Nord, di Filippo Fenara

Zampettano sulle punte

gatti obesi intirizziti,

schivando passi sordi

d’un bastardo gravato dal “ma”.

Nord è utopia compiuta

solo sulle tue labbra d’angora,

puttana d’eburnea livrea,

acciambellato sul tuo domestico addome

in cui agognai tu fossi mia.

Nord è luce riflessa dal vapore del caffè,

la ricorrenza del sentirti,

la parvenza di puntare al tuo ventre

come lancetta di bussola.

Orientami nei tuoi dedali,

ornami dei tuoi petali,

stringi forte le redini,

del sospiro che migra

verso nord.

© 2zero19 – lemiecosepuntonet

Un pensiero riguardo “Nord, di Filippo Fenara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...