Commemorazione delle 39 vittime del bombardamento a Borgo Cittadella, di Lia Tommi

Alessandria today @ Web Media Network - Pier Carlo Lava

Alessandria:Sabato 7 settembre la commemorazione delle 39 vittime del bombardamento a Borgo Cittadella nel 75° anniversario (settembre 1944-settembre 2019)

«Cercavamo rifugio e trovammo la morte. Spose, mamme, bambini, mariti, padri, figli, fratelli, sorelle,
un misto di carne e sangue… Oggi un solo spirito che grida a Dio per l’uomo: “PACE”».
Sulla lapide posta in via Giordano Bruno nel Borgo Cittadella di Alessandria sono queste le parole fissate per ricordare gli alessandrini che, nel bombardamento del 5 settembre 1944, perirono drammaticamente.
A 75 anni da quel tragico episodio — non l’unico che colpì la Città durante il secondo conflitto bellico mondiale — l’Amministrazione Comunale invita la cittadinanza alla commemorazione ufficiale del prossimo sabato 7 settembre.
L’incursione aerea avvenne nella tarda mattinata di quel primo martedì del settembre 1944 e le bombe, che avevano come obiettivo i ponti sul Tanaro, colpirono invece numerose case e centrarono l’estremità di un rifugio ricavato in…

View original post 152 altre parole

“Aperto per Cultura” rinviata a sabato 7 settembre, causa maltempo

Alessandria today @ Web Media Network - Pier Carlo Lava

APERTO PER CULTURA:
RINVIATA A SABATO 7 SETTEMBRE CAUSA MALTEMPO

Il Comitato Organizzatore di Aperto per Cultura, consultato il bollettino Arpa emanato nel primo pomeriggio di oggi e viste le previsioni metereologiche che prevedono per l’intera giornata di venerdì 6 settembre un forte calo delle temperature e piogge consistenti, in accordo con l’Amministrazione Comunale, con gli operatori del settore food e con i partner culturali dell’evento e grazie alla collaborazione con le Forze dell’Ordine, informa di aver deciso di posticipare la quarta edizione alessandrina dell’evento, alla giornata di sabato 7 settembre.
L’inaugurazione di Aperto per Cultura 2019 è dunque fissata per sabato 7 settembre alle ore 18.30 in via Vochieri/angolo via Rattazzi ad Alessandria.
Gli Organizzatori ringraziano le Forze dell’Ordine, l’Amministrazione Comunale, i partner culturali e gli operatori del settore enogastronomico per la disponibilità mostrata nel riprogrammare la manifestazione con così poco tempo a disposizione.

View original post

Casale Città Aperta: a settembre doppia edizione, di Lia Tommi

Alessandria today @ Web Media Network - Pier Carlo Lava

Torna nel fine settimana 7-8 settembre Casale Città Aperta, la tradizionale iniziativa per far conoscere i monumenti e i musei cittadini organizzata dell’Assessorato alla Cultura – Museo Civico e in programma abitualmente durante il Mercatino dell’Antiquariato: seconda domenica del mese e sabato precedente.

Come di consueto a settembre Casale Città Aperta raddoppia in occasione della Festa del Vino: ci sarà quindi l’opportunità di visitare chiese e monumenti anche nel fine settimana 14-15 settembre.

I monumenti visitabili saranno: la Cattedrale di Sant’Evasio, la chiesa di San Domenico (dalle ore 15,00 alle 17,30), la chiesa di Santa Caterina, Il Teatro Municipale , la Torre Civica, il Palazzo Vitta e la chiesa di San Michele (sabato dalle ore 15,30 alle ore 18,30 e domenica dalle ore 10,00 alle ore 12,30 e dalle ore 15,30 alle ore 18,30), oltre al Castello del Monferrato (sabato e domenica dalle 10 alle 13.00 e dalle 15 alle…

View original post 257 altre parole

In 350 al ” Casting Day” del primo Paulaner Oktoberfest Alessandria, di Lia Tommi

