Scrivo perché è così che io vivo
o _ almeno _ lo faccio “per procura”
e allora m’impadronisco di qualcosa
ma senza nulla togliere a nessuno mai
tentando di colmare le mie lacune
anestetizzandomi le troppe mancanze
senza darmi per vinta né per convinta.


C’è chi dice mi riesca il poetare
c’è chi non mi vuole affatto leggere
perché le parole non sono per tutti
_ almeno non lo sono quelle pensate
e io non cerco affatto lodi regalate _
semplicemente mi piace ingaggiarle
metterle insieme e  _ dopo _ liberarle.


La fioritura delle parole ci stupisce
è 
un tentativo ripetuto all’infinito
può riempire ciò che è vuoto di significato
è dare senso alla pioggia quando cade
come solo i fiori saprebbero fare
accogliendola quale miracolo rinnovato.


Colgo parole così come curerei una serra
o come chi dipinge e riproduce fiori e rose
è differente dalla distanza tipica delle cose
c’è più amore _ c’è una razionale dolcezza _
perché bandisco ogni sorta di prepotenza
perché lo stile non mi sia mai ostile
perché “armonia grazia bellezza” curano.

 

 

disegno per passione .jpg

Acquerello dell’artista Sabina Comizzi – di Pesaro – Versi di Paola Cingolani