Momenti di poesia. Virginia, di Salvatore Pintus

T’ho sposato a Macondo,

sulle orme di Aureliano,

al suono d’un clavicembalo

ben temperato,

all’inseguimento di me stesso.

T’ho lasciato alla Ciudad Perdida

tra le rovine;

sublime allegoria

d’una vita sgangherata.

E seguito

a rincorrermi.

One thought on “Momenti di poesia. Virginia, di Salvatore Pintus”

  1. Stile particolare e incondibile, di questo autore, che si sofferma prevalentemente su personalità femminili…
    Poesia molto apprezzata

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...