Dalla mia pagina FB: “Nonna Lina vi consiglia”

Siamo in estate, anzi siamo a ferragosto, e quale piatto migliore in queste giornate estive, se non una bella PANZANELLA, ma io oggi vi voglio insegnare una panzanella particolare, che ho scoperto in quel libro favoloso di mia nonna…..io l’ho provata e vi garantisco che è un delizioso piatto unico da gustarsi in riva al mare, o in un verde prato, o comunque anche in casa magari con un ventilatore o condizionatore acceso…..Buon ferragosto amici e buon appetito.

Ingredienti:

400/600 gr di Pane casalingo raffermo
4 o 5 pomodori piuttosto maturi
2 belle cipolle fresche rosse toscane
2 cetrioli
un mazzetto di radicchio da taglio
un finocchietto non tanto grosso
una bella carota
una fetta dal taglio medio di prosciutto crudo saporito
due o tre acciughe sott’olio
una scatoletta di tonno 
tre uova sode
un cucchiaio di capperi
una fetta di formaggio emmental 
strisce di peperone in agrodolce rossi e gialli.
Quattro o cinque foglioline di basilico
un pizzico di peperoncino frantumato
sale 

Tagliate il pane raffermo a fette spesse e queste ritagliatele a grossi dadi, poi mettete il tutto in bagnomaria con acqua preferibilmente fredda. Lasciatelo ben inzuppare per circa 10/15 minuti.
Nel frattempo prendete tutti gli ingredienti (eccetto i peperoni), li pulite, lavate bene le verdure, tagliate a tocchetti il pomodoro, il formaggio, il finocchietto, la carota, i cetrioli, il prosciutto, spezzettate il tonno e i capperi, tagliate in varie parti le uova che avrete precedentemente rassodate e freddate e spezzettate il basilico,e poi mettete tutto in una capiente zuppiera, condite con abbondante olio EVO e unite il peperoncino e il pepe. 
A questo punto strizzate ben bene il pane raffermo, lo sbriciolate come meglio possibile e lo unite alle verdure sopra condite, mescolate bene e con cura, aggiungete ancora un poco di olio EVO, salate e poi come decorazione usate le striscie di peperone giallo e rosso mettendole sopra il composto. Ricoprite con un piatto o carta argentata e mettete in frigorifero. Servite freddo.

ERREBI

Immagine web