Non di questo mondo

Quella statua,

quella che dal suo piedistallo mostra seni marmorei

quella che hai fotografato mille volte

girando attorno

per mille uniche pose.

Quella che hai desiderato si muovesse

e sollevasse un po’ i seni, verso il cielo

reclinando il capo.

L’ hai filmata, 25, 30, o anche 60 pose al secondo

tutte uniche e inamovibili.

Poi un giorno, forse una notte, lo fa

scende sinuosa dal suo piedestallo e lo fa,

tutto quello che avevi già sognato.

La mattina dopo ti svegli.

E aspetti sera.

View original post