Non lasciarmi, ti prego

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/08/solitudine.jpg

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/08/innamorati.jpg

 

Non abbandonarmi proprio adesso

ho paura di quello che mi aspetta.

Restami accanto

consolami

stringimi forte

non lasciare che il vento mi porti via.

Non lasciarmi

non lasciarmi proprio adesso

ho bisogno del tuo affetto

del tuo amore.

Restami accanto

dimmi che mi vuoi bene

non lasciarmi naufragare in una bufera di illusioni.

Non lasciarmi sola

in questa notte buia e fredda.

Non lasciarmi

resta qui con me

ancora un poco

ti prego.

 

 

“Fotografia sotto le stelle”: incontro con Sebastião Salgado, di Lia Tommi

Daniele Robotti Fotografia & Photoshop
Via San Lorenzo 107, 15121 Alessandria

✨“FOTOGRAFIA SOTTO LE STELLE”✨
Giovedi 8 Agosto la terza serata
💥“Sebastião Salgado vs tutti!”

Tre incontri con tre maestri della fotografia, a cura di Daniele Robotti, orario 21.15 – 22.30 in Via San Lorenzo 107 (2 piano) in Alessandria.
INGRESSO LIBERO 😊

💥La terza serata di “Fotografia sotto le stelle” è dedicata a Sebastião Salgado e alla grande fotografia sociale, come un fotografo può raccontare una esperienza umana, e quando il documento fotografico può cambiare una politica economica e renderci consapevoli in modo diretto di quanto può essere ingiusta la condizione umana nelle sue manifestazioni più drammatiche.
💥In questa serata la fotografia di Sebastião Salgado è raccontata da Daniele Robotti in parallelo con altri tre Maestri della fotografia sociale: Lewis Hine, James Nachtwey, W. Eugene Smith

✅Tre serate dove ti porto all’interno della visione fotografica di tre maestri della fotografia contemporanea, in confronto con lo stile, l’approccio e la tecnica di altrettanti maestri della scena fotografica mondiale.
✅Scopri come tre classici generi della fotografia vengono interpretati utilizzando il colore o il bianco e nero, un approccio scientifico o emotivo, inquadrature pulite in contrapposizione a punti di vista non convenzionali.
✅Il perchè di una scelta, della creazione di uno stile, di una specifica narrazione in tre serate sotto le stelle per una approfondita comprensione di quello che è “fare fotografia”.

Tre appuntamenti informali, discorsive e aperte alle domande e alle curiosità di tutti gli appassionati di fotografia, arte e cultura visiva.
Fabrizio PRIANO Presidente dell’Associazione Culturale Libera Mente-Laboratorio di Idee commenta :
“Un ennesimo interessante Progetto di Daniele ROBOTTI per conoscere tre grandi Maestri della fotografia raccontati attraverso la competenza e la sensibilità di chi ha fatto della fotografia una professione”.

Momenti di poesia. Ascolti diversi, di Luciano Zampini Poeta

Momenti di poesia. Ascolti diversi, di Luciano Zampini Poeta

67532846_10214407632731949_8197075896234934272_n.jpg

Ascolti diversi

La mente che maledizione,

fumo nervosamente

infilando anelli blu di mare profondo

nel tormento di un vulcano al risveglio,

indosso così la collana di ogni sacrificio.

Impunemente le emozioni parlano

esibendo ai quattro venti il vessillo

di una conquista,

di una rinuncia,

di un misfatto.

La mente che maledizione,

ti fa perdere

per ascoltarti diverso.

@Luciano Zampini

Momenti di poesia. E la mota prese vita, di Amos Grilli

Momenti di poesia. E la mota prese vita, di Amos Grilli

67746555_1455963034552399_8111556049330241536_n.jpg

E la mota
prese vita.

….l’inizio della
distruzione
di massa…

E venne il giorno
dell’uomo.
Lo scelto il
prediletto.
Colui che doveva
prendere
padronanza
della terrra.
Questo essere
dalla mota
prese forma.
La cosa è assai
sicura.
Perchè è frutto
di una divina
scrittura.
Beato colui
che non vede
e crede.
Si rallegrò
l’inventore
dell’opera
si perfetta.
Continua a leggere “Momenti di poesia. E la mota prese vita, di Amos Grilli”

Amore.

12522972_10207350914403752_2088538100100811375_n

 

Amore

senza di te

è come se mi togliessero

il sole dagli occhi.

Sei la mia luce

che accompagna il mio cuore

ogni giorno della mia vita

sei il mio viaggio

dentro i pensieri.

Come un fiore delicato

spunti dentro i miei occhi

che brillano d’ amore

come due stelle sopra il cielo.

Il tuo sguardo mi penetra

come un dolce fuoco

e questo fuoco d’ amore

brucerà dolcissimo

dentro i nostri animi

come un’ allegra fiamma

che sorride dentro i nostri cuori e renderà

il fuoco vivo sempre dentro di noi.

Il sole d’estate con i suoi raggi

pieni di calore

terrà  per sempre al sicuro

il nostro amore.

 

Momenti di poesia. Senza te, di Renato Papaccio

Momenti di poesia. Senza te, di Renato Papaccio

38624524_903442419857009_650474605160431616_n.jpg

Senza te

Come faccio stasera a rimanere
al buio ,guardando solo le stelle
senza pensare ad altro

Al buio in solitudine
non è un passatempo bello
è solo un triste isolamento

E’ vero sei lontana da me
ed avrai gli stessi pensieri e
desideri
che mi passano per la mente

Il tempo è tiranno
è complice di questa situazione
è anche un cattivo ispiratore

Ma sognando insieme una notte
d’amore tutto sarà bello
non sarà una notte qualunque

nei sogni io stringerò te,
e tu stringerai me forte , forte
sul cuore,senza lasciarci più.

Renato Papaccio

Momenti di poesia. I due volti della notte, di Dario Menicucci

Momenti di poesia. I due volti della notte, di Dario Menicucci

68317264_814223508974099_987310151243399168_n.jpg

I due volti della notte

Delicata la notte
ci accarezzava la pelle
in un intreccio di mani
e languidi baci.

Abbandonati al buio
ci lasciavamo cullare
da un sogno segreto
soltanto nostro
ingenuo e dolcissimo.

Questa sera le tenebre
gridano forte il tuo nome
e il tuo non esserci
impietoso mi assale
straziandomi il cuore

Dario Menicucci

Momenti di poesia. Esserci, di Renato Papaccio

Momenti di poesia. Esserci, di Renato Papaccio

68267627_1144523512415564_5970035250456166400_n.jpg

Esserci

Sono stanco , mi fermo
un attimo qui seduto
sui gradini del passato
E’ una scala lunga , consumata
con gli anni.

Mi fermo per prendere fiato
per pensare alle cose trascorse
senza avere fretta , meditando
Voglio dire come sono passati
tutti questi anni…?

Sono passati troppo in fretta
con la mia giovinezza
Voglio riprendere energie ,
pensare che forse non è
tutto perduto,consumato col tempo

Si è rimasto qualcosa ,non sembra
esausto o consumato
la grande voglia di fare l’amore
ancora con te..Tesoro mio.

Renato Papaccio

Momenti di poesia. Dentro gli occhi il mare, di Maria Cannatella

Momenti di poesia. Dentro gli occhi il mare, di Maria Cannatella

67523395_926402317732283_862972050615042048_n.jpg

Dentro gli occhi il mare.

