Non lasciarmi, ti prego

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/08/innamorati.jpg

 

Non abbandonarmi proprio adesso

ho paura di quello che mi aspetta.

Restami accanto

consolami

stringimi forte

non lasciare che il vento mi porti via.

Non lasciarmi

non lasciarmi proprio adesso

ho bisogno del tuo affetto

del tuo amore.

Restami accanto

dimmi che mi vuoi bene

non lasciarmi naufragare in una bufera di illusioni.

Non lasciarmi sola

in questa notte buia e fredda.

Non lasciarmi

resta qui con me

ancora un poco

ti prego.

 

 

“Fotografia sotto le stelle”: incontro con Sebastião Salgado, di Lia Tommi

Daniele Robotti Fotografia & Photoshop
Via San Lorenzo 107, 15121 Alessandria

✨“FOTOGRAFIA SOTTO LE STELLE”✨
Giovedi 8 Agosto la terza serata
💥“Sebastião Salgado vs tutti!”

Tre incontri con tre maestri della fotografia, a cura di Daniele Robotti, orario 21.15 – 22.30 in Via San Lorenzo 107 (2 piano) in Alessandria.
INGRESSO LIBERO 😊

💥La terza serata di “Fotografia sotto le stelle” è dedicata a Sebastião Salgado e alla grande fotografia sociale, come un fotografo può raccontare una esperienza umana, e quando il documento fotografico può cambiare una politica economica e renderci consapevoli in modo diretto di quanto può essere ingiusta la condizione umana nelle sue manifestazioni più drammatiche.
💥In questa serata la fotografia di Sebastião Salgado è raccontata da Daniele Robotti in parallelo con altri tre Maestri della fotografia sociale: Lewis Hine, James Nachtwey, W. Eugene Smith

✅Tre serate dove ti porto all’interno della visione fotografica di tre maestri della fotografia contemporanea, in confronto con lo stile, l’approccio e la tecnica di altrettanti maestri della scena fotografica mondiale.
✅Scopri come tre classici generi della fotografia vengono interpretati utilizzando il colore o il bianco e nero, un approccio scientifico o emotivo, inquadrature pulite in contrapposizione a punti di vista non convenzionali.
✅Il perchè di una scelta, della creazione di uno stile, di una specifica narrazione in tre serate sotto le stelle per una approfondita comprensione di quello che è “fare fotografia”.

Tre appuntamenti informali, discorsive e aperte alle domande e alle curiosità di tutti gli appassionati di fotografia, arte e cultura visiva.
Fabrizio PRIANO Presidente dell’Associazione Culturale Libera Mente-Laboratorio di Idee commenta :
“Un ennesimo interessante Progetto di Daniele ROBOTTI per conoscere tre grandi Maestri della fotografia raccontati attraverso la competenza e la sensibilità di chi ha fatto della fotografia una professione”.

Momenti di poesia. Ascolti diversi, di Luciano Zampini Poeta

Momenti di poesia. Ascolti diversi, di Luciano Zampini Poeta

67532846_10214407632731949_8197075896234934272_n.jpg

Ascolti diversi

La mente che maledizione,

fumo nervosamente

infilando anelli blu di mare profondo

nel tormento di un vulcano al risveglio,

indosso così la collana di ogni sacrificio.

Impunemente le emozioni parlano

esibendo ai quattro venti il vessillo

di una conquista,

di una rinuncia,

di un misfatto.

La mente che maledizione,

ti fa perdere

per ascoltarti diverso.

@Luciano Zampini

Momenti di poesia. E la mota prese vita, di Amos Grilli

Momenti di poesia. E la mota prese vita, di Amos Grilli

67746555_1455963034552399_8111556049330241536_n.jpg

E la mota
prese vita.

….l’inizio della
distruzione
di massa…

E venne il giorno
dell’uomo.
Lo scelto il
prediletto.
Colui che doveva
prendere
padronanza
della terrra.
Questo essere
dalla mota
prese forma.
La cosa è assai
sicura.
Perchè è frutto
di una divina
scrittura.
Beato colui
che non vede
e crede.
Si rallegrò
l’inventore
dell’opera
si perfetta.
Continua a leggere “Momenti di poesia. E la mota prese vita, di Amos Grilli”

Amore.

12522972_10207350914403752_2088538100100811375_n

 

Amore

senza di te

è come se mi togliessero

il sole dagli occhi.

Sei la mia luce

che accompagna il mio cuore

ogni giorno della mia vita

sei il mio viaggio

dentro i pensieri.

Come un fiore delicato

spunti dentro i miei occhi

che brillano d’ amore

come due stelle sopra il cielo.

Il tuo sguardo mi penetra

come un dolce fuoco

e questo fuoco d’ amore

brucerà dolcissimo

dentro i nostri animi

come un’ allegra fiamma

che sorride dentro i nostri cuori e renderà

il fuoco vivo sempre dentro di noi.

