COMBATTENTI

Tu…
combatti e non ti fermi,
anche se sei stanco non ti lamenti
tutore della natura
per tenerla e preservarla pura.

Tu…
combattente senza paura e forte
colpisci al volo le corde
di una persona che trae insegnamento
da ogni tuo racconto o momento.

E a te…
in mille e più modi mi ispiro
per dar forza ad ogni respiro
per mutarla in credo e in battaglia
contro quelli che hanno un cuore di paglia.

Ora chiudo questo mio pensare
in un attimo un può speciale
per dirti che sei un dono meraviglioso
e dimenticare neanche oso, tu sei prezioso.

(Dal Libro di poesie di Ely Chio “La natura, l’amore, l’umanità)

copertina del libro

Momenti di poesia. UN ALTRO ANNO DI ME, di Eva Muti

Momenti di poesia. UN ALTRO ANNO DI ME, di Eva Muti

67622665_908425599525441_6270703306436247552_n.jpg

UN ALTRO ANNO DI ME

Ancora un anno di ansie
passato a cercare
momenti felici.
Anno di solitudine…
rimarginata dal tempo.
Anno di duro lavoro
e di amicizie spezzate,
di telefonate lontane,
di un amore
volato via per sempre.
Ricordi affogati e rinchiusi
rimandati giù nell’inconscio.
Dimenticati,
con la paura dentro.
Anno di affetti
e di fotografie bruciate.
Anno di sole e di piogge,
cancellate dal vento.
Anno di corse e di fermate,
di traguardi raggiunti
solo per metà.
Anno di speranze e di illusioni.
Anni di letarghi e di risvegli
a nuove stagioni,
di ripensamenti e convinzioni.
Un anno della mia storia
che non dovrà finire…!

Eva Muti
Diritti riservati ©

Legge: 22/4/41 n.633
Foto presa dal Web

Momenti di poesia. BELLO E IMPOSSIBILE, di Sabrina Ferri

Momenti di poesia. BELLO E IMPOSSIBILE, di Sabrina Ferri

tumblr_o18336aO291v0dalqo1_r1_540

BELLO E IMPOSSIBILE

Sono frenata a dirgli che mi piace,

pronta per lui con tutto quel che sono;

ma non son buona, non ne son capace

chiedergli appena, come fosse un dono,

di darmi un bacio e, quindi, un po’ di pace.

Lo guardo e sensazione d’abbandono

mi prende e, con un brivido fugace,

mi struggo. Cosa far se m’affeziono

a una speranza forte e sì tenace?

Al pensiero di averlo mi emoziono

e alimento vieppiù questa mia brace.

Sabrina Ferri

foto: tumbir

Momenti di poesia. Vecchie scarpe, di Maria Cannatella

Momenti di poesia. Vecchie scarpe, di Maria Cannatella

67598831_922377081468140_9058977177143345152_n.jpg

Vecchie scarpe.

Deformate le scarpe,
per il troppo camminare.
Consumate le suole,
non tengono più la strada.
Ne hanno percorso.
certo, anche troppa.
Hanno affrontato le tante fatiche,
le troppe cadute.
Ed ogni volta,
la lasciavano a terra.
Vecchie le scarpe,
abbandonate, ormai da chi,
ha perso le speranze.
Difficile continuare a sognare,
se poi, i sogni svaniscono con il tempo, come nuvole disperse in cielo.
Davvero vecchie quelle scarpe,
come le ferite del suo cuore.
Inciampare tutte le volte,
cadere e farsi del male,
a volte senza potersi rialzare,
rimanendo quasi indifferente,
a quella cattiva sorte.
che con cattiveria,
continua ad accanirsi contro di lei,
con prepotenza.
Lasciando ad un angolo,
anche quelle vecchie scarpe.