Ho il mare dentro gli occhi,
nascosto dentro il cuore.
A volte lo vedo, lo immagino,
altre volte addirittura,
sento il suo profumo.
La salsedine sulla mia pelle,
lascia ancora oggi un segno.
Ho davvero il mare dentro i miei occhi,
lo vedo riflesso, ovunque. .
Sento il rumore delle onde,
i motori accesi delle barche.
I bambini che urlano,
mentre nuotano nel mio mare.
Gli ombrelloni colorati,
riempiono le sue spiagge,
ed i bagnanti,
sdraiati, prendono il sole.
Questo è il mare !
Il mare è la vita che trascorre,
lasciando anche un segnale,
di una semplice abbronzatura.
Cambia il colore della nostra pelle.
Se guardo in lontananza,
mi accorgo che mare e cielo,
hanno quasi lo stesso colore,
perché gli occhi hanno catturato,
quel colore sospeso in aria.

Maria Cannatella @ 4/8/19
Riservati tutti i diritti.
Foto dal web

Momenti di poesia. DANS TON CIEL, di Mirella Ester Pennone Masi

Momenti di poesia. DANS TON CIEL, di Mirella Ester Pennone Masi

67577231_1258318357661129_5783905176167383040_n.jpg

DANS TON CIEL

La lune d’argent
yeux mystérieux,
verser dans le ruisseau
sa lumière vive

capture curieuse
mon mouvement
de petite vague
coulant parmi les ronces
encore chaud du jour.

Le temps se dissout
le dernier écho distant,
J’éclaire palpitant:
Je suis star dans ton coeur
pour une nuit de plus;

comme “Perséide”
Je pleure dans ton ciel
larmes d’août:
“Pluie de mon désir”

*

NEL TUO CIELO

La luna d’argento
occhieggia misteriosa,
versa nel torrente
la sua luce brillante,
Continua a leggere “Momenti di poesia. DANS TON CIEL, di Mirella Ester Pennone Masi”

Il Piccolo: Anziano ‘in fuga’ da casa imbocca l’autostrada contromano

Il Piccolo: Anziano ‘in fuga’ da casa imbocca l’autostrada contromano

E’ successo sulla bretella di Novi Ligure. Un 89enne si era allontanato e la moglie ne aveva denunciato la scomparsa

Il Piccolo

02 Agosto 2019 di ELIO DEFRANI http://www.ilpiccolo.net/

1564744182377.jpg--anziano__in_fuga__da_casa_imbocca_l_autostrada_contromano.jpg

immagine d’archivio

NOVI LIGURE — Per un 89enne francese di origini algerine è scattato il ricovero coatto in ospedale: l’anziano ha imboccato contromano la bretella autostradale di Novi Ligure, diretto verso la A7. Fermato dalla polizia stradale di Ovada, arrivata sul posto tempestivamente per evitare che potesse accadere una tragedia, ha dato in escandescenze e per lui – vista l’età – il medico del 118 ha disposto un trattamento sanitario obbligatorio.

L’89enne era alla guida di una Toyota Yaris con targa francese e ha imboccato la bretella tra la A26 e la A7 contromano, in direzione della Milano-Serravalle. La pattuglia della polstrada ci ha messo pochi minuti a rintracciare l’auto, che fortunatamente si era fermata all’interno dell’area di servizio Marengo Sud ma con il guidatore pronto a imboccare di nuovo il tratto contromano. Al volante gli agenti hanno trovato l’anziano E. S., in evidente stato confusionale tant’è che alla richiesta dei documenti ha dato in escandescenze. Sul posto è arrivata anche l’ambulanza e il medico ha disposto il ricovero all’ospedale di Novi Ligure.

La polizia stradale poi ha scoperto che l’uomo si era allontanato dalla propria abitazione a Gonfaron (nei pressi di Cannes) e la moglie ne aveva denunciato la scomparsa. L’auto è stata sottoposta a fermo e la patente dell’uomo revocata.

Momenti di poesia. Se fossi nata farfalla, di Rosetta Amoroso

Momenti di poesia. Se fossi nata farfalla, di Rosetta Amoroso

67760915_905098573181438_6517234128578936832_n.jpg

Se fossi nata
Farfalla 
Volerei a spiare 
Tutti i malvagi e li fermerei
Ancor prima di commettere errori
O strani o far del male a qualsiasi essere
Vivente , volerei sugli occhi di chi dorme sospesi in un sonno a metà strada tra al di là e di qua , e li sveglierei portandoli alla gioia della vita, toglierei il troppo ai ricchi per dare a chi ha bisogno , o volerei sulle teste di chi ha il potere di comandare il mondo  e gli sussurrerò io farfalla
Il buon senso verso i suoi simili.

Amoroso Rosa  “@@”

Il Piccolo: Rivalta Bormida, esplosione in casa, muore un uomo di 85 anni

Rivalta Bormida, esplosione in casa: muore un uomo di 85 anni

Il Piccolo.png

IL DRAMMA La vittima è Nino Pesce. Nell’abitazione anche la moglie

1564987042042_1564987061.jpg--rivalta_bormida__esplosione_in_casa__muore_un_ottantenne.jpg

05 Agosto 2019 di I.P. http://www.ilpiccolo.net/

RIVALTA BORMIDAUn forte rumore poi il drammatico epilogo. Nino (Stefano) Pesce, 85 anni di Rivalta Bormida, ha perso la vita per l’esplosione, probabilmente, della caldaia della sua abitazione di via Paolo Bocca, appena fuori paese. Il fatto è avvenuto nella tarda serata di domenica. Con lui anche la moglie Angela che, fortunatamente, non è stata coinvolta nella deflagrazione. Sul fatto stanno indagando i Carabinieri e i Vigili del Fuoco che dovranno accertare la natura del fatto. Non si esclude, al momento, un crollo strutturale. 

Momenti di poesia. “La mia mamma”, di Patrizia Caffiero

Catherine-Spaak2

Le generazioni si alternano con passo così lento che, in un mattino di aprile, scopri che tua madre è diventata una donna anziana, di colpo.

Nell’alba di un sonno serale cerchi per casa la sua assenza

‘formichina, formichina, dove sei?’

e non riesci a svegliarti, non prima di averla rivista, in piedi accanto allo scaffale dove riponi le conserve, tonno, riso, pasta, ceci e lenticchie, aurata di luce leggera, sfocata, come se si fosse rivelata a te solo per l’anima di gazzella che ha, in purezza.

Com’è bella tua madre, mi dicono tutti dopo averla incontrata la prima volta, ed è arcano il mistero per cui lei rimane attraente dietro le rughe.

Si supplica la madre di rimanere qui per tutto il tempo possibile, come si chiedeva la mattina prima di andare a scuola, il panino con la nutella.

Non è da tutti avere qualcuno come lei a sorvegliarti l’esistenza anche da lontano. Se si concentra, sa sempre cosa mi accade.

Quando avevo sette anni mi seguiva se mi allontanavo per esplorare le strade accanto al Cesare Battisti senza farsi vedere, per darmi spazio, per farmi provare cosa si sente a camminare da soli.

Infatti ce l’ho fatta: sono qui,, a curarmi ogni ferita; so uscire dalle trappole; so godere del pranzo che mi preparo con cura.

Finché non mi addormento.
Per sognare la mamma.

Stanze d’isola, di Giovanni Luca Asmundo, letto da Angela Greco

Stanze d’isola di Giovanni Luca Asmundo letto da Angela Greco

https://ilsassonellostagno.wordpress.com/2019/03/15/stanze-disola-di-giovanni-luca-asmundo-letto-da-a-greco/

 67620431_2409161982455970_3060073037719142400_n

E’ occorsa una notte di sonno pieno, utile e necessario ristoro, e un mattino limpido di sole nascente, a priori di qualsiasi altra incombenza, per riuscire a dire della lettura di questo libro di poesie. Anzi, di poesia, per quel legame tra i testi, che ne fanno un unicum, un poema, una narrazione in versi. Chiunque pensi di potersi accostare a stanze d’isole (Oèdipus Ed.2017) di Giovanni Luca Asmundo (Palermo, 1987; architetto che vive e lavora a Venezia), “opera vincitrice del Premio Letterario Felix, III edizione, sul tema Paesi-Radici. Abbandoni e ritorni nell’epoca 2.0” con superficialità e il sempre poco tempo sottratto ad altro da fare ritenuto più importante, commette una ingiustizia, una dissacralità, verso se stesso e verso la poesia.

