La Galleria Guerci. Poesia in dialetto alessandrino di Sandro Locardi.

Galleria Guerci - Alessandria

La Galleria Guerci
di Sandro Locardi

A j’uma chì ‘n sità ’na galereja
che tücc i lisandren i sbatu veja;
l’è stacia cuncepija ‘cme ‘n giujèl,
at fer batì a l’à doi bèi cancèl.

U’s vig l’antichità d’i so lampion,
s’i fisu nenta nejer ‘cme ‘l carbon!
In dì a son pasà an galereja,
a stava riparà perché ‘l piuviva.

Con l’acqua ch’la bativa la tetòia,
u m’è scapà i fastidi con la noja.
A fava girè j’ógg an sa e ‘n là,
a l’impruvisa ad culp, am son fermà.

A vig tücc i negòsi bèi pulit,
ma ‘d fora, sul spurcisia dapertìt.
E ist second a me l’è scandalus,
che i lisandren i pasu pèr scarus.

A ciam ant in negòsi: – Come mai,
i teni in pòst acsé, ‘cme letamai?
– I m’òn rispòst: – Ormai a suma stònc,
‘duvei semper ciamè ch’i dagu ‘l biònc.

– Ma ‘l scuvi, con in mòinu i pori pièli,
’cmensònda a spasè tüt el ragnateli;
ai paviment uj basta ‘na lavà,
au rèst u dev pensèj al padron ‘d cà.

Se Guerci a l’è u nòm ‘dla galereja
e tücc j’eredi j’òn in at’ cugnòm,
pèr nenta vighi tüt ‘sta purchereja,
i devu esi guerci pèr dabon.

Traduzione

Abbiamo qui in città una galleria,

che tutti gli alessandrini buttano via;

è stata concepita come un gioiello, di ferro battuto

ha due bei cancelli.

Si vede l’antichità dei suoi lampioni,

se non fossero neri come il carbone!

Un giorno sono passato in galleria,

stavo riparato, perché pioveva.

Con l’acqua che batteva sulla tettoia

mi sono scappati i fastidi con la noia.

Facevo girare gli occhi di qua e di là,

all’improvviso, di colpo, mi sono fermato.

Vedo tutti i negozi belli puliti,

ma di fuori, solo sporcizia dappertutto.

Questo, secondo me, è scandaloso,

che gli alessandrini passino per sporcaccioni.

Chiedo in un negozio: – Come mai tenete

un posto così come un letamaio? –

Mi hanno risposto: – oramai siamo stanchi,

di dover sempre chiedere che diano  il bianco.

– Ma le scope, con un manico potete prenderle,

cominciando a spazzare tutte le ragnatele;

ai pavimenti basta una lavata,

al resto deve pensarci il padrone di casa.

Se Guerci è il nome della galleria

e tutti gli eredi hanno un altro cognome,

per non vedere tutta questa porcheria,

devono essere guerci per davvero.

 

L’autore di questo articolo è Maurizio Coscia, scrittore del libro “Il Viaggio di Simone

Pagina facebook del libro: https://www.facebook.com/Evan-Jung

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...