Alessandria today @ Web Media Network - Pier Carlo Lava

OKTOBERFEST ALESSANDRIA
Sabato 7 settembre in 350 al “Casting day” del primo Paulaner Oktoberfest Alessandria

Sabato 7 settembre a partire dalle 9,30, presso il Teatro San Francesco di Alessandria (Via S. Francesco D’Assisi, 15), prenderà il via il “Casting day” per la selezione del personale che lavorerà al primo Paulaner Oktoberfest Alessandria, in programma da giovedì 17 a lunedì 28 ottobre nell’area dell’ex piazza d’Armi (zona aeroporto). Ad occuparsi della contrattualizzazione e delle assunzioni a tempo determinato del personale sarà la Confcommercio Alessandria, che nei mesi scorsi ha già raccolto e filtrato le candidature pervenute.

L’invio delle candidature per entrare a far parte della squadra della prima edizione alessandrina del Paulaner Oktoberfest si è chiuso domenica 18 agosto. Sono risultati 350 i candidati ammessi al “Casting day”, anche se gli organizzatori si sono riservati di aggiungere nell’elenco eventuali altri curricula che perverranno in tempo utile per poter essere presi considerazione…

View original post 255 altre parole

Applicazione della legge “codice rosso o del revenge porn”, di Lia Tommi

Compagnia Carabinieri di Casale Monferrato:

Nel corso degli ultimi giorni, in seguito all’applicazione della legge nr. 69/2019 denominata: “codice rosso o del revenge porn”, che garantisce maggiore tutela alle vittime di violenza sessuale, atti persecutori, maltrattamenti, diffusione non autorizzata di immagini sessualmente compromettenti e deformazioni dell’aspetto della persona mediante lesioni permanenti al viso, la Compagnia Carabinieri di Casale M.to (AL), ha eseguito due ordinanze di custodia cautelare in carcere.

In particolare:
– I Carabinieri della Stazione di Ozzano M.to (AL) a conclusione degli accertamenti a seguito della denuncia presentata da una 36enne cittadina straniera, residente a Ozzano M.to (AL), traevano in arresto il marito 37enne, con precedenti di polizia, poiché a partire dal 2015 si sarebbe reso responsabile di una serie di maltrattamenti nei confronti della propria coniuge.

– I Carabinieri della Stazione di Ticineto Po (AL) a conclusione degli accertamenti a seguito della denuncia presentata da una 37enne di Valmacca (AL), traevano in arresto un 45enne, con precedenti di polizia, residente in provincia di Pavia, poiché a partire dal maggio del 2019, momento in cui veniva interrotta la relazione sentimentale con la 37enne, si sarebbe reso responsabile di atti persecutori e diffusione di immagini sessualmente esplicite, senza il consenso della controparte.

Arrestato per coltivazione di sostanze stupefacenti, di Lia Tommi

Compagnia Carabinieri di Novi Ligure:

Pozzolo Formigaro, arresto in flagranza di un pozzolese di 26 anni per coltivazione di sostanze stupefacenti al fine di venderla a terzi.
Nell’ambito dei servizi svolti dai Carabinieri di Novi Ligure finalizzati a fronteggiare lo spaccio e qualsiasi altro reato inerente gli stupefacenti, i Carabinieri della Stazione di Pozzolo Formigaro, coadiuvati da quelli della Compagnia di Novi Ligure, hanno tratto in arresto in flagranza di reato M.N., di anni 26 in quanto sorpreso nella flagranza del reato di coltivazione di stupefacenti, in particolare di “Marijuana”.