Dal libro ANIMA RIBELLE 2019
Maria Cannatella @
RISERVATI TUTTI I DIRITTI@
FOTO DAL WEB

Momenti di poesia. IO CONOSCO UNA TERRA, di Gregorio Asero

Momenti di poesia. IO CONOSCO UNA TERRA, di Gregorio Asero

tumblr_nqglcmcvQj1r6j154o1_540

IO CONOSCO UNA TERRA

Io conosco una terra misteriosa
dove attendo l’uomo dai mille sorrisi
Lo vedo nascondersi dietro la mia ombra
e nulla gli importa di me
Esso è la mia coscienza

Io conosco una terra misteriosa
dove attendo un uomo che sia degno di me
e mi parli della mia pelle dorata
Egli è il mio uguale contrario

Io conosco una terra misteriosa
dove grida e spavento non hanno valore
e si nascondono dietro a un sorriso
Esso è il mio coraggio

Io conosco una terra misteriosa
dove le parole e i pensieri
giungono sulle ali di un aquila
Esse si posano a terra sconvolte

Io conosco una terra misteriosa
dove non posso portare la mia donna
Ella non conosce le mie valli
e si potrebbe ferire d’amore

Io conosco una terra misteriosa
dove germoglia il dolore
e attecchisce solo la fame
per questo resto solo e inerme

da “POESIE SPARSE”
Gregorio Asero
copyright legge 22 aprile 1941 n. 633

Inchiesta Angeli e Demoni: gli ultimi sviluppi, arriva la prima confessione/ Terza puntata

Inchiesta Angeli e Demoni: gli ultimi sviluppi, arriva la prima confessione/ Terza puntata

Nell’inchiesta Angeli e Demoni sugli affidi illeciti di bambini, arriva la prima confessione di un’assistente sociale di Bibbiano: “Ho falsificato le relazioni a causa delle pressioni dei miei superiori”. Intanto alcuni bambini tornano a casa, il sindaco chiede la revoca dei domiciliari e i dipendenti del Comune di Bibbiano, paesino di poche migliaia di persone in provincia di Reggio Emilia, denunciano minacce: tutti gli aggiornamenti sull’inchiesta nel terzo approfondimento di Fanpage.it.

Schermata 2019-08-01 a 14.19.28.png

1 AGOSTO 2019  di Beppe Facchini

BIBBIANO (REGGIO EMILIA) – “È vero, ho falsificato quelle relazioni ma l’ho fatto a causa delle pressioni che subivo dai miei superiori”. A parlare è Cinzia Magnarelli, una delle assistenti sociali indagate nell’inchiesta Angeli e Demoni sui presunti affidi illeciti di bambini strappati alle loro famiglie, accusate di abusi sessuali: i reati a lei contestati sono falso ideologico, frode processuale, violenza privata e tentata estorsione. Secondo quanto riporta la Gazzetta di Reggio, con questa confessione al Gip Luca Ramponi, Magnarelli ha ottenuto la revoca della misura cautelare e potrà tornare a lavorare come assistente sociale a Montecchio. Si tratta di una delle novità più importanti di tutta la vicenda. Ed è da qui che parte la terza puntata dell’approfondimento di Fanpage.it sull’inchiesta su Bibbiano, dopo aver esaminato le carte che hanno posto sotto indagine 27 persone e portato a 18 richieste di misure cautelari.

La confessione

Difesa dall’avvocato Alessandro Conti, Magnarelli ha confermato nell’interrogatorio di aver falsificato delle relazioni per indurre il tribunale dei minori a dare in affido a terzi dei bambini considerati vittime di abusi. La 32enne nel corso dell’interrogatorio avrebbe inoltre accusato la dirigente dei servizi sociali dell’Unione Val d’Enza, Federica Anghinolfi (attualmente ai domiciliari) e criticato il metodo creato sotto di lei. Non solo. L’assistente sociale avrebbe anche parlato di un gruppo di lavoro per la valutazione dei casi difficili, poi aggravati per giungere agli affidamenti… continua su: https://www.fanpage.it/attualita/inchiesta-angeli-e-demoni-gli-ultimi-sviluppi-arriva-la-prima-confessione-terza-puntata/

http://www.fanpage.it/

Massimo Berutti: Via libera CIPE all’Asti-Cuneo, senatore Berutti (FI): “è una giornata importante, che conferma le ragioni della nostra battaglia”

