Alle guerrigliere curde, di Antonella La Frazia

Alle guerrigliere curde, di Antonella La Frazia

72356608_922677484756863_5507843885474250752_n

Alle guerrigliere curde

Io sono qui
fra le crepe di queste montagne.
Come ferite in cui insinuarmi,
uguali a quelle di tante compagne.
Io sono qui,
coi denti a spillare bombe
e gli occhi a seguire la linea scura
della canna di un fucile.
Sono qui
su queste zolle
vendute e rinnegate.
Sono qui
con la mia idea
cucita sotto il giubbotto,
all’altezza del cuore,
Con la mia paura
sotto le scarpe
e la morte
a legarmi i capelli.
Senza un domani
per dare domani
e un passo lento
su questa terra di confine.

Antonella La Frazia

Sondaggi regionali: M5s-Pd conquistano 7 regioni, la Lega solo 2

Sondaggi regionali: M5s-Pd conquistano 7 regioni, la Lega solo 2

Condividi su Facebook  https://www.notizie.it

sondaggi-regionali-768x440.jpg

Saranno nove le regioni italiane chiamate alle urne la prossima primavera del 2020. Tra due settimane, invece, si svolgeranno le elezioni regionali in Umbria, dove la candidata leghista Donatella Tesei è data in vantaggio nei sondaggi rispetto all’avversario M5s-Pd Vincenzo Bianconi. Per la Lega, però, non si profila una stagione al rialzo. Stando agli ultimi sondaggi regionali, infatti, oltre all’Umbria, il Carroccio potrebbe aggiudicarsi il Veneto e terminare la sua corsa. L’alleanza M5s-Pd, invece, riesce a guadagnarsi ben sette regioni. Vediamo nel dettaglio i sondaggi regionali e le previsioni di voto degli italiani.

Sondaggi elezioni regionali 2020

Uno degli ultimi sondaggi elettorali sulle regionali fa emergere alcune osservazioni interessanti sulle previsioni di voto degli italiani. Nelle nove regioni chiamate alle urne nei prossimi mesi, infatti, l’alleanza Pd-M5ssembra prevalere.

Sette regioni la preferiscono rispetto al centrodestra, che deve invece accontentarsi del vantaggio di due regioni (Umbria e Veneto). In Calabria, in particolare, il centrodestra non ha ancora presentato un candidato unitario, mentre Pd e M5s si presenteranno insieme. “GPF Inspiring Research – spiegaIl Fatto Quotidiano – riporta come intenzioni di voto un 28,2% al centrodestra e un 18,7 per l’asse 5Stelle-Pd, ma con una percentuale di indecisi o non votanti che arriva oltre il 53%. Guardando i risultati delle ultime Europee, favorevoli ai giallorosa, non è certamente il centrodestra il favorito”.

In Emilia Romagna, invece, la situazione è ben diversa: le due forze politiche sono quasi alla pari sul 44%. Tuttavia occorre sommare un 8,5% al candidatoStefano Bonaccini che sostiene il Movimento. Continua a leggere “Sondaggi regionali: M5s-Pd conquistano 7 regioni, la Lega solo 2”

Madre da il cellulare alla figlia, a due anni ordina un divano online

Madre da il cellulare alla figlia, a due anni ordina un divano online

notizie.it•12 ottobre 2019 https://it.notizie.yahoo.com

0e1837e35c9dc11583bb0533722fc83f

madre-figlia-divano

Pensava non ci sarebbe stato nulla di male a dare il suo cellulare alla figlia di due anni per giocare e invece una madre californiana si è ritrovata dopo qualche giorno con un divano che non ricordava di aver acquistato. È accaduto alla signora Isabella McNeil, colpevole soltanto di aver inconsciamente lasciatoche sua figlia Rayna giocasse con il suo smartphone. La donna non poteva immaginare che la piccola avrebbe ordinato un divano a tre posti su Amazon.

Madre da cellulare alla figlia, lei acquista divano

Alla vista della consegna del divano la signora McNeil non poteva credere ai suoi occhi, come ha raccontato in un’intervista alla Nbc: “Ero così scioccata. Ho pensato: ‘Ho comprato un divano nel sonno’”. La spiegazione del mistero era tuttavia molto più semplice.

Dopo che la donna aveva infatti concesso alla figlia di usare per un attimo il proprio smartphone, la piccola Rayna aveva inconsapevolmente premuto sul tasto “Acquista con un clic” dell’app di Amazon lasciata ancora aperta, ordinando in pochi istanti un divano trapuntato a tre posti da 400 euro. Non doveva sembrare vero per la bambina, che da alcuni minuti stava implorando la madre di lasciarla giocare con il suo telefono.

Il tentativo di rimborso

Successivamente all’arrivo del pacco, la signora McNeil ha cercato di rispedirlo al mittente, ma per fare ciò avrebbe dovuto pagare 150 euro di spese di spedizione. Incapace di restituire il divano la donna ha così tentato di rivenderlo online, ma una volta saputa la storia Amazon le ha gentilmente concesso un rimborso dell’acquisto consentendole inoltre di tenersi il divano.