I Carabinieri sono intervenuti presso un cascinale abbandonato di proprietà della famiglia dell’uomo, dove avevano notato la presenza di vegetazione dalla forma sospetta. Hanno pertanto atteso che arrivasse qualcuno presso la cascina e, a seguito di perquisizione domiciliare veniva rinvenuta una serra, in fase di realizzazione, dall’ampiezza di circa 32 mq completa di impianto idrico e contenente 14 piante di canapa indiana dell’altezza di 240 cm, 88 gr di sostanza stupefacente del tipo “marijuana” essiccata e 351 gr di infiorescenza di piante di canapa indaca. Inoltre sono stati rinvenuti vari strumenti specifici per la coltivazione, lavorazione e trasformazione della canapa in vera e propria sostanza stupefacente destinata alla vendita.
L’uomo è stato tradotto presso la casa circondariale di Alessandria su disposizione della Procura della Repubblica di Alessandria, per la convalida dell’arresto. Continua a leggere “Arrestato per coltivazione di sostanze stupefacenti, di Lia Tommi”

Alessandria: nuovi fondi per il taglio dell’erba,di Lia Tommi

ALESSANDRIA È stata approvata dalla Giunta comunale, nella seduta odierna, una variazione di Bilancio di 130.000€ che saranno impiegati per attività di pulizia e taglio dell’erba in area urbana, extraurbana e nei cimiteri.
L’assessore ai Lavori Pubblici e Aree Verdi, Giovanni Barosini, d’intesa con il sindaco di Alessandria, Gianfranco Cuttica di Revigliasco ha condiviso con l’assessore al Bilancio, Cinzia Lumiera, la necessità di procedere alla formalizzazione della variazione che oggi è stata approvata.

Sono stati stanziati:
– 40.000€ che saranno destinati ad integrare quanto già previsto per la rimozione delle erbe infestanti lungo i marciapiedi dei quartieri cittadini per renderli nuovamente praticabili;
– 40.000 € per integrare quanto già previsto per il diserbo meccanico dei cimiteri in particolare dei vialetti del cimitero monumentale di Alessandria e dei 13 sobborghi cittadini; la somma sarà, inoltre, impiegata per la pulizia straordinaria delle strutture e dei camminamenti del cimitero urbano, dove la presenza di volatili ha compromesso in molti punti le condizioni igienico sanitarie, per garantire il doveroso decoro degli spazi;
– 50.000€ saranno destinati alla pulizia ed eventuale sagomatura dei fossi di alcune strade comunali extraurbane
A queste risorse si aggiungono quelle straordinarie già previste dalla convenzione con il Teleriscalmento mediante la quale sono stati messi a disposizione 220.000€.

Continua a leggere “Alessandria: nuovi fondi per il taglio dell’erba,di Lia Tommi”

Novi Ligure: controlli per arginare l’attività di questua molesta, di Lia Tommi

In data 3 settembre u.s. alle ore 16.15 circa , durante il quotidiano controllo delle piazze, onde arginare /debellare l’attività di questua molesta, la Polizia Municipale di Novi Ligure individuava un soggetto straniero extracomunitario intento ad esercitare tale attività lungo la locale piazza XX Settembre.

Al soggetto extracomunitario che è stato compiutamente generalizzato e risultato in regola con il permesso di soggiorno, è stata contestata sanzione amministrativa attinente la citata violazione e notificato ordine di allontanamento ai sensi dell’art. 100 bis del regolamento di polizia urbana. Seguiranno segnalazioni alle autorità competenti.

I controlli della Polizia Municipale nelle piazze ed in altre aree ritenute sensibili proseguiranno costantemente anche nelle prossime settimane.

Il Capitano Ferdinando Angeletti lascia l’incarico di Comandante della Compagnia Carabinieri di Acqui Terme, di Lia Tommi

Acqui Terme – Lascia il Comando il Capitano Ferdinando Angeletti.