Massimo Berutti: Via libera CIPE all’Asti-Cuneo, senatore Berutti (FI): “è una giornata importante, che conferma le ragioni della nostra battaglia”

massmo-berutti-1-1-1.jpg

Roma, 1° agosto 2019 – “Con il via libera da parte del Comitato interministeriale per la programmazione economica all’autostrada Asti-Cuneo si conferma che la battaglia per lo sblocco che abbiamo portato avanti in questi anni e negli ultimi mesi era giusta, nonostante le resistenze del Ministro Toninelli”.

È quanto dichiara in una nota il senatore di Forza Italia Massimo Berutti, che prosegue “oggi è una giornata importante. Abbiamo superato i “no” e non ci soffermeremo in polemiche sulle inutili resistenze di Toninelli. Ora, per il bene dell’economia dell’intero Paese, si prosegua con i lavori che i territori aspettano da troppo tempo”.

Cipe, Salvini e Molinari (Lega), “Bene sblocco Asti-Cuneo, grande vittoria della Lega e del territorio”

Cipe, Salvini e Molinari (Lega), “Bene sblocco Asti-Cuneo, grande vittoria della Lega e del territorio”

Molnari.jpeg

Roma, 1 ago – “Il via libera oggi da parte del Cipe al piano finanziario per il completamento dell’Asti-Cuneo è una grande vittoria della Lega e del territorio, conquistata dopo oltre dieci anni di attese e rinvii: i lavori sono pronti a partire”. Lo dichiara il vicepremier Matteo Salvini.

“Confidiamo – dice il capogruppo alla Camera della Lega Riccardo Molinari – che i cantieri vengano avviati nel più breve tempo possibile per dare quella risposta di viabilità, necessaria per fare uscire dall’isolamento la provincia Granda, alle imprese, al tessuto economico delle vallate del cuneese e dell’astigiano e ai residenti. Ora andiamo avanti sulla Tangenziale di Fossano e sulla galleria del Tenda, interventi indispensabili per efficientare il sistema infrastrutturale piemontese e internazionale”.

Cipe, Bergesio (Lega), completamento Asti-Cuneo, finalmente fatta giustizia per cittadini Granda e tutto Piemonte, dopo 7 anni di attesa grazie a Lega si passa da parole ai fatti

Cipe, Bergesio (Lega), completamento Asti-Cuneo, finalmente fatta giustizia per cittadini Granda e tutto Piemonte, dopo 7 anni di attesa grazie a Lega si passa da parole ai fatti

beregssio.jpeg

Roma, 1 ago –“Esprimo soddisfazione per la notizia dell’approvazione del completamento dell’Asti-Cuneo, deliberato ora dal Cipe. Soddisfatto di aver partecipato quest’oggi al Cipe alla presenza del presidente del Consiglio Conte, del Ministro Toninelli e del sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giorgetti.

Si tratta di un’ottima notizia, un passo in avanti essenziale per la realizzazione di un’opera indispensabile fortemente voluta da tutto il territorio. Dopo un’attesa di 7 anni viene finalmente fatta giustizia per i cittadini della Granda e di tutto il Piemonte: grazie all’impegno di tutto il Governo e del Vice Premier Matteo Salvini e grazie anche alla disponibilità del concessionario che ha accettato le condizioni poste dall’esecutivo, dal Nars e dallo stesso Cipe.

Le nostre voci sono state ascoltate e la visita del Governo del 18 marzo non è stata vana. Ancora una volta, la Lega si dimostra vicina ai territori e mantiene le promesse, passando dalle parole ai fatti”.

Lo dichiara in una nota Giorgio Maria Bergesio, senatore piemontese della Lega.