     Si legge tutto d’un fiato appena giunge a casa, versi liberi con strutture sonore distese sulla pagina chiaramente, senza fingimenti o effetti speciali, accogliendolo, per la suggestione del titolo, come un piccolo (realmente è un formato A5) naufrago giunto chissà da quali altri lidi; subito catturati dall’atmosfera di teatro antico, dalle scene cesellate con mano d’artista, dallo scorrere del proprio tempo insieme con quello della storia narrata, incuranti d’essere in altra epoca e altro luogo, ci si trova lì, con la poesia, che raramente parla di un io singolare, volto soprattutto a sottolineare l’uno narrante, ma che si volge tutta completamente al plurale, fin dalla divisione delle sezioni (Prologo, Parodo, Epiparodo, Esodo) e che invita a questo plurale, alla partecipazione e all’azione. Quella di non perdere la memoria, le radici, l’appartenenza, elementi ormai labili in quel mondo 2.0 o forse più di cui nel titolo del Premio che ha dato vita a questa pubblicazione. Continua a leggere “Stanze d’isola, di Giovanni Luca Asmundo, letto da Angela Greco”

Zero al quoto, di Fabrizio Bregoli letto da Angela Greco

Zero al quoto di Fabrizio Bregoli letto da Angela Greco

da: https://ilsassonellostagno.wordpress.com/2019/08/05/zero-al-quoto-di-fabrizio-bregoli-letto-da-angela-greco/

Si apprende dal vocabolario che in aritmetica, “quoto” è il quoziente esatto, senza il resto, e l’espressione utilizzata nel titolo – zero al quoto – indica una potenza con base zero elevata a zero, ossia qualcosa di impossibile da risolvere, che, al di là dei dibattiti tra addetti ai lavori numerici (a cui pure l’autore, laureato con lode in Ingegneria Elettronica, con buona probabilità è avvezzo), sconfinando in problemi di ben altra natura da quelli meramente matematici, giustifica la materia sottesa al titolo stesso, la poesia.

67882107_580248625841466_3264590657276084224_n

Tralasciando le peripezie di pensiero con cui Fabrizio Bregoli dà il benvenuto al lettore della sua opera, Zero al quoto (puntoacapo editrice, 2018), per i profani in matematica come me, quello zero, di cui, appunto, nel titolo, attrae, affascina e, dopo aver letto l’impegnativa prefazione Vincenzo Guarracino – il quale pure tenta un dipanare la matassa inerente titolo e silloge – conduce subito alla lettura dei versi, domandandosi se, casomai, quello zero non sia fondamentalmente un punto d’inizio di un’argomentazione poetica, che fin dai primi versi l’autore intesse con testi densi, finalmente lunghi (per questo momento poetico, che preferisce la rapidità di testi fruibili come tweet) e articolati, narrativi a loro modo e che predispongono il lettore ad un ascolto meditato e per forza di cose lento, coadiuvato da esergo, che invitano all’approfondimento dell’ultima poesia italiana d’autore. Con Zero al quoto occorre stare in poesia; non si può altrimenti.

Il primo testo, “Detto? Taciuto appena” titolato in corsivo e collocato al di fuori delle sezioni che compongono la silloge, ha l’aria di una introduzione per il lettore, una presentazione a tutti gli effetti, un presentare e presentarsi in Versi. Foggia o marchio per la memoria fino a domandarsi Eterno quest’istante? / Eterno. Fragile ed eterno e a far comprendere, a mio avviso, che è dell’incontro proprio con la Poesia che si sta dicendo.

“Gli uomini (o la loro ipotesi)” è la prima sezione del libro; subito, la prima poesia (Sapere di te) commuove; un’analisi lucida della realtà, consegna quest’ultima a chi verrà, consigliando quella stessa calma e mancata fretta di cui si è detto poco prima (Non avere fretta, qui tutto scalcia / conoscerai astio, menzogne d’uomini / impietoso linciaggio d’anni, tu / fanne limo profondo di sapienza / verità, come di provvida pioggia / rettitudine e inalterato amore); nel dialogo che il poeta intraprende nei primi due componimenti con un nascituro (La tua presenza è l’eco d’una voce / smorzata nei brevissimi centimetri / sull’esile attorciglio del funicolo) si tenta una prima ricognizione del presente, iniziando proprio dagli esordi dell’essere umano, il concepimento, affermando che La vita è il nulla che le dà principio / l’assurdo che s’intrude nel possibile, per poi subito dare luogo ad una speculazione a tratti filosofica sull’esistenza, portata al lettore anche con metafore efficaci, come si legge in “Consumazione obbligatoria”: E indifferente / se fosse oste o avventore […] se banco o giocatore in quella riffa […] / O era questo suo scoprirsi nessuno / escluso ad ambo i giochi / a riassumerli entrambi?, per giungere, in “Fosse poesia”, ad una chiara esposizione di quella visione nichilista di cui ampiamente nella prefazione: Fosse poesia potrei indugiare / su qualche vezzo cromatico […] / Ma questa scena è minima, assoluta / non si concede appello, assoluzione. / Lui siede agli scalini, tra i piccioni […] / lo sguardo arrovesciato su detriti / di storie, ciò che ne resta tra le unghie / sudice, un bicchiere, stente monete. / Chiede nuda evidenza del suo esserci. // E non serve una poesia, un altro alibi. Continua a leggere “Zero al quoto, di Fabrizio Bregoli letto da Angela Greco”

Solo tu mi fai volare.

67114077_680675665731482_4426516079782658048_n (1)

Solo tu mi fai volare

Lontano su nel cielo come un aquilone

che ride davanti alle nuvole.

Felice e innamorato

volo trascinato dall’amore…

Sei come un dolce eco

dentro il mio cuore

un dolce frastuono che mi fa vibrare

l’anima…

Sei come una sinfonia dentro me

una nota struggente che

mi suona dentro

una melodia solenne

che fa volare il mio essere

al di là del blu del mare

fino a perdersi nei tuoi occhi

pieni d’amore

fino a perdersi dolcemente dentro te

trovando la sua casa dell’amore.

 

 

 

La mia adolescenza

Con Loretta Pavan una storia di rivincita sulla malattia grazie allo sport

Con Loretta Pavan una storia di rivincita sulla malattia grazie allo sport

Lunedì 5 agosto il viaggio in bici da Vicenza alla Spagna fa tappa all’Ospedale

Il Piccolo.png

LA TESTIMONIANZA

04 Agosto 2019 di REDAZIONE http://www.ilpiccolo.net/

1564824839839.jpg--con_loretta_pavan_una_storia_di_rivincita_sulla_malattia_grazie_allo_sport.jpg

Loretta Pavan

ALESSANDRIA – C’è anche l’ospedale Santi Antonio e Biagio tra le tappe del lungo viaggio da Vicenza a Tarifa che Loretta Pavan affronterà in bicicletta come ultima sfida contro il cancro. All’ex imprenditrice di 58 anni nel 2006 è stato diagnosticato un tumore al seno, la stessa malattia che già si era portata via in giovane età le due sorelle.

Dopo un periodo difficile di ricoveri, interventi, terapie e bilanci, Loretta Pavan ha così deciso di cambiare vita saltando in sella alla sua bicicletta da cui non è ancora scesa. Oggi, sabato 3 agosto, infatti, parte insieme al compagno di avventure Giorgio Murari per un giro di 3.000 km, fino in Spagna, con un dislivello di 28 metri metri.