Domenica prossima, dopo quattro anni, il Capitano Ferdinando Angeletti lascerà l’incarico di Comandante della Compagnia Carabinieri di Acqui Terme.
Il 31enne ufficiale romano, giunto nella città della bollente nel settembre 2015, assumerà il nuovo incarico di Comandante della Compagnia Carabinieri di Catanzaro.
Quattro anni intensi, in cui i Carabinieri della Compagnia di Acqui Terme hanno saputo affrontare efficacemente i fenomeni criminali che hanno colpito le valli dell’acquese e dell’ovadese. I risultati non sono mancati. Quasi duecento arresti e oltre tremila persone denunciate nel quadriennio, che hanno permesso di mantenere, in valore assoluto, molto bassi i dati sulla criminalità, specialmente predatoria, con un’azione sia preventiva che repressiva che ha permesso un calo dei furti e, contestualmente, un aumento di quelli scoperti dalle attività investigative. Continua a leggere “Il Capitano Ferdinando Angeletti lascia l’incarico di Comandante della Compagnia Carabinieri di Acqui Terme, di Lia Tommi”

Fase finale Coppa Italia Serie C

“ C O P P A I T A L I A S E R I E C “
F A S E F I N A L E
CALENDARIO DELLA FASE FINALE
Si riporta il calendario della Fase Finale della Coppa Italia Serie C 2019–2020:
1° TURNO QUALIFICAZIONE 09 OTTOBRE 2019
2° TURNO SEDICESIMI 06 NOVEMBRE 2019
OTTAVI DI FINALE 27 NOVEMBRE 2019
QUARTI DI FINALE 11 DICEMBRE 2019
SEMIFINALI ANDATA 29 GENNAIO 2020
RITORNO 12 FEBBRAIO 2020
FINALE ANDATA 11 MARZO 2020
RITORNO 15 APRILE 2020
Alla Fase Finale partecipano le società qualificate nella Fase Eliminatoria e le società che hanno
partecipato alla Coppa Italia 2019-2020 organizzata dalla Lega Nazionale Professionisti Serie A.
PRIMO TURNO E SECONDO TURNO
Nel Primo e Secondo Turno le gare si svolgeranno con gara unica a eliminazione diretta. Otterranno
la qualificazione al turno successivo le società che avranno segnato il maggior numero di reti.
In caso di parità nel numero di reti segnate al termine della gara, verranno disputati due tempi
supplementari della durata di 15 minuti ciascuno.
Perdurando la parità anche al termine dei due tempi supplementari, l’arbitro procederà a far eseguire i
tiri di rigore, con le modalità previste dal “Regolamento del Giuoco del Calcio”.
CALENDARIO PRIMO TURNO E SECONDO TURNO
In applicazione del Regolamento, si è provveduto in data odierna, presso la sede della Lega Pro, al
sorteggio per la determinazione degli accoppiamenti delle 40 squadre ammesse alla Fase Finale che
dovranno disputare le gare del Primo e Secondo Turno.
Pertanto, si riportano le gare del Primo e Secondo Turno:
1° TURNO QUALIFICAZIONE – MERCOLEDI’ 09 OTTOBRE 2019*
Gara 1 – SUDTIROL – FERALPISALO’
Gara 2 – MONZA – RENATE
Gara 3 – NOVARA – ALESSANDRIA
Gara 4 – CARPI – CARRARESE
Gara 5 – ROBUR SIENA – PONTEDERA
Gara 6 – SAMBENEDETTESE – FERMANA
Gara 7 – MONOPOLI – VIRTUS FRANCAVILLA
Gara 8 – POTENZA – RENDE

