La Nazione: Giovane mamma in arresto cardiaco sul treno, medico la salva. “Ma non sono un eroe”

Giovane mamma in arresto cardiaco sul treno, medico la salva. “Ma non sono un eroe”

Carlo Santucci, medico, era sul treno insieme a una 40enne toscana colta da malore. L’ha salvata davanti agli occhi del marito e della bambina della donna

Ultimo aggiornamento il 30 agosto 2019 alle 19:34

Condividi Tweet Invia tramite email

Schermata 2019-08-30 a 23.51.16.png

Carlo Santucci

Firenze, 30 agosto 2019 – Da precario a Roma a possibile dipendente dell’Uls 1 Dolomiti: a spianare la strada per un possibile impiego in pianta stabile per Carlo Santucci, medico romano di 33 anni, è stato l’intervento di soccorso durato 40 minuti che gli ha permesso di salvare martedì una 40enne toscana – di Tavarnelle (Firenze), gestisce una struttura ricettiva a San Casciano –  in arresto cardiaco sul treno Obb delle Dolomit che accompagna i cicloturisti dalla pista San Candido-Lienz fino alla stazione di Dobbiaco.

La 40 enne di Tavarnelle era in ferie in montagna col marito e la figlia piccola. Aveva preso il treno che va da Lienz a Dobbiaco, dall’Austria all’Italia. Sul vagone vicino c’era anche il dottor Carlo Santucci. Avrebbe dovuto fare il percorso in bici, ma ha preferito all’ultimo momento il treno. Poco dopo la partenza, la donna si accascia a terra, colpita da un attacco cardiaco. Il marito e un’infermiera che si trova vicino le prestano i primissimi soccorsi. Con 40 minuti di massaggio cardiaco ha salvato la donna. E fare il massaggio per 40 minuti è una prova davvero difficile, anche per il fisico.

Santucci è laureato in medicina e chirurgia, è abilitato alla professione e lavora come precario in una clinica di Roma. Si trovava in vacanza a Cortina, la terra in cui affondano le radici della sua famiglia e che frequenta fin da quando era bambino: in assenza di un defibrillatore, è riuscito a soccorrere la turista fino all’arrivo dell’eliambulanza. Ora quella prova concreta delle sue capacità potrebbe diventare un’opportunità di lavoro e un cambio di vita in un’altra regione… continua su: https://www.lanazione.it/cronaca/carlo-santucci-1.4759070

ANSA: Morta parto, autopsia e 23 indagati

ANSA: Morta parto, autopsia e 23 indagati

Dopo decesso 34enne ad Ancona. Accertamenti il 6 settembre

85bf8afc652d3f06e1b3f69d2c52d175.jpg

http://www.ansa.it

(ANSA) – ANCONA, 30 AGO – Sono 23 le persone, tra sanitari e medici, indagate per l’accusa di omicidio colposo di una 34enne tunisina, Zohra Ben Salem, madre di due figli, residente a Loreto (Ancona), morta il 25 agosto al Salesi di Ancona durante un parto indotto per espellere il feto già deceduto.

    L’iscrizione è stata fatta dal pm Serena Bizzarri come atto di garanzia nell’ambito dell’accertamento autoptico disposto sulla donna e sulla bimba morta in grembo alla 38/a settimana di gravidanza. Oltre all’accusa di omicidio colposo, la procura contesta anche l’interruzione colposa di gravidanza. Gli accertamenti, previsti per il 6 settembre, verranno eseguiti dal medico legale Antonio Tombolini e dal ginecologo Silvano Scarponi. I medici hanno parlato di “quadro acuto e imprevedibile” per la donna che potrebbe essere stata stroncata da embolia polmonare amniotica.

ANSA. ‘Non ce la faccio più’, muore su Cervino Alpinista polacco ha mollato corda, caduto per 200 metri   

‘Non ce la faccio più’, muore su Cervino

Alpinista polacco ha mollato corda, caduto per 200 metri

http://www.ansa.it

4be9e3b2940309bc5f2d800433008b74.jpg

(ANSA) – AOSTA, 30 AGO – E’ stato recuperato morto l’alpinista polacco di 57 anni precipitato nel pomeriggio per circa 200 metri sul Cervino. “Era quasi arrivato in cima alla parete” chiamata Cheminée “quando mi ha detto ‘Non ce la faccio più’. Poi ha mollato la corda ed è caduto”, ha riferito l’amico ai soccorritori. Il compagno di scalata, suo connazionale di 34 anni, procedeva davanti. I due non erano legati ma solo aggrappati alla corda fissa. Il cadavere è stato ritrovato in una pietraia, sotto un salto di rocce.

    Erano partiti oggi, venerdì 30 agosto, dal rifugio Oriondé Duca degli Abruzzi (2.802 metri) per arrivare, entro sera, al bivacco Capanna Carrel (3.830 mt). Da qui, domani avrebbero dovuto raggiungere la vetta del Cervino (4.478 metri), seguendo la via normale italiana. Gli accertamenti sono affidati dal Soccorso alpino della guardia di finanza di Cervinia.

    L’elicottero è riuscito a intervenire solo alcune ore dopo l’incidente a causa della scarsa visibilità.

   

Alessandria, malori in mensa aziendale: 25 dipendenti in ospedale

Alessandria, malori in mensa aziendale: 25 dipendenti in ospedale

È accaduto nell’azienda Bobst, a San Giorgio Monferrato, in provincia di Alessandria. I lavoratori sono stati trasportati in codice verde nei nosocomi di Casale Monferrato e Vercelli. Si pensa possa essere un’intossicazione alimentare 

tg24social.png

Venticinque lavoratori dell’azienda Bobst, a San Giorgio Monferrato, in provincia di Alessandria, hanno accusato malesseri e sono stato trasportati in ambulanza, in codice verde, agli ospedali di Casale Monferrato e Vercelli.