Un viaggio di tredici giorni in totale autonomia per affrontare e sconfiggere ancora una volta il tumore grazie allo sport, dopo aver già conquistato il Monte Grappa per ben 56 volte e Capo Nord l’anno scorso. Continua a leggere “Con Loretta Pavan una storia di rivincita sulla malattia grazie allo sport”

Zeus Anche Facebook collegherà cervello e computer Come Elon Musk, ma senza interventi chirurgici

Zeus Anche Facebook collegherà cervello e computer Come Elon Musk, ma senza interventi chirurgici

f1_0_zeus-anche-facebook-colleghera-cervello-e-computer-come-elon-musk-ma-senza-interventi-chirurgici.jpg

«E se potessi digitare direttamente dal cervello?»: questa era la domanda che Facebook si poneva un paio d’anni fa, lanciando un progetto di ricerca finalizzato alla costruzione di un apparecchio in grado di “leggere i pensieri”.

da: redazione https://www.welfarenetwork.it/

L’obiettivo era avere a disposizione un macchinario che consentisse a chi non può più esprimersi attraverso la voce di digitare su un computer semplicemente pensando le parole che desidera appaiano a schermo.

Ora uno studio dell’Università della California ha dimostrato che il sogno di Facebook è realizzabile.

Leggi l’articolo originale su ZEUS News – https://www.zeusnews.it/n.php?c=27518

Segnalazione “Canto d’Honduras” di Simone Barbato

Segnalazione “Canto d’Honduras” di Simone Barbato

da Reading Is True Love

http://readingistruelove.altervista.org

Readers segnalazione per la Giraldi Editore  Esce il 20 Febbraio “Canto d’Honduras-diario di un naufrago” di Simone Barbato

Titolo: Canto d’Honduras- diario di un naufrago

Autore: Simone Barbato

Data pubblicazione: 20 Febbraio 2019

Editore: Giraldi Editore

Genere: Diario autobiografico

Segnalazione E898-4355-80CC-2E52F9D28A31Segnalazione 1

Sinossi:

Simone Barbato racconta i suoi 57 giorni da “naufrago” su un’isola in Honduras come partecipante a un noto programma televisivo. Il racconto si sdoppia contemporaneamente in due viaggi: il primo, quello reale, dove viene descritto dettagliatamente tutto ciò che succede durante la permanenza sull’isola; il secondo è più spirituale, è il racconto delle sensazioni e delle impressioni intime di questa sua straordinaria avventura.

La scrittura si alterna tra momenti narrativi, una sorta di “diario di bordo”, e altri di riflessioni e poesie inedite. Ricordi personali e famigliari si intrecciano a impressioni e aneddoti sui suoi compagni d’avventura creando una narrazione che racchiude felicemente molti generi letterari diversi, al contempo ironica e profonda, autobiografica e lirica.

Simone Barbato porta il lettore per mano dentro questa storia e dentro di sé, nel suo mondo, nel suo personaggio televisivo e soprattutto dentro la sua parte più intima e misteriosa, rivelandosi anche in una nuova veste artistica: oltre che mimo, attore, tenore lirico, pianista, ora anche poeta.

ALEGAS: Attenti alle truffe telefoniche, e a domicilio. Rivolgetevi ai nostri sportelli di Alessandria e Tortona, aperti tutto il mese di agosto

ALEGAS: Attenti alle truffe telefoniche, e a domicilio. Rivolgetevi ai nostri sportelli di Alessandria e Tortona, aperti tutto il mese di agosto

alegas attenti Truffe anziani 5 .jpg

Alessandria: “Attenti alle truffe, sia telefoniche che a domicilio: continuiamo a ricevere segnalazioni, ad Alessandria come ad Acqui Terme o a Tortona, di persone, soprattutto anziane, sollecitate con proposte di ogni tipo, magari usate come pretesto per entrare in casa. Per avere chiarimenti, prima di firmare proposte di qualsiasi tipo, contattate i nostri addetti: siamo aperti tutto il mese di agosto”.

Paolo Arrobbio, Presidente del Gruppo AMAG, e Andrea Innocenti, Amministratore Unico di ALEGAS, intervengono a doppia voce per segnalare un fenomeno che, nelle settimane estive, pare farsi più intenso, e certamente rischioso.

Ovviamente è ALEGAS, l’azienda del Gruppo AMAG attiva nella vendita di luce e gas, ad essere più spesso utilizzata da malintenzionati come pretesto per proposte poco trasparenti. Continua a leggere “ALEGAS: Attenti alle truffe telefoniche, e a domicilio. Rivolgetevi ai nostri sportelli di Alessandria e Tortona, aperti tutto il mese di agosto”

Una birra 100% piemontese, di Lia Tommi

E’ stato firmato dal notaio l’atto costitutivo della nascita del Consorzio BP sviluppato dalla Cia di Alessandria, in collaborazione alla Cia di Cuneo e Cia Piemonte. Una birra 100% piemontese, che coinvolge imprenditori agricoli e birrifici della nostra regione.
Il marchio, depositato, è Consorzio BP – Birre Piemonte. Lo scopo è proporre un prodotto di qualità fatto da professionisti del settore piemontesi, ciascuno specializzato in una delle parti produttive di filiera, dalla produzione alla trasformazione.
I soci fondatori stanno lavorando per la predisposizione di progetti e sviluppo di iniziative volte al miglioramento del settore dei cereali, del luppolo e dei loro derivati. Il Consorzio costituito faciliterà i rapporti e si occuperà di promuovere, incentivare e valorizzare le produzioni di materie prime da birra del territorio piemontese, con particolare attenzione a quelle produzioni necessarie all’ottenimento di malti e luppoli di alta qualità.
Il Consorzio BP si occuperà anche di provvedere alla raccolta, selezione, lavorazione delle varietà di orzo, luppolo e di altre materie prime destinate alla produzione di birra di provenienza piemontese, anche attraverso la costruzione, acquisizione e gestione diretta di idonei impianti e di macchinari e attrezzature varie. Tra gli intenti c’è anche la promozione di una rete diffusa di birrifici, la commercializzazione e la regolamentazione economica dei rapporti tra i soci nella determinazione dei prezzi di vendita dei prodotti agricoli, fino ad arrivare alla promozione di una rete commerciale in Italia e all’estero per il collocamento delle produzioni.
Una parte importante sarà riservata alla comunicazione e alla promozione del progetto consortile “Made in Piemonte” e alle attività di informazione e pubblicità tra i consumatori.
L’agricoltura sarà protagonista, con particolare riferimento alla qualità del lavoro e delle produzioni, attraverso pratiche colturali rispettose dell’ambiente, metodi biologici e lotta integrata, tutela della qualità delle acque, dei suoli e del paesaggio, attenzione alla biodiversità.
Dopo la fase di start up sarà possibile anche operare con Istituti di ricerca, Università, organi ministeriali, Amministrazione pubblica nel campo della ricerca e della selezione finalizzata al miglioramento della qualità del prodotto e dei metodi di produzione e trasformazione.
Spiega il presidente Cia Alessandria Gian Piero Ameglio: “Abbiamo lavorato alla creazione del Consorzio perché crediamo fortemente nel concetto di tracciabilità, garanzia per i produttori e i consumatori di un prodotto che sia la reale espressione di un territorio e di una metodologia di lavoro. Arrivando da esempi virtuosi nel mondo del vino, abbiamo immaginato un percorso per aiutare tutto il comparto ad avere una crescita e uno sviluppo partendo dalla tracciabilità delle materie prime. Potranno fare parte del Consorzio i birrifici agricoli e le aziende agricole a indirizzo cerealicolo, i trasformatori e le malterie, nel rispetto delle regole definite e condivise dai soci fondatori”. Il presidente eletto è Claudio Conterno, anche presidente Cia Cuneo, che commenta: “Ringraziamo i birrifici artigianali e agricoli che hanno aderito all’iniziativa: tutti insieme iniziamo a disciplinare una materia che è strutturata solo in parte. Abbiamo posto le fondamenta di un percorso lungo, che porterà lontano. In Piemonte si può fare un ottimo prodotto, finalizzato alla conoscenza del consumatore che potrà sapere come è prodotto e da dove arriva la birra che beve”.