Coppa Italia Serie C

“ C O P P A I T A L I A S E R I E C “
SOCIETA’ AMMESSE ALLA FASE FINALE
In riferimento al Regolamento della Coppa Italia Serie C 2019/2020, di cui al Com. Uff. n. 61/L del
30.07.2019 si riportano le società ammesse alla Fase Finale:
a) Società qualificate nella Fase Eliminatoria
In riferimento alle Classifiche Ufficiali, allegate al presente Comunicato, si riportano le società
classificate al 1° posto (11 squadre):
GIRONE “A” GIRONE “B” GIRONE “C”
RENATE LECCO JUVENTUS U23
GIRONE “D” GIRONE “E” GIRONE “F”
PONTEDERA CESENA VIRTUSVECOMP VERONA
GIRONE “G” GIRONE “H” GIRONE “I”
TERAMO TERNANA AVELLINO
GIRONE “L” GIRONE “M”
SICULA LEONZIO Vinc. Gir. “M” BISCEGLIE/PICERNO*
*La gara di ritorno Bisceglie-Picerno è in programma giovedì 12 settembre 2019.
b) COPPA ITALIA 2019-2020
Si riportano le 29 società che hanno disputato la Coppa Italia 2019-2020 organizzata dalla Lega
Nazionale Professionisti Serie A, ammesse alla Fase Finale della Coppa Italia Serie C 2019–2020:
1. ALESSANDRIA
2. AREZZO
3. CARPI
4. CARRARESE
5. CASERTANA
6. CATANIA
7. CATANZARO
8. CAVESE
9. FERALPISALÒ
10. FERMANA
11. IMOLESE
12. MONOPOLI
13. MONZA
14. NOVARA
15. PADOVA
16. PIACENZA
17. POTENZA
18. PRO PATRIA
19. PRO VERCELLI
20. RAVENNA
21. REGGINA
22. RENDE
23. ROBUR SIENA
24. SAMBENEDETTESE
25. SUDTIROL
26. TRIESTINA
27. L.R. VICENZA
28. VIRTUS FRANCAVILLA
29. VITERBESE CASTRENSE

LA MIA VIENNA

Ogni vacanza ha il suo sapore dolce misto ad un amaro che solitamente si tramuta nel ritorno, ma ogni vacanza ha pure il suo magico mistero che aleggia dentro ed è quel particolare e unico di ognuno che riesce a entusiasmare e dare colore al periodo passato.
Allora si ricorderanno mari calmi e acque calde sotto il cocente sole, si ricorderanno prati verdi immensi, pascoli montani e acque limpide e ghiacciate, si penseranno alle traversate sopra un lago con il remare di una barcarola, o come me si penserà a una città, alle sue vestige e alle sue mura, ai suoi valori immensi e alle sue tradizioni, e io appunto voglio lasciare qui un piccolo ricordo di una città che mi è rimasta dentro, una città che non conoscevo ma che l’alone di notorietà mi era talmente impresso già dai tempi delle conoscenze scolastiche. Vienna e i suoi colori, musiche e tesori.

“Le note della musica
s’alzano sulla città,
unico suono e “rumore”
di un silenzioso passo umano.
Vienna dorme nella culla
di un LA maggiore
e una chiave di SOL.” (errebi)

Questa la mia prima impressione e sentimento che girando per le vecchie strade della città antica ho sentito dentro il cuore, la prima sera tarda in cui sono arrivato e di lei mi sono innamorato.
Vienna è un confetto di duro zucchero bianco e rassodato, ostico nella lingua, nelle prime impressioni della gente, nella rigidità dei palazzi prorompenti e dei grattacieli che lontana la sovrastano, ma dentro è una mandarla dal sapore misto, un dolce dato dalla musica continua di un Mozart brioso e di un languido e romantico Strauss che pare scivolare davvero su quel Donau che gentile e con rispetto costeggia il limite della metropoli Austriaca.
Sapori nuovi, cotolette giganti impanate e fritte, birre colorate e spumeggianti da ogni bicchiere e bottiglia, wurstel e crauti, e dolci che inteneriscono anche il più crudo dei cuori e dei sapori. 
Ma Vienna è anche il potere di una monarchia passata, di un fasto di ottocento che non nasconde ma mette sempre in rilievo, e allora carrozze trainate da due doverosi cavalli imbevono le strade ciottolate, rigore nel costume del cocchiere con parrucchino annesso, e poi palazzi e edifici, monumenti e giardini da trovarci il silenzio vero, quello che non capita più addosso, quello che ti fa sentire dentro il sapore dell’essere in un sogno che poi sogno lo è davvero.
Vienna è cultura nei musei e nei suoi artisti vari di ogni genere e di ogni categoria, dalla pittura alla musica, fino alla letteratura, è nelle chiese la dovizia religiosità mista tra il paganesimo e cristiana, ricchezza dentro nelle sue costruzioni, altari imponenti come imponenti vetrate e barocche colonne, ampie navate e impetuosi soffitti, tetti in puzzle di maioliche colorate e guglie infinite a cercare un cielo che sovrasta, luce che non ha nascondiglio tanto spazio gli è concesso.