Si ipotizza l’intossicazione alimentare

La causa dei malori potrebbe essere un’intossicazione alimentare alla mensa aziendale.
“I campioni degli alimenti – sottolinea il capitano Christian Tapparo, comandante della Compagnia dei carabinieri di Casale Monferrato – sono subito stati repertati dalle pattuglie sul posto e abbiamo richiesto l’intervento dei colleghi del Nas”… continua su: https://tg24.sky.it/torino/2019/08/30/alessandria-intossicazione-mensa.html

L’uomo imperfetto

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/08/luomo-imperfetto.jpg

 

https://alessandriatoday.files.wordpress.com/2019/08/cigni.jpg
“Amore che da sempre fuggi
nascondendo il tuo calore
nei paesi di tutto il mondo.
Dimmi!
Perché non ti fermi un momento?
Non sei stanco di girare tutto in tondo?”
“Sono stanco e tanto!
Ma voglio nascondermi lontano, lontano
dove le persone non meritevoli
non assaggino il mio mistero
“Sei cattivo e orgoglioso!
Cosa avrà mai fatto questa povera gente?”
“Mille cose abominevoli!
Avere l’amore è davvero un dono.
Non tradire se ami davvero
il tuo cuore deve essere sincero.
Non fare promesse se non puoi mantenerle
fare soffrire è questione di poco.
Non mentire se ti è possibile
la sincerità dev’essere vera!
Non tradire il tuo essere folle
è l’amore che ti fa correre forte”
“Tradire, vane promesse, mentire
sono cose davvero meschine.
Ma oramai è il mondo che va così
e dell’amore che è un dono
non importa proprio a nessuno”
“Non direi affatto così
importa davvero
e tanto lo sai!
Ma è l’uomo imperfetto
che rovina il tutto
e dell’amor non se ne prende cura!”

Governo, totoministri: Economia e Viminale, in arrivo due tecnici, quote rosa per i dem. La scheda con tutti nomi

In attesa di conoscere il futuro diLuigi Di Maio, tra i 5 Stelle tre nomi con alte probabilità di far parte del Conte bis: Alfonso Bonafede, fedelissimo del capo politico M5S, si avvia a una riconferma al Ministero della Giustizia (ma c’è sempre l’alternativa del dem Andrea Orlando o di un altro grillino, Nicola Morra); Sergio Costa dovrebbe mantenere l’ufficio più importante del Ministero dell’Ambiente, aiutato dall’ottimo rapporto costruito con Zingaretti durante la crisi dei rifiuti di Roma (se invece il Dicastero va a Leu si potrebbe puntare su Rossella Muroni); per quanto riguarda il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giuseppe Conte sta insistendo per assegnare lo snodo chiave che nel governo uscente era affidato al leghista Giorgetti, al grillino Vincenzo Spadafora.

Ecco, proprio questa scelta di Conte rende però più complicato il rebus sulla vicepresidenza del Consiglio… continua su: Governo, totoministri: Economia e Viminale, in arrivo due tecnici, quote rosa per i dem. La scheda con tutti nomi

Il Fatto Quotidiano. Governo, Di Maio presenta i punti sull’ambiente: “Chiudere centrali a carbone, no a inceneritori e stop a trivellazioni petrolifere in mare” 

“L’ambiente non è uno slogan e nemmeno un like ai posti di Greta Thunberg. E allora diciamo che chiudiamo le centrali a carbone entro il 2025, no a nuovi inceneritori e via alla dismissione degli esistenti. Infine, stop alle trivellazioni petrolifere in mare”. Dopo le consultazione col presidente del Consiglio incaricato Giuseppe Conte, il capo […] continua su: Governo, Di Maio presenta i punti sull’ambiente: “Chiudere centrali a carbone, no a inceneritori e stop a trivellazioni petrolifere in mare” – Il Fatto Quotidiano

Repubblica.it. Governo, Di Maio: “Sì ai nostri punti o voto”. Zingaretti: “Basta ultimatum o non si va da nessuna parte”. Delegazioni 5S e dem ora da Conte

Il premier ha chiuso le consultazioni. Il leader 5S al termine pronuncia parole durissime: “Il Conte bis può nascere o no”. E poi: “Non

Sorgente: Governo, Di Maio: “Sì ai nostri punti o voto”. Zingaretti: “Basta ultimatum o non si va da nessuna parte”. Delegazioni 5S e dem ora da Conte – Repubblica.it

Momenti di poesia. Fiumi di lacrime, di Luciano Zampini Poeta

Momenti di poesia. Fiumi di lacrime, di Luciano Zampini Poeta

ciao mondo

69735867_10214572121524066_3891535176731197440_n.jpg

Fiumi di lacrime

Sono un pescadore di frodo,
sguazzando nel marcio di uno stagno
divento l’alchimista delle parole
vendendo oro ma è piombo fuso.

Abile manipolatore
tramuto la bionda paglia in pane,
un farabutto di classe
nel lanciare la rete delle menzogne.

Qui, si proprio da questo pulpito
predico la catena degli abbracci,
di fiori rossi al sorgere del sole,
di spine spuntate nel nascere.

Sono un pescadore di frodo,
di un amore eterno,
ma la verità è in questa penna
che verga fiumi di lacrime.

@Luciano zampini

Momenti di poesia. PASCOLO PROIBITO, di Giacomo Brugnano

Momenti di poesia. PASCOLO PROIBITO, di Giacomo Brugnano

69292314_120369429324121_2276796415973785600_n.jpg

PASCOLO PROIBITO
La vidi sdraiata sull’erba,
non resistetti, ed ecco che liberai
le mie carnose labbra a pascolare
sulla sua dolcissima pelle.
Ma quando il pascolo arrivò
sulle Dolomiti, pur non essendo
un alpinista, scalai abilmente
quelle montagne rocciose.
Dall’alto ammirai quel
meraviglioso panorama
e cosi decisi di tornare a valle.
Bella come non mai si presentava
davanti ai miei occhi,
privi di arbusti e cespugli.
Dopo aver ristorato in quella valle incantata
tornai in collina e lì restai fino a notte fonda.


