La tua ira indulgente

vibra nell’etere

con intatto candore,

dita colgono sassi

dai declivi torrenti

di un cuore impervio,

verso il mistero

di sorrisi smarriti

nel desolante ieri.

Placa il dolore,

perché sei miracolo

in punta di piedi,

inavvertitamente

il più bel complimento

che si possa fare alla vita.

 

© 2zero18 – lemiecosepuntonet

 

Perseguimi su lemiecosepuntonet