“Non è lo scintillio 
delle cose e dei fatti
ma il colore che emanano
le persone che vivono
con l’arcobaleno addosso,
a donare calore
nell’animo e nel cuore.
E donano festa alla vta.” (errebi)

Poi ti accorgi che vivi in un mondo dimenticato, un mondo fatto di pura gentilezza, di comprensione e di rispetto, silenzioso e riguardoso, ma preciso e dovuto, ti accorgi che quella che ti sorride non lo fa solo per un compenso, che quello che ti concede l’attraversamento non è la frenata improvvisa di un’auto ma soltanto un sottile e lento frenare per il giusto comportamento. E ti accorgi che chi fa caos e confusione sono le migliaia di turisti che invadono giornalmente questa nobile metropoli d’oltr’Alpe, si parla piano e si sorride nella stessa maniera, ma non è un’imposizione o un modo di fare, è soltanto naturale educazione. E ti accorgi che puoi camminare senza nessuna paura addosso, senza guardarti intorno con sospetto, senza sentire il fiato o gli occhi che ti controllano per poterti colpire. E siedi sulla vastità delle panchine, noti la pulizia capricciosa e insistente in ogni angolo e in ogni strada e vicolo che sia, e godi del panorama delle vetrine accese, dei canti di artisti di strada,
e ti soffermi a salutare e scherzare con gli “imbonitori” venditori di biglietti per un ennesimo concerto di qualche chiesa o teatro o addirittura in cattedrale. E trovi che la gente nel loro quotidiano e comune stress metropolitano hanno un passo avanti, non sono tesi e hanno la proprietà di potersi riposare e dedicarsi alla famiglia e alle loro cose, alle corse lungo il Donau Canal quando non è invaso dalla bonaria e colorata movida notturna giovanile, giusto per passare la serata in una Vienna che ho trovato meravigliosamente calda (meteo parlando).
Vienna l’ho impressa sul mercatino delle pulci tra locali e ristorantini tipici, l’ho impressa sulla piscina di fronte alla Chiesa di San Carlo Borromeo, l’ho impressa nel giardino e nella reggia dello Shonbrunn, nel Belvedere e nelle tele di Klimt e Schiele, nel fregio di Beethoven e nelle note dei concerti di Mozart, l’ho impressa nella cattedrale di Santo Stefano e nelle altre mirabili chiese, l’ho impressa nei dolci sacher e nei sapori gialli di birre, ma Vienna l’ho impressa nel cuore per il suo gentile, riservato e sottile pudore di farsi scoprire.

Roberto Busembai (errebi)

Photo by ERREBI

Segnalazione del Romanzo Storico/Artistico “L’inganno di Raffaello” di Maurizio Babini

 

IDF 3D

Link Gruppo Facebook Lettori: Libri Scrittori Editori

A cura di Manuela Moschin

Buongiorno carissimi, il prossimo anno si celebreranno i 500 anni dalla morte di Raffaello Sanzio e lo scrittore Maurizio Babini anticipa questo grande evento presentandoci il suo nuovo Romanzo Storico/Artistico intitolato “L’inganno di Raffaello”.

Complimenti Maurizio!

SINOSSI

Il romanzo è suddiviso in tre parti.

La prima parte è ambientata in Germania e Polonia nel periodo dal 1939 al 1945.

La seconda a Berlino nel 1969.