Giacomo Brugnano – Copyright 03.10.2017
Dalla serie: il poeta passionale.

CANZONIERE PRIVATO, di Francesco Ferracuti

CANZONIERE PRIVATO, di Francesco Ferracuti

Alle Donne nella mia vita

Canzoniere Privato di Francesco Ferarcuti.png

Prefazione

Quando l’autore di questi testi ci dice che si tratta di canzoni – di testi di canzoni – va preso alla lettera. Non importa che siano già stati musicati o meno: questi brani si “sentono”, sono tracce di album. O attendono di diventarlo. Fate attenzione alle scelte metriche. Occhio alle rime. Riuscite a sentire l’accompagnamento? Prende forma quasi da solo. La loro musicalità viene tutta da lì.

Non è solo una questione di scelte tecniche. Dobbiamo prenderlo alla lettera, l’autore, anche perché la forma canzone gli è necessaria. Non poteva dire quello che dice in nessun altro modo. E che dice? Be’, molte cose, ma principalmente tre. Ascolta. Rallenta. Avvicinati. E le dice prima di tutto a se stesso.

La forza di questo invito (la sua sincerità?) è il risultato di un lavoro di sottrazione. Non del tipo che rende secco e tagliente il linguaggio, ma dell’altro tipo: di quello che smussa, arrotonda, abbassa la voce. Toglie di mezzo tutto ciò che di troppo. L’inutilmente complesso, il retorico.

Lo stile è piano, e il linguaggio è semplice: è quello della canzone. Perché solo così poteva essere.

Simone Tosoni (Professore associato in Sociologia dei processi culturali e comunicativi presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

AUTORE: Francesco Ferracuti  TITOLO: Canzoniere privato © 2019 – Controluna ISBN: 9788885791756 PAGINE: 112 p. PREZZO: 11,90

Francesco Ferracuti.jpg

BIOGRAFIA

Francesco Ferracuti, nato a Fermo, nelle Marche, dopo la laurea in Storia dell’arte contemporanea sceglie di dedicarsi alla carriera d’insegnante nella scuola dell’infanzia. Dalla passione per la musica, unita a quella per la cultura giapponese, nasce il gusto di componimenti brevi e la stesura di testi di canzoni, alcuni dei quali eseguiti e incisi.

Passer le relai / Passing the baton

Gaston Bessette, Photographie

Difficile comme dans la vraie vie de passer le relai, Il y a toujours de l’encombrement et il faut être précis. Au Domaine du Far-West de Mirabel le gymkhana est toujours populaire.

Difficult as in real life to pass the relay, there is always congestion and it must be precise. At the Domaine du Far West of Mirabel the gymkhana is always popular.

View original post

Jeune danseur autochtone / Young native dancer

Gaston Bessette, Photographie

Il y a quelques semaines, la nation mohawk tenait son Pow-Wow annuel où des jeunes et moins jeunes participaient à des concours de danse. Ce jeune a épaté les spectateurs par ses acrobaties.

A few weeks ago, the Mohawk Nation held its annual Pow Wow, where young and old participated in dance competitions.This young person amazed spectators with his acrobatics.

View original post

Il chitarrista

Il Blog di Nicolò

Buio. Tutto buio. Quel buio pesto, profondo, disorientante.
Il buio di un seminterrato nel cuore di Parigi. Nel silenzio si sentiva lo
zampettare dei topi nella fogna sottostante che scrosciava maleodorante. I
rumori della via al di sopra erano ovattati da due tendine bordeaux che
nascondevano quella taverna ad occhi indiscreti. Tacchi veloci e chiacchiericci
lontani erano solo a pochi metri da un letto sfatto e da un tavolo dalle gambe
traballanti, sudicio di cene fugaci.

E da una chitarra.

In quel lurido e malconcio buco, tra le coperte sozze e un
neon che sfarfallava ronzando c’era lei.

Una chitarra.


View original post 972 altre parole

Volevo scrivere una poesia…

Il Blog di Nicolò

Dante d’amor scrive con rime incatenate
“Anche io voglio scrivere una poesia”
 Con pensieri, emozioni e parole tutte scatenate

Filastrocca assolutamente non voglio che sia
Lettera d’amor non vi penso nemmeno
Vorrei qualcosa di semplice, di sillabe magia

Osservo, non usare uno scrivere alieno
Nessuno scrivere aramaico voglio postare
Cose strane e incasinate men che meno

Una poesia sulla poesia stessa vorrei fare
Rime, con concetti e nobili emozioni
Parole che non dal ridere fanno sbragare


View original post 349 altre parole

BUGIE D’APRILE

Scrivo dunque esisto

Non avevo mai visto un anime prima di questo. Cioè sì, Dragon ball, One piece e Rossana e Arale. Cartoni per bambini, con storie poco seguite e con molti buchi nella mia memoria.

“Guardati ‘Bugie d’aprile'”. Un anime. Non mi ha mai attratto la cosa. I movimenti meccanici, le immagini fisse, il fatto che non è vera voce uscente da vere bocche. Li trovavo finti, fasulli, caricature. Non pensavo potessero portare delle emozioni. Così tante emozioni. Così tante sincere emozioni.

Bugie d’aprile é la storia di quattro ragazzini comuni che inseguono i loro sogni. Ventidue episodi da venti minuti. Sette ore e mezza di serie. Una sola continua magia.

Ragazzini comuni che ti insegnano ad amare la vita e la libertà; ti insegnano che tu non sei il risultato che raggiungi, ma sei tutto il contorno, che il tuo sogno è facilmente raggiungibile, perché non consiste nel momento in cui…

View original post 159 altre parole

SINDROME DI STO ‘CCOLMA

Scrivo dunque esisto

Il sole fa mezzaluna
Sui miei occhi
Le tegole dei tetti
Disegnate dalle orme dei gatti
Le chiome degli alberi
Toccate dal canto degli uccelli
L’aria soffice e rosea
Cullata dal chiacchiericcio della gente
La familiarità con cui ricordo
Ogni centimetro di questa città
Le speranze con cui accompagnavo
Ogni passo in avanti
L’affanno con cui rubavo
Minuti di indipendenza
Il posto dell’amore, il posto dei sospiri
Il posto delle mie torture.

