La poetessa Helena Malachová  si presenta ai lettori di Alessandria today (biografia e tre poesie)

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori del blog la poetessa Helena Malachová e alcune sue poesie, come conseguenza delle sue vicissitudini Helena definisce la sua poesia “autoterapia dell’anima”.

Helena Malachova.jpg

Note biografiche

Sono nata a Brno (Cecoslovacchia) il 10. 6.1974.

Lavoro come traduttrice e interprete. 

Ho iniziato a scrivere alla soglia dei 40 anni, in seguito ad un evento traumatico della mia vita. È per questo che mi piace definire la mia poesia (anche) “autoterapia dell’anima”.

Oggi la scrittura è un’attività quotidiana. La contemplazione del mondo, un’indagine interiore, una passeggiata onirica oppure un grido di battaglia in una guerra magnificamente persa. Helena Malachová 

Poesie:

mi sono

Mi sono esibita in mille danze
Tentato i numeri da contorsionista
Fatto cadere veli su veli
Ho spedito biglietti gratis
sempre allo stesso indirizzo
Sono stanca adesso
Il circo non fa per me
Le lacrime di pagliaccio
sono le più tristi

Helena Malachova

Bramavo.jpg

Bramavo i dolci frutti
di un rosso scuro e intenso.
Il loro succo colava,
colava sul mio mento,
sui miei seni, sul ventre inquieto.
La bocca volevo saziarmi.
Quando mi sentii mancare,
era tardi per salvarmi.
Avevo ingerito veleno letale
del quale nessuno conserva l’antidoto.
Se solo tu li avessi mangiati con me!
Allora, per una strana alchimia,
avrebbero sortito l’effetto
della più potente medicina.

Mizzelana

Helena Malachova

Le porte.jpg

Le porte della notte

Apro le porte della notte.
Entrano le stelle in fila,
grilli canterini, innocui fantasmi.
I gatti accendono gli occhi,
la luna s’è fatta minuscola.
Il libro che non ho letto
si sfoglia da solo, discreto,
con un lieve fruscio di foglie.
Tutte le cose che non so
crescono sugli alberi: frutti giganti.
I sogni s’avvinghiano alle gambe,
penetrano le cavità del corpo.
Ho spazzato dal tavolo gli alambicchi,
tra le schegge pozioni d’amore
bagnano le assi di legno: pozzanghere.
Ho cacciato via le lucciole.
Non mi muovo, mentre intorno a me
ogni cosa succede e gira

Helena Malachova