Vita su un Pianeta Nervoso: cose da ricordare.

guazzabuglio

Ho voltato l’ultima pagina di questo libro e mi sono detta: ‘caspita’.
Matt Haig presenta tantissimi temi che l’umanità oggi ormai conosce. Ma che purtroppo, per un motivo o per un altro, evita disperatamente di prendere in considerazione. Tanti argomenti che nel XXI secolo, l’era dell’apparire, del mostrarsi sempre migliori di quel che si è, temiamo tutti di affrontare.
Dai danni che l’uso eccessivo dei dispositivi elettronici, dei social media in particolare, provocano alla nostra salute mentale, ai problemi psicologici che oggi sono tanto diffusi (purtroppo) quanto nascosti (purtroppo, di nuovo), al modo disordinato tramite il quale il nostro pianeta reagisce a questo stress di massa che sembra si stia accumulando, ora dopo ora, sulle nostre teste. Fino al ruolo determinante che ha il tempo oggi, nelle nostre giornate. L’essere umano non ha mai vissuto un epoca in cui esistono cosi tanti mezzi per risparmiare tempo, recuperare tempo, impiegare il…

View original post 956 altre parole

Addio Fantasmi (Nadia Terranova)

guazzabuglio

A Messina una sveglia si ferma alle sei e sedici di un mattino che appare uno qualunque ma non lo è. Da quel momento una bambina porterà con se la consapevolezza di un abbandono voluto, se ne farà carico e si lascerà affiancare dal fantasma di un padre che poteva essere e invece non è stato. E non sarà mai.
Una storia che parla di addii. Di legami famigliari difficili da sciogliere anche quando non ci sono più. Narrata con la genuinità e la spontaneità di una donna che non smette mai di sentirsi bambina di fronte a un padre che la abbandona per tornare sotto forma di acqua. Acqua che dilaga e penetra dalle cinta murarie che quella famiglia monca aveva costruito attorno a se dopo il momento dell’abbandono.
Tornare in quella casa che ha accolto due donne abbandonate, tornarci dopo vent’anni passati a cercare di fuggirgli porta a…

View original post 73 altre parole

Sofia si veste sempre di nero.

guazzabuglio

Per me il 2018 si è chiuso con una lettura inaspettata che, come ogni cosa inaspettata, ha serbato tantissime sorprese per rivelarsi stra-ordinaria. 
Cognetti ama raccontare di personaggi femminili e nel parlarcene, sembra proprio voler bene a questa stramba, indocile, tenera e irrequieta Sofia. 
Una ragazza inseguita da una storia difficile da superare che non le risparmia retaggi psicologici con cui lotterà sempre, riuscendo, tuttavia, con tanti sforzi e un po’ di tempo, a trovare la propria strada. 
Una raccolta di storie che pur vivendo di vita propria fanno parte di un insieme più complesso e districano la trama di una vita piccola ma complicata, che inseguono le vicende di una bambina che diviene ragazza e si fa donna nel clima irrequieto degli anni ’70 in Italia, impregnando le pagine di storia. 
Che fine fa Sofia, alla fine di questa storia, non ci è dato saperlo. Per me è come…

View original post 57 altre parole

Audible: cosa ascoltare sotto l’ombrellone.

guazzabuglio

E’ arrivata l’estate! Sono arrivate le interminabili liste di letture estive!
Che l’arrivo dell’estate porti un ottimismo oltremodo smisurato sui titoli che macineremo sotto l’ombrellone sono certa che non capiti solo a me, in quanto lettrice: “Finalmente potrò leggere tutti i libri che non ho potuto ancora leggere, e guai a chi mi disturba!”.

Puntualmente, con l’arrivo di luglio, stilo una lista di ‘letture estive’ talmente lunga che riuscirei a terminarla solo se l’estate, più che composta da due miseri mesi, sia piuttosto un’era geologica.
Una parte di me (quella più assennata e giudiziosa, di certo) bisbiglia all’altra parte di me (quella piena di aspettative che puntualmente vengono distrutte): “Sorella, forse quarantanove libri sono un tantino troppi, per leggerli in due mesi dovresti terminarne uno ogni due giorni, e sai.. “Guerra e pace” non è proprio un’opuscoletto..” – “Ma no, no!..” la ammonisce l’altra parte di me, e dando un’occhiata…

View original post 1.256 altre parole

ABBANDONATE PAROLE

Abbandonate parole
come sabbia al vento,
come l’onda che si muove
alla corrente sotto,
sono quelle che lasciano
orma sul presente
e buca profonda nel passato.
Parole abbandonate
disfarsene con un nulla
sopra l’umida brezza 
di una sera d’estate,
che non è più quella 
baciata dal sole,
e dove avevano valore
anche quelle stesse parole
ora affidate al niente.

Roberto Busembai (errebi)

Immagine web

Le mie parole…

Le mie parole sgorgano dal cuore10256905_285671691599758_8306244913803537358_n

semplici emozioni

deviazioni dell’ animo..

Non conosco vocaboli complicati

ma  semplici emozioni

che raccontano

il mio amore verso Luisa

gioia infinita…

e di me stesso

del mio processo di vita…

Come era… un mare agitato…

e come è ora…

un lago placido di montagna…

Il mio cuore ci guadagna…

ora il sole è dentro la mia vita

gioia infinita

la paura dentro il mio animo

è finita…

La Salita di Gian Piero

La Salita di Gian Piero

https://appuntialessandrini.wordpress.com 5 agosto 2019

Rita Rossa (per conto dell’Associazione Casa Alpina San Paolo)

La salita.jpg

Alessandria. Quante sono le parole che non siamo riusciti a dirci? Tante? Forse, ma sono tante le cose che ci siamo scambiati negli sguardi, nei gesti, negli abbracci.

Oggi a un anno di distanza da che Gian Piero non è più fisicamente con noi sentiamo ancora viva la sua presenza e sempre più grande è la nostalgia di un uomo come lui.

Abbiamo oggi, pur nel dolore della sua assenza, un porto sicuro perché ci ha lasciato gli esempi e la dignità della sua vita di uomo puro. Partigiano fino all’ultimo dei suoi giorni, ha continuato ad esserlo attraverso le parole che ci ha lasciato. Il suo sguardo severo e arrabbiato per le ingiustizie e l’odio verso l’altro ha continuato a vegliare e alimentare la nostra voglia di reagire.

La foto con le magliette rosse indossate dai ragazzi lo scorso anno a luglio è ancora nella bacheca della Casa Alpina a Gressoney e, nella sua semplicità, è il testamento morale e etico che ha consegnato alle generazioni passate e future. Continua a leggere “La Salita di Gian Piero”

“Oltre la porta”, di Andrea Ansevini a Villa Nappi di Polverigi – Ancona

“Oltre la porta”, di Andrea Ansevini a Villa Nappi di Polverigi – Ancona

Grande serata sabato 20 luglio all’interno dell’incantevole scenario di Villa Nappi di Polverigi, piccolo paese dell’entroterra marchigiano in provincia di Ancona per la V Edizione de “Gli Oscar delle Stelle” condotto da Benedetto Maria Ladisa (che ne è anche ideatore e direttore artistico dell’evento) assieme alla ex Miss Italia, Nadia Bengala.