View original post

PICCONE

Scrivo dunque esisto

Dice che devo scrivere

Che non devo lamentarmi se nessuno mi ascolta

Perché sono io che sussurro

E qua tutti gridano e la gente non sa dove girarsi

Figurati se guardano una bassina come me

Che fa passi piccoli che non arriva con le gambe alla fine della strada

Figurati se io potrò mai contare qualcosa

Che poi cosa dovrebbe contare di me che non ho nulla da dire

Che quando posso parlare mi chiudo in un armadio

Che i miei pensieri si accavallano e girano su loro stessi come cricetini

Cosa dovrei contare io?

Questa domanda mi scolpisce il cuore

E il piccone fa così male che mi bagna gli occhi.

View original post

ROMANZO STORICO

Scrivo dunque esisto

Se focalizziamo le nostre forze sui nostri desideri c’è più probabilità che diventino realtà.

Penso a come organizzare il mio futuro *per quanto ciò sia possibile* e penso alla persona con cui vorrei condividere la mia vita. Penso alla distanza che ci separa ora e a quella che vorrei non ci fosse in futuro e colloco questo futuro non troppo lontano dal mio attuale presente.

Bisogna capire dove continuare i miei studi, dove cercare lavoro, come andare in questa nuova città, cercare nuove case, avere il tempo di poter scegliere le opzioni migliori in modo da vivere al meglio la nostra vita e il nostro amore.

È un nostro sogno ed è un nostro diritto in quanto cittadini italiani.

Ma è proprio la nostra patria *che dovrebbe tutelare e garantire il benessere deicittadini* il primo grande ostacolo.

A parte la mancanza di lavoro, a parte la sfiducia completa nei…

View original post 266 altre parole

“Risorgimento Vallebormida”. Avviso ai naviganti. Né Nimby né Oinby

“Risorgimento Vallebormida”. Avviso ai naviganti. Né Nimby né Oinby

https://www.rete-ambientalista.it

Talvolta i Comitati ambientalisti soffrono di una delle due sindromi. Per la NIMBY  Not In My Back Yard, lett. “Non nel mio cortile”, il Comitato vuoleimpedire a casa propria ad es. l’inceneritore ed è indifferente se esso viene rifilato ad un altro cortile.

risorgimento 1inby-1Risorgimento 2 Mappa_ValBormida_OK

Per la OIMBY “Solo io nel mio cortile”, il Comitato vuole fare da solo ed evita alleanze con altri Comitati come fossero interferenze. Il “Movimento di lotta per la salute Maccacaro”, che gestisce il Sito “Rete ambientalista.

Movimenti di lotta per la salute l’ambiente la pace e la nonviolenza”, non ammette orticelli. Ad esempio, ritiene che la valle delBormida e affluenti da tutelare inizi alle sorgenti e duri fino alla confluenza con il Tanaro, anzi oltre.

Dunque ritiene che la rinascita della Valle Bormida  non possa che passare dall’unità delle lotte di Cengio, Acqui Terme,  Sezzadio, Spinetta Marengo eccetera. Non a caso titoliamo queste lotte sotto la dizione “Risorgimento Vallebormida”.

Momenti di poesia. Oh mio dolce canto, di Vittorio Zingone

Momenti di poesia. Oh mio dolce canto, di Vittorio Zingone

tumblr_4c0f5eb9eafd62073604d4d95b20407d_add1b79c_640

Oh mio dolce canto

Oh mio dolce canto di Sirena
Nel cuore silenzioso della notte!
– Vieni, ti aspetto –
Grido alla tua anima;
Ma tu non senti
O non sei sensibile
Al mio grido.

Tu, mio cielo gravido di stelle,
Mio giardino fiorito in primavera,
Mio mare calmo
In cui non ho timore di nuotare!

Tu, mio orizzonte in cui muovo passi,
Perché così distratta al mio richiamo?

foto tumbir

Momenti di poesia. GLI SPAZI DEL CUORE, di Maria Savatteri

Momenti di poesia. GLI SPAZI DEL CUORE, di Maria Savatteri

69216117_436526230287235_120533691612004352_n.jpg

Io non torno mai sui miei passi
vado avanti piano piano
cammino lungo la via
non m’ importa dove andremo o cosa faremo
accompagnata dai miei pensieri
con le scarpe sulle spalle
e tanto amore dentro il cuore
si va via
prima o poi o forse
mi fermerò e
lo farò solo quando a casa mi sentirò
per adesso cammino , vado avanti.
Lungo la strada, incontro
amore e lamentele
io interperrita , continuo non mi fermo
anche contro maldicenze e
le male lingue
pronte a criticare ogni singolo momento
non importa non fa niente
non hanno un senso
ne consenso
assieme prendendoci per mano ci allontaniamo
fusi e confusi cerrchiamo la via
con la testa tra le dita e
non le dita nella testa
non come quelli fuori di testa
quella è gente che resta
cerco la magia , una sintonia una melodia
per il cuore e l ‘anima mia
ed intanto io
vado avanti
passo dopo passo
non mi fermo
se non con l’ anima mia

Maria Savatteri
30 agosto 2017

Foto Goccedicielo

IL LIBRETTO DI CERIMONIA CIVILE: 5 OTTIMI MOTIVI PER REALIZZARLO

Storie in punta di righe

Il libretto di cerimonia civile è il libricino che contiene le letture che hai deciso di inserire all’interno del rito civile per rendere il giorno del tuo matrimonio unico e speciale. Contiene, di solito, anche altri contenuti di testo, come l’indicazione dei momenti fondamentali che costituiscono i passaggi secondo cui si svolge la cerimonia e i ringraziamenti.

Il libretto di cerimonia civile è, quindi, una guida indispensabile al rito. Fa in modo che gli invitati lo seguano senza problemi e si sentano pienamente coinvolti e partecipi del vostro giorno, vivendolo minuto per minuto insieme a voi.