Il sole d’estate con i suoi raggi

pieni di calore

terrà  per sempre al sicuro

il nostro amore.

 

Momenti di poesia. Senza te, di Renato Papaccio

Momenti di poesia. Senza te, di Renato Papaccio

38624524_903442419857009_650474605160431616_n.jpg

Senza te

Come faccio stasera a rimanere
al buio ,guardando solo le stelle
senza pensare ad altro

Al buio in solitudine
non è un passatempo bello
è solo un triste isolamento

E’ vero sei lontana da me
ed avrai gli stessi pensieri e
desideri
che mi passano per la mente

Il tempo è tiranno
è complice di questa situazione
è anche un cattivo ispiratore

Ma sognando insieme una notte
d’amore tutto sarà bello
non sarà una notte qualunque

nei sogni io stringerò te,
e tu stringerai me forte , forte
sul cuore,senza lasciarci più.

Renato Papaccio

Momenti di poesia. I due volti della notte, di Dario Menicucci

Momenti di poesia. I due volti della notte, di Dario Menicucci

68317264_814223508974099_987310151243399168_n.jpg

I due volti della notte

Delicata la notte
ci accarezzava la pelle
in un intreccio di mani
e languidi baci.

Abbandonati al buio
ci lasciavamo cullare
da un sogno segreto
soltanto nostro
ingenuo e dolcissimo.

Questa sera le tenebre
gridano forte il tuo nome
e il tuo non esserci
impietoso mi assale
straziandomi il cuore

Dario Menicucci

Momenti di poesia. Esserci, di Renato Papaccio

Momenti di poesia. Esserci, di Renato Papaccio

68267627_1144523512415564_5970035250456166400_n.jpg

Esserci

Sono stanco , mi fermo
un attimo qui seduto
sui gradini del passato
E’ una scala lunga , consumata
con gli anni.

Mi fermo per prendere fiato
per pensare alle cose trascorse
senza avere fretta , meditando
Voglio dire come sono passati
tutti questi anni…?

Sono passati troppo in fretta
con la mia giovinezza
Voglio riprendere energie ,
pensare che forse non è
tutto perduto,consumato col tempo

Si è rimasto qualcosa ,non sembra
esausto o consumato
la grande voglia di fare l’amore
ancora con te..Tesoro mio.

Renato Papaccio

Momenti di poesia. Dentro gli occhi il mare, di Maria Cannatella

Momenti di poesia. Dentro gli occhi il mare, di Maria Cannatella

67523395_926402317732283_862972050615042048_n.jpg

Dentro gli occhi il mare.

Ho il mare dentro gli occhi,
nascosto dentro il cuore.
A volte lo vedo, lo immagino,
altre volte addirittura,
sento il suo profumo.
La salsedine sulla mia pelle,
lascia ancora oggi un segno.
Ho davvero il mare dentro i miei occhi,
lo vedo riflesso, ovunque. .
Sento il rumore delle onde,
i motori accesi delle barche.
I bambini che urlano,
mentre nuotano nel mio mare.
Gli ombrelloni colorati,
riempiono le sue spiagge,
ed i bagnanti,
sdraiati, prendono il sole.
Questo è il mare !
Il mare è la vita che trascorre,
lasciando anche un segnale,
di una semplice abbronzatura.
Cambia il colore della nostra pelle.
Se guardo in lontananza,
mi accorgo che mare e cielo,
hanno quasi lo stesso colore,
perché gli occhi hanno catturato,
quel colore sospeso in aria.

Maria Cannatella @ 4/8/19
Riservati tutti i diritti.
Foto dal web

Momenti di poesia. DANS TON CIEL, di Mirella Ester Pennone Masi

Momenti di poesia. DANS TON CIEL, di Mirella Ester Pennone Masi

67577231_1258318357661129_5783905176167383040_n.jpg

DANS TON CIEL

La lune d’argent
yeux mystérieux,
verser dans le ruisseau
sa lumière vive

capture curieuse
mon mouvement
de petite vague
coulant parmi les ronces
encore chaud du jour.

Le temps se dissout
le dernier écho distant,
J’éclaire palpitant:
Je suis star dans ton coeur
pour une nuit de plus;

comme “Perséide”
Je pleure dans ton ciel
larmes d’août:
“Pluie de mon désir”

*

NEL TUO CIELO

La luna d’argento
occhieggia misteriosa,
versa nel torrente
la sua luce brillante,
Continua a leggere “Momenti di poesia. DANS TON CIEL, di Mirella Ester Pennone Masi”

Il Piccolo: Anziano ‘in fuga’ da casa imbocca l’autostrada contromano

Il Piccolo: Anziano ‘in fuga’ da casa imbocca l’autostrada contromano

E’ successo sulla bretella di Novi Ligure. Un 89enne si era allontanato e la moglie ne aveva denunciato la scomparsa

Il Piccolo

02 Agosto 2019 di ELIO DEFRANI http://www.ilpiccolo.net/

1564744182377.jpg--anziano__in_fuga__da_casa_imbocca_l_autostrada_contromano.jpg

immagine d’archivio

NOVI LIGURE — Per un 89enne francese di origini algerine è scattato il ricovero coatto in ospedale: l’anziano ha imboccato contromano la bretella autostradale di Novi Ligure, diretto verso la A7. Fermato dalla polizia stradale di Ovada, arrivata sul posto tempestivamente per evitare che potesse accadere una tragedia, ha dato in escandescenze e per lui – vista l’età – il medico del 118 ha disposto un trattamento sanitario obbligatorio.