Ansevini 11

Durante la serata, che aveva come tema l’ambiente e la natura, sono intervenuti numerosi ospiti nazionali. A questa serata ha preso parte anche il noto scrittore Andrea Ansevini, polverigiano, ma di origini offagnesi. Ansevini ha ricevuto dalla signora Claudia Carletti affiancata dal Sindaco Daniele Carnevali, una targa speciale come scrittore emergente con il suo romanzo di successo “Oltre la porta” prodotto da Le Mezzelane Casa Editrice, la cui editrice è la signora Rita Angelelli.

Ansevini 20190720_225606d9a

“Sono davvero emozionato, ed è il premio più bello ed emozionante mai ricevuto prima. Mi ricorderò di questa serata per tutta la vita ed è la prima volta che ritiro un premio in mezzo a tanti vip famosi, per cui non posso che ringraziare tanto il Signor Ladisa e il presidente Pino Scaccia per avermi conferito questo premio!”, queste le parole di Ansevini a caldo. Una volta sul palco, dopo aver ritirato il premio, alla domanda su chi volesse ringraziare, Ansevini ha invitato a salire vicino a lui, sua moglie Adele Muscato che supporta in tutto il marito, la sua editrice Rita Angelelli, la sua amica Ilaria Romiti e i lettori Patrizia Giardini e Marcello Moscoloni. Ansevini ha reso anche un gradito omaggio a Giancarlo Guardabassi, direttore di Radio Aut Marche, quella sera non presente, ma rappresentato dallo speaker Claudio, ha parlato del libro della sua amica Alessandra Piccinini, di quello di Alessandra Montali, di Laura Moll e di Maria Anna Mastrodonato.

Ansevini 20190720_225606e6j.jpg

Tra gli interventi più apprezzati quello di Michele Mirabella che ha divertito il pubblico; Sandra Milo che ha commosso il pubblico ed ha ricevuto il premio alla carriera. Tra gli ambientalisti di spicco ricordiamo Linda Maggiori e Marco Gualtieri, i quali hanno messo in primo piano la necessità di eco sostenibilità. Tra i premiati molto apprezzati l’intervento di Ivan Cottini, ospite d’onore a “Ballando con le stelle” affetto da sclerosi multipla; Leopoldo Mastelloni oscar per il teatro, Anna Raviglione oscar alla cultura e Linea Blu di Rai Uno premiato come miglior programma televisivo. Altre targhe speciali sono andate al campione mondiale di pattinaggio Mauro Guenci, e alla giovane Maria Luna, 16 anni, giovane promessa della musica italiana. Grandi congratulazioni per i collegamenti video con Barbara Capponi del Tg1 e da Palermo, con la cantante Carmen Ferreri, seconda ad “Amici 2018” Continua a leggere ““Oltre la porta”, di Andrea Ansevini a Villa Nappi di Polverigi – Ancona”

Bianco letale, il thriller di Robert Galbraith

IMG_1200.jpeg

Bianco letale è il quarto capitolo della storia che vede come protagonista la solida coppia di investigatori Cormoran Strike e Robin Ellacot, di Robert Galbraith. alias di J.K.Rowling, la celebre autrice della saga di Harry Potter.

Come nei precedenti libri, la complessa trama si intreccia attorno ad un nuovo caso che Strike dovrà sbrogliare, per scovare il colpevole di un crudele, feroce omicidio e la relazione tra i due protagonisti e le loro vicende personali.

Ogni libro della serie,infatti, tratta di un caso diverso che segue il suo corso e, al contempo, narra la storia della coppia di collaboratori, soci, amici e dell’altalena di sentimenti, che vanno dalla stima professionale all’attrazione magnetica, dal turbamento all’amore inespresso che li lega.

La sapiente penna della Rowling dipinge personaggi di grande spessore e personalità, con un background solidamente costruito e che ne spiega l’evoluzione nel corso del tempo. Personaggi ai quali ci si affeziona, come fossero degli amici, le cui azioni e reazioni di fronte agli eventi, vizi, debolezze e sfumature commuovono, emozionano,fanno sentire partecipi alla storia. Continua a leggere “Bianco letale, il thriller di Robert Galbraith”

Momenti di poesia, Amore venduto di Grazia Denaro

44539079_1844616572282983_7107586072132976640_n

Tu farfalla innocente

che nel tuo decentrato volo

non trovi mai fiori ma ortiche,

cerchi di suggere quel nettare

né puro, né dolce che spesso ti nausea

ma che per non morire

devi tuo malgrado ingerire.

 

Farfalla ch’esplori sordidi sentieri

volando in cieli infimi e perversi

sopravvivi in discariche maleodoranti,

non respiri aria pura

e non segui mai la scia del sole fulgente.

 

La notte vivi in laidi gironi

accostandoti ad anime impure

che contaminano sprezzanti

le tue fragili ali

macchiando levità e leggerezza

per un amore venduto.

 

@Grazia Denaro@

AMORE CLANDESTINO, di Silvia De Angelis

Senza occhi

quei ritrovi clandestini

nella cattedrale

che si sposa a bacche rosse

Nell’aroma selvatico

di fogge istintuali

e sull’apice d’un’emozione

s’assapora il motivo altisonante

d’un richiamo voluttuoso d’esistenza

vaporoso

su fianchi modellati

da gestualità dolcissime

rarefatte nei fumenti di mughetto

da un involucro segreto

da tenere in silenzio

nella cecità d’un’impressione

@Silvia De Angelis

Il 5G nel Monferrato Casalese è un rischio inutile che causerà danni sanitari e ambientali

Il 5G nel Monferrato Casalese è un rischio inutile che causerà danni sanitari e ambientali

Il 5G

foto: https://www.lastampa.it/alessandria

Oltre ai rischi assai concreti per la salute della popolazione esposta, un altro problema conseguenziale al 5G è l’abbattimento degli alberi urbani, perché riducono la diffusione del segnale, e in tutte le città dove stanno installando il 5G, o intendono farlo, stanno abbattendo gli alberi con la scusa che erano pericolanti o pericolosi o malati ecc..

La notizia non appare in maniera esplicita sui media perché viene appunto dissimulata e mistificata. Sono già decine di migliaia gli alberi abbattuti, si spogliano le città dei preziosi e depurativi ombreggianti alberi per insediare una nuova tecnologia di cui non abbiamo alcuna necessità, se non per addomesticarci e controllarci ancor più.

Dal punto di vista sanitario certamente le persone elettrosensibili, che sono molto più numerose di quanto si pensi (molti non sanno di esserlo m se ne accorgeranno presto) peggioreranno notevolmente la qualità dell loro vita e i disagi, fastidi e disturbi da stress elettromagnetico si accentueranno fino a rovinargli la vita. Continua a leggere “Il 5G nel Monferrato Casalese è un rischio inutile che causerà danni sanitari e ambientali”

Il nuovo romance di Liz Mac Tea in uscita il 9 agosto 2019

Alessandria today: Il nuovo romance di Liz Mac Tea in uscita il 9 agosto 2019

Liz è una scrittrice romance toscana già autrice di due bestseller nella categoria romanzi rosa di Amazon.it come Scrivimi ti amo e Un disastro per amore editi da collana floreale. A luglio 2019 ha pubblicato il romance Non posso innamorarmi ancora con Le Mezzelane CE. 

Il mio errore sei tu, il suo nuovo romanzo in uscita il 9 agosto 2019.

lily Il mio errore sei tu

Prefazione: 

Lily ha un lavoro che ama come editor in una piccola Casa Editrice nel cuore di Londra ma un giorno, a causa di un calo delle vendite, viene licenziata.