Ma non ha soltanto la funzione di raccogliere i testi e di guidare gli invitati durante la cerimonia. Ci sono altri motivi, non meno importanti, per cui il libretto di cerimonia civile è fondamentale il giorno del tuo Sì. Vediamoli insieme

1)Il libretto vi aiuta a non smarrirvi per l’emozione

Da…

View original post 912 altre parole

Come fare la dichiarazione d’amore più bella e romantica che c’è!!

Storie in punta di righe

Come fare la dichiarazione d’amore più bella e romantica che c’è alla persona che amate? In questo post 10 spunti che vi aiuteranno a trovare le parole giuste ❤

La dichiarazione d’amore alla persona amata può essere difficile da fare, poiché non è sempre facile trovare le parole e il tono giusto per comunicare il sentimento che abbiamo dentro, per esprimere tutta la profondità del legame che ci unisce a lui o a lei.

love-594427_960_720.jpgAttesa, sospirata, sognata, indimenticabile per chi la riceve, la vostra dichiarazione d’amore dev’essere perfetta:

View original post 375 altre parole

BIGLIETTI DI RINGRAZIAMENTO: NO ALLE FRASI, SCEGLI UNA FILASTROCCA!

Storie in punta di righe

I biglietti di ringraziamento per il matrimonio rappresentano un pensiero gentile e affettuoso per ringraziare tutte le persone che hanno condiviso con la loro presenza o con un gesto cortese e premuroso la gioia e la felicità delle vostre nozze. Il galateo di matrimonio prevede infatti che si ringrazino parenti e amici che hanno partecipato alle nozze e ai festeggiamenti e anche tutti coloro i quali che, pur non potendo partecipare alla cerimonia e al ricevimento, hanno inviato un telegramma, un biglietto d’auguri, un mazzo di fiori o un regalo.

Ci sono molti modi per ringraziare gli invitati e le persone che vi sono state vicine, anche se non fisicamente presenti. Spesso, assorbiti dall’organizzazione di altri dettagli del matrimonio e dalla concitazione dell’evento, si rischia di non pensarci subito e ricordarsene all’ultimo, ritrovandosi a chiedersi: i miei amici e parenti, i miei ospiti come li ringrazio?

SCRITTAIo vi consiglio di…

View original post 110 altre parole

3 modi per raccontare la tua storia d’amore per il matrimonio

Storie in punta di righe

Vuoi condividere con i parenti e gli amici i momenti più belli, romantici e incredibili del vostro amore? E vuoi farlo in un modo speciale? Sei capitata nel… post giusto 😉 Qui ti suggerisco oggi tre maniere per raccontare la vostra storia d’amore in vista delle nozze che a me piacciono particolarmente e che sono di sicuro effetto e successo:

– la vostra storia raccontata a puntate,
– il sito (o blog) dedicato alle vostre nozze,
– i post sui social network.

Il giorno delle nozze è per ogni coppia un punto di partenza e un punto di arrivo. Per i vostri invitati sarà un giorno di festa e un bellissimo ricordo, ma la maggior parte di loro vi arriverà sapendo poco o nulla dei tanti momenti belli, delle avventure e delle vicissitudini che avete vissuto insieme e che vi hanno infine portato a compiere il grande passo del…

View original post 689 altre parole

WEDDING STATIONERY: CHE COS’È E COSA RACCONTA [CON INFOGRAFICA]

Storie in punta di righe

La Wedding Stationery [con la e] è l’insieme di tutti gli elementi di carta – stationery significa infatti cartoleria – che accompagnano e caratterizzano le vostre nozze. La wedding stationery, molto spesso nominata anche wedding suite, ha l’importante ruolo di conferire personalità alle vostre nozze e di costruire lo stile ma soprattutto l’atmosferaeil sogno del vostro grande giorno. Comunica con i vostri ospiti, perché dà informazioni sull’evento. Trasmette quella che è l’immagine del vostro matrimonio e cosa significa per voi.

La wedding stationery racconta di voi

La wedding stationery vi rappresenta. La sua composizione e il modo in cui è realizzata e curata parla di voi, della vostra identità di coppia e dell’armonia del vostro stare insieme.

La wedding stationery racconta voi e la vostra storia in tantissime maniere. Lo fa con itestiche avete deciso per le partecipazioni e gli inviti, per il libretto…

View original post 240 altre parole

La vittoriese Ina Bordonaro dal 2013 ha iniziato a lavorare nel campo della moda aprendo uno studio tutto suo sfoggiando il suo innato talento!

La vittoriese Ina Bordonaro dal 2013 ha iniziato a lavorare nel campo della moda aprendo uno studio tutto suo sfoggiando il suo innato talento!

Il suo percorso comincia nel 2009, all’ Harim, Accademia Euromediterranea di Gabriella Ferrera, presso la quale ha conseguito il diploma di laurea. Il 2019 si è rivelato per lei un anno pieno di soddisfazioni in ambito lavorativo. Nel mese di maggio ha visto pubblicati alcuni degli abiti da lei stessa realizzati sul noto mensile di moda “La mia Boutique”. Dopo la vittoria del premio nella sezione sperimentazione, dello scorso anno, Ina torna a far parte della meravigliosa organizzazione che è la GDD fashion Week, non più come concorrente, ma come membro di giuria e stilista ospite, avendo modo di vivere questo grande evento di moda per la prima volta da un punto di vista differente e del tutto nuovo per lei.

Schermata 2019-08-29 a 18.09.39.png

A differenza degli scorsi anni, – racconta Ina – nel 2019 gli appuntamenti con la GDD fashion Week sono cominciati nel mese di aprile con la prima preview, svoltasi al MACRO, museo d’arte contemporanea di Roma. Ad essa ne sono seguite altre due, di cui l’ultima presso il Rufa Space, anch’esso nella città di Roma. Un meccanismo che dà molte opportunità agli stilisti che decidono di concorrere, offrendo loro una grande visibilità e l’opportunità di arrivare direttamente alla fase finale della competizione.