Ufficio Stampa Lega Senato

ANIMA SPEZZATA

BlonderLine

Mi presento: sono Sara, ho 27 anni (quasi 28 ahimè) e sono BORDERLINE.
No tranquilli, non è contagioso.

Il disturbo borderline di personalità è caratterizzato da repentini cambiamenti di umore, instabilità dei comportamenti e delle relazioni con gli altri, marcata impulsività e difficoltà ad organizzare in modo coerente i propri pensieri. Questi elementi si rinforzano reciprocamente, generando notevole sofferenza e comportamenti problematici. Ne consegue che le persone con questo disturbo, pur essendo dotate di molte risorse personali e sociali, realizzano con difficoltà e a fatica i propri obiettivi.
Tra i disturbi di personalità, il disturbo borderline è quello che giunge più comunemente all’osservazione clinica. Colpisce il 2% della popolazione, più frequentemente il sesso femminile. L’esordio avviene in adolescenza o nella prima età adulta.

Terzo Centro di Psicologia Cognitiva

Ecco. Questa sono io. Una ragazza con molte risorse personali, ma incapace di sfruttarle.

Cosa significa davvero essere borderline? Significa soffrire.
Un…

View original post 92 altre parole

Cicatrici

BlonderLine

Ho braccia e gambe pieni di cicatrici,
perchè il dolore delle ferite che mi infliggevo
mascherava il dolore dentro di me.

Ero arrabbiata con mio padre e anche con mia madre.

Ma se volete tornare a vivere dovete perdonare.
Perdonare voi stessi e chi vi ha ferito.
Fatelo per voi, per tornare a vivere.

Solo quando riuscirete a perdonare,
Sarete liberi veramente.

Non combattete i vostri demoni da soli e qualunque sia la vostra storia,
tornerete a vivere.

View original post

La depressione si nasconde dietro un sorriso.

BlonderLine

O come riconoscere una persona che ne soffre.

Perché è tutta una questione di sofferenza. Quando Il dolore che provi ti stringe la testa cosî forte da non farti respirare, senti Il cuore correre veloce e i battiti scandiscono un tempo che resta immobile. I minuti durano ore, le ore sembrano giorni. Vuoi dormire, come quando eri bambina, con la stessa identica serenità. 

Ma nemmeno dormire risulta semplice a chi soffre, perchè La sofferenza ti ruba anche il sonno. Riempie la tua mente con pensieri orribili, fatti di mostri e ombre che sorridono. Penserete: “Almeno loro lo fanno”. Questi fantasmi ti rapiscono, ti costringono a letto anche nelle giornate di sole. Tapparelle abbassate, testa sotto il piumone, ansia al solo pensiero di alzarsi.

Anche chi soffre sorride, ma sorride per convenienza. Perché la sofferenza non vuole essere scoperta, vuole restare nell’ombra, nell’oscurità della depressione. In molti credono che un sorriso dimostri…

View original post 317 altre parole

LA VERGOGNA

BlonderLine

Quanta vergogna provi nel soffrire.
Non parli quando stai male e
i tuoi fantasmi diventano più grandi.

Vergogna per le tue cicatrici,
vergogna per la tua insonnia.
Vergogna ti mangia viva.

Ho provato davvero tanta vergogna quando ho scoperto della mia malattia. Per mesi interi non sono uscita di casa. Credevo che tutti sapessero, tutti mi guardassero. Mi vergognavo del mio fisico, nonostante sia sempre stata esile e magra. Mi vergognavo del mio dolore, ero certa che da fuori tutti se ne accorgessero.

Nel frattempo la vergogna era cibo per il mio dolore. I fantasmi banchettavano con lei e diventavano sempre più grandi. Dovetti cominciare a tagliarmi di più, per farli uscire dal mio corpo. Non esisteva più Sara, esisteva il suo fantasma, il suo dolore, la sua tossicodipendenza.

Odiavo quella sensazione. Non potevo parlare con nessuno di quel che provavo perchè “Tanto nessuno ti capisce”, sussurrava la voce nella…

View original post 69 altre parole