Fortunatamente sua sorella, la rinomata wedding planner Ellie Chester, le offre un’opportunità: lavorare per lei. L’occasione è proprio quella di organizzare un matrimonio nel verde e suggestivo Lake District.

L’unico inconveniente è che Lily detesta da sempre tutto ciò che ha a che fare con i matrimoni e con tutte quelle romantiche smancerie.

Però, non può certamente dire di no a sua sorella alle prese, tra l’altro, con la preparazione del suo matrimonio.

Lily così parte per il paese che ha ispirato la penna di Beatrix Potter e dei suoi personaggi.

Ma ad attenderla, oltre a degli sposi adorabili e una simpatica famiglia, troverà anche proprio colui che ha deciso di licenziarla.

Lily lo trova insopportabile e lo odia ma si sa, il confine tra odio e amore spesso è semplice da valicare.

Giovanni Cirri Rifondazione Comunista: La maledizione del mandrogno

Giovanni Cirri Rifondazione Comunista: La maledizione del mandrogno

6c925fc118896387c5479847d2dae8e9

Alessandria: Secondo i dati della Corte dei Conti sono quasi 800 gli enti locali che in circa trent’anni, dal 1989 al 2017, hanno avuto rilevanti criticità finanziarie. La questione deve far riflettere seriamente, in un periodo dove le regioni chiedono più autonomia finanziaria.

I problemi sono al sud e al nord Italia. Alessandria non brilla. Sono anni, che ci ritroviamo in uno stato di crisi. Iniziamo con la giunta Fabbio, PDL-Lega, un disavanzo di amministrazione di oltre 46 milioni; debiti totali cumulati a 312 milioni e uno sbilancio tra entrate e spese di competenza di oltre 57 milioni.

Passando per la giunta Rossa, dichiarazione di dissesto, tagli ai servizi, aumento delle aliquote comunali. Oggi la giunta Cuttica, Lega-PDL, si ritrova un buco di bilancio di 76 milioni di euro, prevedendo tagli ai servizi comunali fino al 2038. Qualcosa ci sfugge. Primo, se l’avanzo a fine 2014 (fonte Sole 24 ore), é stato di nove milioni di euro, con festeggiamenti per l’uscita dal tunnel. Cosa è successo ?

Secondo, VOI eravate e siete seduti in consiglio comunale. Non vi siete accorti di nulla, quando avete letto e votato il bilancio comunale ? 

Alessandria, non merita questa classe politica. 

Un cattivo politico nominerà un pessimo dirigente della pubblica amministrazione, che a sua volta si contornerà di pessimi collaboratori e questo è un terribile effetto a cascata.

(Milena Gabanelli)

Partito della Rifondazione Comunista

Provincia di Alessandria 

Giovanni Cirri 

Il poeta Salvatore Pintus entra nella redazione di Alessandria today – biografia e due poesie

Il poeta Salvatore Pintus entra nella redazione di Alessandria today – biografia e due poesie

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare la biografia e due poesie del poeta Salvatore Pintus che da oggi è un nuovo componente della redazione del blog, in attesa di leggere i suoi post gli do il mio benvenuto anche a nome di tutta la redazione.

Salvatore Pintus.jpg

Biografia di Salvatore Pintus.

Mi chiamo Salvatore Pintus, sono nato a Sassari il 2 gennaio 1948.

Maturità classica

Laurea in Scienze politiche

Ho lavorato come formatore, Direttore e responsabile della progettazione presso lo IAL Sardegna.

Negli ultimi anni di lavoro ho prestato la mia attività presso la Regione Sardegna, Assessorato del Lavoro. Ora sono in pensione e mi occupo di volontariato.

Accomunare e rivisitare 

 

Sghembo quel ragionare

di ricordi

da polvere confusi

nel ripostiglio dell’anima.

Rovistando con te

accomuno vissuti

e intreccio

complicità e futuri,

virtuose interpolazioni

d’orizzonti ;

incontro di spiriti

sulla sponda del vivere

che ci scorre davanti. Continua a leggere “Il poeta Salvatore Pintus entra nella redazione di Alessandria today – biografia e due poesie”

Momenti di poesia. Al calar della sera di Stefania Pellegrini

Momenti di poesia. Al calar della sera di Stefania Pellegrini

Al calar della sera

Ho consumato strade
ho salito gradini, ho sceso scale.
Nelle tasche bucate
ho tra le mani
sassolini del mio vagare.
So di terra, so di mare e non tengo
ancore per ormeggiare.
Ora il vento
mi parla di strade in discesa
e il silenzio,
è un silenzio oscuro.
Nell’aria pungente
solo fruscii di eriche lontane,
fioche fragranze di lavande.
Il mare osserva muto
l’effimero gioco di luci
di un viaggio senza tempo e
la mente ogni pensiero affonda,
come l’onda scompare silenziosa.

Stefania Pellegrini ©
(Anno 2011)

Come Ombra all’Imbrunire, di Manuela Stangoni

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori “Come Ombra all’Imbrunire”, l’ultima opera di Manuela Stangoni.

Un romanzo didattico e di formazione, con molti tratti introspettivi e di riflessione. Anche se è stata usata una storia d’amore. Ci sono anche aspetti antropologici dei nativi americani e della cultura sarda.

Come Ombra all’Imbrunire, di Manuela Stangoni

1a manuela COVER VERA TIZIA 1 JPEG.jpg

Prefazione

Il suicidio non aveva mai fatto parte dei miei progetti per il fu- turo. Eppure, adesso, non mi sembrava possibile poter pensare ad un’altra soluzione.

Certo è, che fino a quel momento, non avevo mai neppure immaginato che mi sarebbe capitato qualcosa per il quale sarei arrivata a decretare per me una scelta così estrema.

1aa manuela foto cover.jpg 3.jpg

D’altronde, che altro mi resta da fare?

Questo mi sussurravano i miei pensieri.

In un battito di tempo avevo concretizzato che, per rendere felice chi amavo, dovevo ineluttabilmente farmi da parte.

1aaa manuela COVER VERA 1 JPEG copia.jpg

E così avevo fatto.

Senza una parola, sottraendomi a scritti inutili, superflui e abbozzati frettolosamente, avevo mollato tutto ciò che dava un senso alla mia vita.

Morire, non equivale per forza alla perdita della vita, può corrispondere semplicemente alla sua assenza. Anche questa è una forma di suicidio.

1aaaa manuela margherita tra i papaveri (Settembre).jpg

Credo.

Ormai, ero certa che soltanto questo genere di morte avrebbe potuto essere un’amica equa e leale; e a me, bastava che lo fosse quel tanto che mi avrebbe permesso di liberarmi di lui: del peso insopportabile che mi affibbiava il suo ricordo, il suo odore, tutto ciò che di lui mi era entrato dentro fino a diventar parte di me.

Quindi, decisi di imparare una cosa nuova…

Vivere senza di lui. Vivere nel buio. Perché senza il mio sole non poteva essere diversamente.

Lettera del Presidente Federmanager – Rinnovato il CCNL dei manager industriali

Lettera del Presidente Federmanager – Rinnovato il CCNL dei manager industriali

Rinnovo CCNL Federmanager – Confindustria 

Care Colleghe, Cari Colleghi,
un rinnovo contrattuale è sempre un risultato importante che non può essere mai dato per scontato. Se vi scrivo oggi è per annunciarvi con soddisfazione che, martedì 30 luglio, abbiamo firmato il nuovo CCNL dei dirigenti industriali. I risultati ottenuti mi agevolano il compito, visto che sono nettamente positivi rispetto agli esiti dei precedenti rinnovi. Non c’è, in questo testo, una sola novità peggiorativa. E sono molto lieto di potervi dettagliare il perché.

cuzzilla.jpg

Il primo punto qualificante è proprio quello di essere intervenuti su tutti gli aspetti chiave del rapporto di lavoro per ridare al contratto, nella sua interezza, un quadro di regole più adeguato alla figura del manager, con significativi miglioramenti.