Durante le tre le preview sono stata presente come membro di giuria e stilista ospite. In tutte e tre le occasioni hanno sfilato a Roma abiti appartenenti alla mia vecchia collezione insieme ad altri inediti. Ho preso parte come giurata e stilista ospite anche alla serata di gala del 2 agosto, ovvero la fase finale della GDD fashion Week, svoltasi ad Amantea, in Calabria, presentando in anteprima la mia nuova collezione: “Scoglitti” , composta da sei abiti “Scoglitti” è una collezione che nasce dall’amore profondo per la mia terra.. per il luogo in cui vivo, il mio angolo di paradiso che mi ha vista crescere, tra le onde del mare, tra i pescatori che nel cuore della notte lasciano la terra ferma e lo stile Liberty, forte caratteristica che si può ammirare sui portici delle case più antiche di questo paesino, che regala un cielo variopinto e spettacolare ad ogni tramonto. Scoglitti è un piccolo gioiello che offre uno spettacolo naturale intenso, ricco di odori, di sapori e di colori che riempiono di emozioni il cuore e l’anima di chi li guarda. Continua a leggere “La vittoriese Ina Bordonaro dal 2013 ha iniziato a lavorare nel campo della moda aprendo uno studio tutto suo sfoggiando il suo innato talento!”

Sara al tramonto di Maurizio De Giovanni, recensione di Cristina Saracano

20190829_2034441944061721903716151.jpg

Sara è una donna anonima, ma bellissima, con un passato complesso e segreto che nasconde attraverso i suoi capelli che ingrigiscono senza far nulla, i suoi vestiti informi, fatti apposta per passare inosservata, i suoi silenzi e lo sguardo serio, ma Sara è molto di più.

Sara è ex poliziotta, ex mamma, un termine che non si dovrebbe nemmeno pensare, eppure lei ha abbandonato un figlio bambino per inseguire un grande amore, infischiandosene di tutto, ha vissuto una storia con quest’uomo, intensa, unica e irripetibile, e ora che lui se ne è andato, rimane ogni momento della sua vita nei suoi pensieri, ogni ricordo è un macigno duro da reggere,  proprio perchè la felicità pareva cucita addosso a loro due, su misura. E adesso, infatti, a Sara questa felicità non sta più bene, le notti sognanti hanno lasciato il posto a un sonno pilotato da gocce dannose e anche un po’ inutili.

Il tentativo di riabbracciare il figlio, ormai uomo e, presto, padre, è svanito anch’esso. La vita con Sara sa essere molto crudele. Ma lei non si arrende, mai.

Un’amica ed ex collega la convince a occuparsi di un caso di omicidio di un facoltoso quanto antipatico uomo della Napoli bene, Sara, rispolverando le sue ottime doti investigative e la capacità di leggere il labiale altrui, non si tira indietro, offrendosi in aiuto a un goffo commissario e coinvolgendo la compagna di suo figlio, che si dimostra abilissima nonostante il pancione che custodisce il futuro nipotino di Sara. Continua a leggere “Sara al tramonto di Maurizio De Giovanni, recensione di Cristina Saracano”

Lo scrittore e poeta Giacomo Brugnano si presenta ai lettori di Alessandria today

Lo scrittore e poeta Giacomo Brugnano si presenta ai lettori di Alessandria today

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare la biografia dello scrittore e poeta Giacomo Brugnano.

Giacomo Brugnano.jpg

Biografia

Giacomo Brugnano nasce a Cutro, (KR), il 6 novembre 1956.

Dopo una pluriennale emigrazione in Germania è rientrato nella primavera 2003 nella sua città, Cirò Marina, dove attualmente risiede.

Autore di diverse opere letterarie. Ha pubblicato i romanzi: “Il vento impetuoso di quella notte” (dicembre 2000) e “Caraconza” (maggio 2003). Centinaia di pensieri, poesie e racconti.

Giacomo Brugnano, raccoglie innumerevoli consensi in Italia, dal Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, dal Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, dal Ministro per gli italiani nel mondo, Mirko Tremaglia, dall’ex sindaco di Cirò Marina, Dott. A.D. Facente, dal Prof. G. Ferrari, da Mons. A. Terminelli.

Il 9 agosto del 2001 ottiene un’apprezzabile riconoscimento dall’amministrazione comunale di Cirò Marina, presieduta dal sindaco, sen. Nicodemo Filippelli. Il 18 agosto del 2005 dalla citata amministrazione ottiene il prestigioso riconoscimento “Calliope sotto le stelle”.

Il 26 Febbraio 2008 l’amministrazione del comune medesimo, presieduta dal sindaco, dott. Nicodemo Parrilla, è orgogliosa di annoverare tra i propri concittadini, lo scrittore e poeta Giacomo Brugnano interprete dei sentimenti dell’animo popolare cirotano, ed aperto ad ampi orizzonti culturali e rilascia un pregevole attestato di merito.

Inoltre ha ottenuto i seguenti consensi anche all’estero: dall’Ambasciata Italiana di Berlino, dai Consoli di Amburgo, Dott. Antonio Cardelli, Francoforte, Dott. Sandro Siggia, Stoccarda, Dott. Mario Musella, Colonia, Dott. Gianfranco Colognato, Monaco di Baviera, Min. Plen. Vittorio Tedeschi, Hannover, Dott. Renzo Pennacchioni, Dortmund, Dott. Enrico De Agostini, dal Corriere d’Italia, Dir. Mauro Montanari, Francoforte, dal Consulente della Regione Calabria, Giovanni Frijio, Weinstadt.