Nella terza parte, sviluppata per tutta la lunghezza del romanzo e inserita ogni 2/3 capitoli, sono descritte le vicende avvenute a Firenze nel 1504, in modo che solo al termine del romanzo, si possano sciogliere tutti i nodi.

FIRENZE 1504. Dopo la cacciata dei Medici, la Signoria è in mano al gonfaloniere Pier Soderini e sotto la sua direzione, tra le vie attraversate dall’Arno sboccia una primavera artistica senza precedenti. A contendersi il trono di miglior artista, quando Raffaello giunge in città, ci sono Michelangelo e Leonardo. Il giovane urbinate preceduto dalla sua fama, riesce a trovare il suo spazio grazie all’amicizia con la famiglia Doni, allargando giorno dopo giorno le proprie prospettive artistiche. L’incontro con Leonardo è il preludio di un dipinto che segnerà le vicende degli anni a venire, “Ritratto di Giovane Uomo”.

GERMANIA-POLONIA 1939-1945. Il progetto nazista di allargare i confini della Germania sta per essere messo in atto. Con l’incidente diplomatico alla stazione radio di Gleiwitz, Hitler dichiara guerra all’Europa. La Polonia resiste pochi giorni ai bombardamenti e il nucleo speciale di SS capitanante dall’ufficiale Naujocks, ha campo libero nella ricerca delle opere d’arte della collezione Czartoryski, che Augustyn, proprietario del museo di Cracovia, cerca in tutti i modi di nascondere. Fiore all’occhiello della collezione sono “La Dama con l’Ermellino” di Leonardo da Vinci e “Ritratto di Giovane Uomo” di Raffaello Sanzio. I dipinti passano nelle mani del governatore Hans Frank, fino all’invasione delle truppe alleate. Class Meyer, l’autista personale di Frank, da quel momento intraprenderà una guerra personale per recuperare il dipinto di Raffaello.

BERLINO 1969. Da otto anni la città è spaccata in due da un muro di mattoni e filo spinato. Accidentalmente un messaggio in codice torna alla luce e fa riaffiorare il ricordo della guerra e le vicende legate al dipinto di Raffaello. La fiamma della speranza di riprendersi l’opera d’arte torna a riscaldare gli animi, ma la famiglia Mayer vive dalla parte “sbagliata” della città e uscire da Berlino est è praticamente impossibile. L’unico modo per ritrovare il dipinto, è oltrepassare il muro clandestinamente, eludendo la sorveglianza armata delle guardie Vopos e quella tecnica degli uomini della Stasi, impegnati tramite una fitta rete di spie a mantenere i propri confini inviolabili.

A oggi il dipinto di Raffaello è l’opera più preziosa di cui non si hanno più notizie.

Chi è Maurizio Babini?

Mi chiamo Babini Maurizio, sono nato a Lugo il 12.08.1977 e vivo a Bagnacavallo, nella stessa provincia, Ravenna. (maurib128@gmail.com)

Diplomato Geometra, non ho mai praticato la professione, preferendo quella di operaio specializzato. Sono amante del “Fai da te”, adoro la montagna, l’alpinismo e il campeggio.

Leggo prevalentemente romanzi storici e gialli.

Nel 2017 sono stato selezionato al concorso Nazionale “Mario Luzzi”, per la pubblicazione sul catalogo generale di poesia 2017 dei miei tre componimenti con cui ho partecipato. Sempre nello stesso anno, ho completato la stesura del mio primo romanzo storico “Ali di Farfalla” rettificato poi in “La linea dei Sette Sigilli” con la pubblicazione a gennaio 2019 in self su Amazon.

Nell’ottobre del 2018 è uscito “L’Enigma Nostradamus” pubblicato da Pav Edizioni, seguito temporale de “La linea dei Sette Sigilli”.

L’Inganno di Raffaello, uscito a settembre 2019 è il mio terzo componimento letterario.

Titolo: L’inganno di Raffaello”

Autore: Maurizio Babini

Data di pubblicazione:

Pagine: 405

IDF 3D.png