Russia, giallo sull’incidente nucleare. Corsa nelle farmacie per le pillole di iodio antiradiazioni

Mosca ammette l’esplosione al largo di Severodvinsk. Almeno 5 le vittime

MARTA OTTAVIANI 11 Agosto 2019 https://www.lastampa.it/

Tomsk.png

TOMSK (SIBERIA). A quattro giorni dall’esplosione nucleare vicino alla città russa di Severodvinsk, sul Mar Bianco, il numero dei morti è salito ad «almeno cinque», ma la ricostruzione dei fatti rimane parziale e i timori per eventuali fughe di radiazioni continuano a crescere. La Rosatom, il colosso nucleare russo, ha infatti confermato solo ieri la cifra delle vittime, rimaste uccise nel corso di «un test missilistico». Evidentemente top-secret.

Rosatom ha spiegato che molte persone erano state scaraventate in mare dalla deflagrazione: «Il propellente del missile ha preso fuoco e successivamente è esploso, provocando un’onda d’urto che ha gettato in mare diversi nostri specialisti: le ricerche sono continuate fino a quando non si è esaurita la speranza di trovare i sopravvissuti». Questa, in parte, sarebbe la spiegazione per la reticenza delle autorità a fornire maggiori dettagli della sciagura. Anche Mosca ha confermato che l’incidente è avvenuto durante il test di un motore missilistico. Ma le versioni ufficiali non convincono gli esperti, che mettono in campo altre ipotesi, fra cui una, proveniente dagli Usa, secondo cui l’esplosione potrebbe stata avvenuta durante la prova di un nuovo missile nucleare da crociera, lo stesso di cui aveva parlato il presidente russo Vladimir Putin lo scorso anno. Segno che, nell’Artico, la Guerra Fredda non è mai finita.

Non è mai.png

Le spiegazioni da parte delle istituzioni sono state scarne e sono arrivate a troppe ore di distanza dall’accaduto, tanto da non poter essere percepite come esaurienti o completamente attendibili da parte della popolazione locale. La stessa Rosatom ha diramato due comunicati separati dove nel primo aggiornava sul numero delle vittime, mentre nel secondo spiegava che l’incidente si era verificato durante il supporto tecnico di fonti di energia isotopica su un sistema a propulsione. In parole povere, alimentazione di tipo nucleare. Quello che non è stato specificato, è se l’esplosione abbia dato luogo a una diffusione di radiazioni e quale sia stata la sua entità. La versione ufficiale rimane ancora quella di due giorni fa del ministero della Difesa, secondo la quale le emissioni radioattive non hanno avuto variazioni significative. Ma a questa credono in pochi, per primi alcune fonti a Severodvinsk, per cui l’alterazione dell’intensità c’è stata, anche se non sono in grado di quantificarla. Secondo Greenpeace, invece, le emissioni sono state 20 volte la norma. Tanto è bastato per gettare nel panico gli abitanti della cittadina, che conta una popolazione di circa 185 mila persone. Le farmacie hanno esaurito le scorte di iodio, sostanza che protegge la tiroide dalle radiazioni. Una situazione delicata per Putin, che proprio in questi giorni celebra i 20 anni alla guida del Paese.

Oggi gli occhi sono puntati su quella che molti chiamano «Chernobyl na lidu», la Chernobyl sul ghiaccio. Si tratta della prima centrale nucleare galleggiante che l’estate prossima partirà per un viaggio lungo 5.000 chilometri. L’obiettivo di Mosca è quello di portare energia nelle zone più remote del Paese sfruttare, dal punto di vista commerciale ed energetico, le nuove rotte artiche che lo scioglimento dei ghiacci ha messo a disposizione.