Il vento impetuoso della notte.jpg

Il Vento Impetuoso della Notte, di Giacomo Brugnano

È un libro autobiografico, che narra la storia, vissuta e sofferta, dall’autore, Giacomo Brugnano da Cirò Marina. Secondo il mio modesto giudizio è un libro che ben merita di essere letto attentamente e ponderatamente e meditato, perché i vari capitoli hanno il pregio di donare sollievo e di farci rivivere, come in un mondo nuovo, un mondo ispirato alla bontà, all’onestà ai sacrifizi, all’AMORE, principalmente, ai supremi valori della vita. I capitoli, tra l’altro, sono colmi di grazia, di sensibilità, di stupore e sono stati scritti con i piedi a terra, come si suol dire, e privi di retorica e di affettazione, ma con semplicità e, soprattutto, con spontaneità. Continua a leggere “Lo scrittore e poeta Giacomo Brugnano si presenta ai lettori di Alessandria today”

La scrittrice genovese Mia Alexander si presenta ai lettori di Alessandria today (biografia e libri pubblicati)

La scrittrice genovese Mia Alexander si presenta ai lettori di Alessandria today (biografia e libri pubblicati)

di Pier Carlo Lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori del blog la biografia e i libri pubblicati dalla scrittrice genoveseMia Alexander.

Foto Mia. Alexander copia

BIOGRAFIA

Mia Alexander è nata e cresciuta a Genova. Ha iniziato ad appassionarsi alla letteratura e alla scrittura fin da giovanissima, prima componendo poesie, poi passando ai racconti e infine ai romanzi.

Durante l’adolescenza, con i suoi racconti ha vinto per tre volte un premio al concorso letterario genovese “Poetando insieme”.

A diciotto anni ha pubblicato il suo primo libro con la Casa Editrice milanese Editrice Nuovi Autori: si trattava di una raccolta di racconti e di una breve opera teatrale, dal titolo “Relazioni”.

A dicembre 2018 è uscito con Delos Digital il suo primo romanzo “Ma se resti…”, in origine solo in edizione digitale, poi anche in cartaceo con Youcanprint.

“Ginevra”, edito da ErosCultura, è uscito il ad aprile di quest’anno, in formato e-book e cartaceo. Continua a leggere “La scrittrice genovese Mia Alexander si presenta ai lettori di Alessandria today (biografia e libri pubblicati)”

Monumenti di Napoli

Napoli ieri oggi e domani

L’età dei
Normanni – 2

Particolari
della facciata della Chiesa di Santa Maria a Piazza antico edificio di Aversa
città fondata dai Normanni.

Gli “Uomini
del Nord” – 2

L’atteggiamento tenuto dai gruppi dirigenti e dalle
popolazioni dell’Italia meridionale nei confronti dei Normanni non fu uniforme.
Nei territori controllati dai Longobardi e in quelli dei ducati di Napoli,
Gaeta e Amalfi, le bande normanne venivano utilizzate esclusivamente come
truppe mercenarie in occasione dei molteplici scontri tra i vari potentati. Nei
territori posti sotto il diretto controllo bizantino, invece, l’atteggiamento
della popolazione e del ceto politico era più apertamente filonormanno, in
quanto da tempo serpeggiava un forte desiderio di liberare i territori
dell’Italia meridionale dalla dominazione bizantina.

Amato di Montecassino, nella sua “Storia”, afferma che
i Normanni si stanziarono in Italia quando, giunti in pellegrinaggio presso il
santuario longobardo di San Michele al Gargano, furono assoldati da Melo da
Bari, responsabile…

View original post 212 altre parole

Microsoft pourrait lancer sa nouvelle tablette

Les pérégrinations de Liondors

Microsoft pourrait lancer sa nouvelle tabletteLe géant américain a programmé un événement à New York, début octobre, probablement pour présenter sa nouvelle gamme de produits Surface.

Microsoft a envoyé des invitations pour une présentation prévue le 2 octobre prochain à New York. L’événement devrait être consacré au lancement de nouveaux produits de la gamme Surface.

Il serait notamment question de la tablette hybride Surface Pro 7 qui se doterait désormais d’un port USB-C à la place de la connectique magnétique Surface Connect, selon Windows Central.

Elle ne supporterait néanmoins pas la technologie Thunderbolt 3. Sont aussi attendus le produit convertible tablette/PC Surface Book 3 et l’ordinateur portable Surface Laptop 3 qui serait équipé de nouveaux processeurs Intel.

Les sites spécialisés avancent aussi la possibilité que Microsoft lève le voile sur une tablette Surface équipée de deux écrans, son fameux projet connu sous le nom de code Centaurus. Cet appareil, qui devrait tourner sous le système…

View original post 12 altre parole

In un giorno di pioggia

Compensazioni equoree

questa pioggia serena che cessa
l’ombrello riposto nel cesto per carta
un ricordo di madre lontano
dai fiori dipinti di rosso
papaveri e rose di un tempo
di pioggia che cessa
in un cielo sereno
un ricordo di madre
che scordo nel cesto per carta
rovisto il canestro nel giovane giorno
l’ombrello non c’è
un sapore d’amaro mi satura in bocca
un sapore mi satura freddo
il cestino rimane nel vuoto
d’un candido cesto per carta
l’ombrello con rose e papaveri
morto svanito
nel vuoto che morde furioso
mi muore due volte la madre
due volte mi muore nel cuore
lo cerco per mari e per monti
la donna pulisce e poi spolvera
vede l’ombrello ormai liso
dal tempo lasciato
per essere perso nel cesto per carta
lo cerco nel mondo lo cerco o morrò
nel bidone di nuove sporcizie
mi sporgo tra i gusci
tra scarti di tagli di…

View original post 57 altre parole

Riso Venere in crema di peperoni con dadolata croccante di patate

InTheNameOfSeitan

Un calorosissimo saluto a tutti ed eccomi ritornato per cercare di stimolare la vostra fantasia e le vostre curiosità sul mondo dell’alimentazione vegana proponendo un piatto molto originale a base di riso Venere, una delle varietà di riso da me preferite.

E’ un riso integrale molto ricco di fibre, vitamine e sali minerali. Ha la caratteristica che quando lo si cucina emette un’odore di pane fresco… appena sfornato! Meraviglioso, non trovate?