L’89enne era alla guida di una Toyota Yaris con targa francese e ha imboccato la bretella tra la A26 e la A7 contromano, in direzione della Milano-Serravalle. La pattuglia della polstrada ci ha messo pochi minuti a rintracciare l’auto, che fortunatamente si era fermata all’interno dell’area di servizio Marengo Sud ma con il guidatore pronto a imboccare di nuovo il tratto contromano. Al volante gli agenti hanno trovato l’anziano E. S., in evidente stato confusionale tant’è che alla richiesta dei documenti ha dato in escandescenze. Sul posto è arrivata anche l’ambulanza e il medico ha disposto il ricovero all’ospedale di Novi Ligure.

La polizia stradale poi ha scoperto che l’uomo si era allontanato dalla propria abitazione a Gonfaron (nei pressi di Cannes) e la moglie ne aveva denunciato la scomparsa. L’auto è stata sottoposta a fermo e la patente dell’uomo revocata.

Momenti di poesia. Se fossi nata farfalla, di Rosetta Amoroso

Momenti di poesia. Se fossi nata farfalla, di Rosetta Amoroso

67760915_905098573181438_6517234128578936832_n.jpg

Se fossi nata
Farfalla 
Volerei a spiare 
Tutti i malvagi e li fermerei
Ancor prima di commettere errori
O strani o far del male a qualsiasi essere
Vivente , volerei sugli occhi di chi dorme sospesi in un sonno a metà strada tra al di là e di qua , e li sveglierei portandoli alla gioia della vita, toglierei il troppo ai ricchi per dare a chi ha bisogno , o volerei sulle teste di chi ha il potere di comandare il mondo  e gli sussurrerò io farfalla
Il buon senso verso i suoi simili.

Amoroso Rosa  “@@”

Il Piccolo: Rivalta Bormida, esplosione in casa, muore un uomo di 85 anni

Rivalta Bormida, esplosione in casa: muore un uomo di 85 anni

Il Piccolo.png

IL DRAMMA La vittima è Nino Pesce. Nell’abitazione anche la moglie

1564987042042_1564987061.jpg--rivalta_bormida__esplosione_in_casa__muore_un_ottantenne.jpg

05 Agosto 2019 di I.P. http://www.ilpiccolo.net/

RIVALTA BORMIDAUn forte rumore poi il drammatico epilogo. Nino (Stefano) Pesce, 85 anni di Rivalta Bormida, ha perso la vita per l’esplosione, probabilmente, della caldaia della sua abitazione di via Paolo Bocca, appena fuori paese. Il fatto è avvenuto nella tarda serata di domenica. Con lui anche la moglie Angela che, fortunatamente, non è stata coinvolta nella deflagrazione. Sul fatto stanno indagando i Carabinieri e i Vigili del Fuoco che dovranno accertare la natura del fatto. Non si esclude, al momento, un crollo strutturale. 

Momenti di poesia. “La mia mamma”, di Patrizia Caffiero

Catherine-Spaak2

Le generazioni si alternano con passo così lento che, in un mattino di aprile, scopri che tua madre è diventata una donna anziana, di colpo.

Nell’alba di un sonno serale cerchi per casa la sua assenza

‘formichina, formichina, dove sei?’

e non riesci a svegliarti, non prima di averla rivista, in piedi accanto allo scaffale dove riponi le conserve, tonno, riso, pasta, ceci e lenticchie, aurata di luce leggera, sfocata, come se si fosse rivelata a te solo per l’anima di gazzella che ha, in purezza.

Com’è bella tua madre, mi dicono tutti dopo averla incontrata la prima volta, ed è arcano il mistero per cui lei rimane attraente dietro le rughe.

Si supplica la madre di rimanere qui per tutto il tempo possibile, come si chiedeva la mattina prima di andare a scuola, il panino con la nutella.

Non è da tutti avere qualcuno come lei a sorvegliarti l’esistenza anche da lontano. Se si concentra, sa sempre cosa mi accade.

Quando avevo sette anni mi seguiva se mi allontanavo per esplorare le strade accanto al Cesare Battisti senza farsi vedere, per darmi spazio, per farmi provare cosa si sente a camminare da soli.

Infatti ce l’ho fatta: sono qui,, a curarmi ogni ferita; so uscire dalle trappole; so godere del pranzo che mi preparo con cura.

Finché non mi addormento.
Per sognare la mamma.