Compensazioni equoree

questa pioggia serena che cessa
l’ombrello riposto nel cesto per carta
un ricordo di madre lontano
dai fiori dipinti di rosso
papaveri e rose di un tempo
di pioggia che cessa
in un cielo sereno
un ricordo di madre
che scordo nel cesto per carta
rovisto il canestro nel giovane giorno
l’ombrello non c’è
un sapore d’amaro mi satura in bocca
un sapore mi satura freddo
il cestino rimane nel vuoto
d’un candido cesto per carta
l’ombrello con rose e papaveri
morto svanito
nel vuoto che morde furioso
mi muore due volte la madre
due volte mi muore nel cuore
lo cerco per mari e per monti
la donna pulisce e poi spolvera
vede l’ombrello ormai liso
dal tempo lasciato
per essere perso nel cesto per carta
lo cerco nel mondo lo cerco o morrò
nel bidone di nuove sporcizie
mi sporgo tra i gusci
tra scarti di tagli di…

View original post 57 altre parole