Forza allora cominciamo e non perdetevi per strada che è abbastanza semplice questa proposta 😜👊

Ingredienti (per
2 persone)
:

160 gr di riso Venere

2 Peperoni (di media grandezza)

2 patate di media-piccola dimensione

1 spiccio d’aglio privato dell’anima

prezzemolo

Sale

Pepe

Olio di semi di girasole

Olio evo

In una padella facciamo imbiondire uno spicchio d’aglio diviso in quattro ma privato dell’anima

Sfilettiamo i nostri peperoni con l’ausilio di un…

View original post 373 altre parole

Lui è Ben, di Pier Carlo Lava 

Lui è Ben, di Pier Carlo Lava 

Ben non c’è più ora corre veloce nei pascoli del cielo, qualche mese fa sono stato a casa del proprietario che tra l’altro costruisce dei fantastici modelli di antichi velieri e chiedendo di Ben mi ha dato la triste notizie… ciao Ben… anche da parte della mia cagnona Raissa… che ha compiuto da poco 10 anni.

Alessandria today: Qualche anno fa mentre ero in giro per delle commissioni mi sono fermato al bar Koela a prendere un caffè, entro e mi siedo ad un tavolino, sino a quel momento non ci avevo fatto caso, ma poi guardandomi intorno lo vedo.

Schermata 2019-08-29 a 23.04.06Schermata 2019-08-29 a 23.04.08

Lui si chiama “Ben” è un cane da montagna dei Pirenei di sette anni, che per aspetto e dimensioni a molti incute un certo timore, ma stando a quanto mi ha detto il proprietario con il quale ho intrattenuto una breve conversazione, l’esemplare in questione non è aggressivo, anche se al posto di un ladro farei molta attenzione ad evitare di introdurmi di notte nella casa dove c’è lui… 

Poche ore prima al mattino mi ero fermato nello stesso bar con Raissa la mia cagnona, che per il suo carattere sociale e affettuoso solitamente riscuote un certo successo.  Non mi resta che fare i complimenti a Ben, per un amante dei cani, gatti e animali in genere come il sottoscritto è stato un incontro inaspettato e fantastico.

Ecco le caratteristiche di questa razza, come vengo descritte dal sito:http://dumontperdu.com/il-carattere-del-cane-di-montagna-dei-pirenei/cani-da-montagna-dei-pirenei/admin/46/

Vissuto per generazioni in condizioni materiali particolarmente dure, il Cane da Montagna dei Pirenei è uno spartano che se ha l’occasione si comporta volentieri come i grandi signori sibariti. Continua a leggere “Lui è Ben, di Pier Carlo Lava “

I migliori amici dell’uomo vanno difesi, di Pier Carlo Lava

I migliori amici dell’uomo vanno difesi

Ricordando; Briciola, Angelina, Ira, Raissa, Rag Time Josey e Ungaro

di Pier Carlo Lava

G.B. Shaw ha detto “più conosco gli uomini; più amo gli animali”

Alessandria today: Da tempo ho maturato la convinzione che quattro zampe di solito sono meglio di due e non per una banale questione matematica.

In Italia ci sono circa 7 milioni di cani e 8 milioni di gatti; che vivono in appartamento come effettivi membri della famiglia e spesso il loro numero aumenta perchè oltre agli anziani soli; ci sono tante coppie che non riescono o non possono avere figli (il Piemonte registra il numero più alto di cani in Italia); dati reperibili su Google.

Ungaro.png

I nostri amati animali ci tengono compagnia come fossero persone; credo che questo sia uno dei motivi per cui tanti decidono di adottarne uno o di comprarlo in un allevamento e di questo passo il loro numero in famiglia non potrà che aumentare.

Quando mi domandano perchè sono amico degli animali; rispondo: “perchè sono migliori degli essere umani”.

Loro ti danno tutto; senza chiedere niente in cambio; solo cibo; amore e affetto e sopratutto non ti tradiscono mai; come si fa a non amarli; a non difenderli da chi non li ama.

Raissa 1°.png

Sopratutto da chi si comporta nei loro confronti in modo crudele; li abbandona; li maltratta; li sevizia; li usa per i combattimenti; o ancora peggio per la vivisezione; esperimenti orribili; oltre ogni limite di crudeltà umana; con atroci sofferenze prima della morte.

A quanto sopra si aggiunge il fatto e qui le affermazioni potrebbero essere opinabili; in quanto non viene citata la fonte dei dati; che sulla base di quanto asserisce l’Aidaa; in Italia seppur vietato dalla legge; pare che si mangiano 6-7 mila gatti all’anno; il 10% di tutti quelli scomparsi; un abitudine; sempre stando alle affermazioni dell’Associazione in questione; particolarmente radicata in alcune zone specifiche del nostro territorio. Continua a leggere “I migliori amici dell’uomo vanno difesi, di Pier Carlo Lava”

Dove mangiare a Tokyo

Una Valigia Per Quattro-consulente di viaggi

Se fate tappa a Tokyo avrete davvero l’indecisione su dove mangiare perchè in ogni angolo della città ci sono ristoranti dove mangiare non solo sushi! Avevo visto al programma’ Ristoranti più pazzi del mondo’ alcuni locali particolari che mi hanno elettrizzato! Infatti siamo stati al Niagara Falls nel quartiere Meguro,è letteralmente un buco ma è particolare perche il proprietario era un capotreno e ci sono appese foto delle antiche ferrovie e intorno ai tavoli passa un treno su pista che ti porta il piatto direttamente a tavola!Ovviamente cosa che ha divertito molto mio figlio!IMG_3041.jpg

IMG_4116.jpg        IMG_4166.jpg

Un’altro locale divertente è il Genki Sushi a Shinjuku dove ordini quello che vuoi dal tablet e ti arriva dopo pochi secondi al tavolo tramite il rullo! E se andate nella metropolitana di Tokyo scoprirete un’altra città dove se non avete un buon orientamento è facile perdersi tra decine di negozi e ristoranti.La cucina giapponese…

View original post 62 altre parole