesia. La leggenda di un nome ….Iris… di  Amos Grilli

67359029_1452173774931325_8099082931726712832_n.jpg

La leggenda

di un nome

….Iris…

In un tempo
lontano.
Forse alla
nascita
del mondo.
Dopo
che il sole.
Era andato
a riposarsi
nel suo eterno
crepuscolo.
Oltre la riga
confine
del mare.
E avere dato
il suo lume
agli astri notturni.

Continua a leggere “Momenti di poesia. La leggenda di un nome … Iris… di Amos Grilli”