Sul nostro welfare, in particolare, caro a tutti noi, abbiamo previsto delle novità che trovano espressa menzione nell’accordo e che saranno di grande impatto per garantire la sostenibilità dei nostri enti e renderli ancora più solidi in futuro.

Debuttano finalmente le politiche attive, alle quali sarà interamente dedicata l’apposita contribuzione aziendale di 100 euro per ciascun dirigente in servizio. Ad occuparsene sarà 4.MANAGER, il recente ente bilaterale, al quale il rinnovo dedica ampio spazio e risalto proprio per realizzare iniziative in tema di politiche attive, orientamento, promozione e sviluppo della parità di genere in ambito manageriale e anche per diffondere una nuova cultura d’impresa. Continua a leggere “Lettera del Presidente Federmanager – Rinnovato il CCNL dei manager industriali”

Le bottiglie ‘connesse’ di Guala Closures sbarcano in California grazie a Böen

Le bottiglie ‘connesse’ di Guala Closures sbarcano in California grazie a Böen

2 agosto 2019 Author: Enrico Sozzetti  https://160caratteri.wordpress.com

Le bottiglie connesse sono a stelle e strisce. E grazie a un semplice gesto come quello di avvicinare uno smartphone alla chiusura il consumatore «viene trasportato direttamente nella tenuta di Böen».

Le bott guala-boen.jpg

Il marchio della California, parte di Copper Cane Wines & Provisions di Joseph Wagner, è infatti il primo brand vinicolo statunitense che adotta la tecnologia Near-Field Communication (Nfc), sviluppata da Guala Closures e SharpEnd che consente un accesso immediato alle informazioni sul vino acquistato. Una operazione resa possibile dalla tecnologia e da e-Wak, la chiusura per il vino in alluminio con tecnologia Nfc integrata di Guala Closures, recentemente premiata all’Alufoil Trophy 2019.

«Senza scaricare alcuna applicazione e semplicemente avvicinando lo smartphone alla bottiglia – si legge su una nota diffusa da Guala Closures – è possibile accedere alle informazioni sul vino, immergersi nei vigneti, viaggiare virtualmente fino alla tenuta di Böen, conoscere come è stato prodotto il vino, trovare abbinamenti e condividere le esperienze con altri appassionati, sia all’interno della piattaforma, sia attraverso i social media». Continua a leggere “Le bottiglie ‘connesse’ di Guala Closures sbarcano in California grazie a Böen”

Scherza coi fanti ma lascia stare i santi, di Agostino Pietrasanta

Scherza coi fanti ma lascia stare i santi, di Agostino Pietrasanta

2 agosto 2019 Domenicale Agostino Pietrasanta

https://appuntialessandrini.wordpress.com/2019/08/02/scherza-coi-fanti-ma-lascia-stare-i-santi/

salvini https---media.polisblog.it-b-b74-matteo-salvini-rosario

Alessandria: L’intesa mi è sempre parsa “mostruosa”; ovviamente in senso tecnico e strettamente linguistico: illogica, incomprensibile, irragionevole. Eppure stanno ancora insieme in un turbine caotico, in una tempesta pressoché paragonabile a quella raccontata dall’inferno dantesco.

Tutto questo mentre Salvini impazza sui social, nelle conferenze stampa e nelle interviste, e intanto Di Maio prova a far voce e faccia feroce, ma in definitiva sembra chiedere scusa del disturbo.

Per contentino il Matteo potente insulta alcuni giornalisti pubblicamente, e nel contempo, gran brutto segno, altri giornalisti non solo negano qualunque solidarietà, ma “pregano” i colleghi più coraggiosi o disperati a farsi da parte: in fondo non si può mai sapere come vada a finire: coi tempi che si preparano e con possibili prossime  elezioni e la prospettiva di una maggioranza sufficiente per governare e combinata tra Lega e Fratelli d’Italia, meglio la prudenza, meglio la cautela: una prudenza che, per quanto riguarda me, non la confonderei con la virtù cardinale ben nota. Continua a leggere “Scherza coi fanti ma lascia stare i santi, di Agostino Pietrasanta”

IL MIO NOME È NESSUNO, di vittoriano borrelli

IL MIO NOME È NESSUNO, di vittoriano borrelli

I tablet e gli smartphone dell’ultima generazione fanno ormai parte delle nostre abitudini quotidiane e sono accessori irrinunciabili di ciò che indossiamo. Se ci capita di osservare le persone che ci girano intorno, scopriamo che sono sempre di più quelle intente a parlare al cellulare, a messaggiare o a seguire l’ultima moda del selfie, ovvero l’autoscatto fotografico.

IL MIO NOME E' NESSUNO.jpg

Voglia di visibilità, di sentirsi qualcuno in mezzo a tanta anonimia, sembra essere questa la molla che ha fatto scattare una tendenza sociale sicuramente innovativa e intrigante che ha stimolato non  poco l’interesse di sociologi e psicologi, veri o presunti, del nostro tempo.

Ma qual è il prezzo da pagare e, soprattutto, l’effetto di cotanto protagonismo?

Chi mi segue sa che ho trattato questo argomento in diversi articoli con accenti quasi sempre negativi.  Le infinite strade comunicative rese possibili dalle tecnologie del momento, se da un lato hanno accorciato, e di molto, certe distanze un tempo impensabili e irraggiungibili, dall’altro hanno virtualizzato le relazioni sociali creando più solitudine che appartenenza al contesto, più esclusione che inclusione, in una parola, più emarginazione. Continua a leggere “IL MIO NOME È NESSUNO, di vittoriano borrelli”

La psicologa e psicoterapeuta Piera Pistilli è una nuova autrice di Alessandria today

La psicologa e psicoterapeuta Piera Pistilli è una nuova autrice di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare la biografia della psicologa e psicoterapeuta Piera Pistilli che da oggi è una nuova componente della redazione del blog, in attesa di leggere i suoi post le do il benvenuto anche a nome di tutta la redazione.

Piera Pistilli.jpg

Biografia di Piera Pistilli,

dottoressa psicologa, psicoterapeuta, ha collaborato a diverse antologie con scopi benefici, ha sempre lavorato per i fanciulli ed i ragazzi dedicando ogni suo traguardo alla loro formazione. Ama la poesia e la scrittura in ogni sua forma, madre e donna di grande temperamento vive e lavora a Napoli.

Leggi il suo primo post: https://alessandria.today/2019/07/31/lo-scorrere-del-tempo-di-piera-pistilli/

Granelli di sabbia

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/08/shell-3533882_1920.jpg

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/08/beach-908279_1920.jpg

 

Camminando a piedi nudi

sulla sabbia bagnata

cerco appena di socchiudere gli occhi

e penso a tantissimi

granelli di sabbia.

Li conto piano: uno… due… tre…

Sono i giorni

gli attimi

che ho trascorso con te.

Rappresentano le lunghe ore felici

del nostro amore.

Riapro con leggerezza gli occhi

guardo il cielo

e vedo dei gabbiani in volo:

“Beati loro”, sussurro

e poi guardo il mare

il sole

la spiaggia

e ricomincio ancora una volta

a contare quei piccoli

granelli di sabbia: uno… due… tre…

e ancora penso

ma capisco che è finita.

Resto lo stesso

a contare i miei bellissimi

granelli di sabbia: uno… due… tre…

restando sospesa a contemplare il mare

restando sospesa in una giornata

che via via finisce

con un velo di malinconia.