Gli ambulanti di Forte dei Marmi ad Alessandria domenica 13 ottobre

Gli ambulanti di Forte dei Marmi ad Alessandria domenica 13 ottobre

https://www.monferratowebtv.it 11/10/2019

IMG-20191001-WA0018-904x1024

Speciale ed esclusivo appuntamento con l’evento-mercato più famoso d’Italia.Ritorna infatti a grandissima richiesta l’eccellenza dell’unico vero ed originale mercato di qualità de “Gli Ambulanti di Forte dei Marmi”. Le notissime “boutique a cielo aperto” (come vengono ormai definite anche su stampa e TG nazionali) apriranno infatti domenica 13 ottobre ad Alessandria (Corso Acqui, zona da Piazza Zanzi) nell’ambito della “Grande Festa del quartiere Cristo”, attesa kermesse organizzatadall’Associazione Attività e Commercio di Corso Acqui. Si tratta di uno speciale evento che ovunque attrae migliaia di visitatori, con tutto il meglio del Made in Italy artigianale, bandite le cineserie di scarso pregio e le imitazioni, e tanta qualità garantita dal Consorzio al prezzo migliore!  Dunque, una giornata da non perdere assolutamente per le migliaia di fans dell’originale Consorzio della zona! Sarà la festa dello shopping più glamour e conveniente, con orario continuato, anche in caso di maltempo, dalle 8 alle 19…. continua su: https://www.monferratowebtv.it/2019/10/11/gli-ambulanti-di-forte-dei-marmi-ad-alessandria-domenica-13-ottobre/

Alessandria, sfrattata dal genero dà fuoco alla casa: arrestata una pensionata

Alessandria, sfrattata dal genero dà fuoco alla casa: arrestata una pensionata

Nell’alloggio distrutto trovata una tanica di benzina. La donna deve rispettare l’obbligo di dimora ma non si sa in quale appartamento

094130086-79ece204-3fa4-4d28-8a47-9661ef9ae7d5.jpg

di CRISTINA PALAZZO  ABBONATI A 12 ottobre 2019

Le notificano lo sfratto e lei dà fuoco alla casa. La pensionata settantenne è stata salvata prima che la situazione si trasformasse in tragedia: era ancora nel suo appartamento di Alessandria, in via San Francesco e aveva inalato del fumo quando i vigili del fuoco sono entrati in casa e hanno spento le fiamme. 

Stando a una prima ipotesi degli investigatori, l’incendio sarebbe doloso e l’autrice, la stessa pensionata che vive nel’alloggio, lo avrebbe fatto per sfuggire all’ingiunzione di sfratto che le era stata notificata da parte del genero. Durante il rogo la donna ha respirato del fumo ma le sue condizioni sono buone: è stata portata in ospedale per gli accertamenti. In casa aveva un’altra tanica di benzina come hanno scoperto gli agenti della squadra mobile che sono intervenuti, insieme al 118. È stata arrestata per rogo doloso: dal gip ha scelto di non rispondere e, convalidato l’arresto, si è deciso per l’obbligo di dimora, non nell’appartamento che al momento è inagibile e sotto sequestro.

da: https://torino.repubblica.it

Momenti di poesia. Il mio pensiero più segreto… di Laura Neri poesie

Momenti di poesia. Il mio pensiero più segreto… di Laura Neri poesie

Il mio.jpg

Il mio pensiero più segreto…
L ho legato stretto stretto..
al pizzo impetuoso
di un sentimento mio.

Vorrei legarlo ad una roccia
Vorrei legarlo al vento
ma il vento lo perde.
Lo lego al tuo cuore
fagli un bel nodo
Non lasciarlo scappare.
Lassù un canto misterioso
lo senti?
Io sì e sorrido
e poi un brivido
uno solo …e tu
Sempre tu
stai danzando sull’ anima
@ Laura

“Ne parliamo a Settembre”

L'arte dei piccoli passi

Foto di Simona Gionta

Il momento del famoso “ne parliamo a Settembre” è arrivato e con lui sono tornata a scrivere sul blog anch’io…..le disgrazie non vengono mai sole!

Spero che tu abbia trascorso delle buone vacanze, la mia è stata un’estate particolare, apparentemente senza meta. L’estate per me è un periodo subdolo, spegne la giostra della quotidianità dove mi affanno nel tentativo di prendere la codina, cosa che a volte riesce e a volte no e mi ritrovo davanti allo specchio con la scusa della prova costume a chiedermi come sto, come sono andate le cose, a fare bilanci e a maledire bilance. Quest’anno ho alzato l’asticella della vita, infatti è un anno di prime volte, di cose nuove, e anche di prospettive nuove, mi sono messa alla prova con il blog e ad un certo punto ho avuto paura. Paura di non farcela, paura di quello che avevo…

View original post 205 altre parole

Un celeste divenire

Il suono della parola

Claudia affiorò nel mio sproloquio, come un animale morto in una palude. Raccontai a Patrizia il dolore che avevo provato nel rivederla e l’angoscia trattenuta nel centro del petto. Le dissi che mi compativo e detestavo quel non voler fare a meno di un sogno, di un volto troppo vivo per poter diventare un ricordo. E che l’amore rimpianto poteva essere così penoso, uno squarcio nel cuore che innaffiavo di ricordi per paura che potesse chiudersi e riportarmi a una dimensione di vita che in realtà non lo era, perché in quella vita mancava la presenza di Claudia. Patrizia mi ascoltò in silenzio. Lo sguardo attento, la vidi al mio fianco, minuta e arresa. Evitò ogni giudizio, non per disinteresse o debolezza. Al contrario, Patrizia era una porta aperta, una scatola in grado di contenermi e proteggermi. Cominciai a sentirmi bene e sciolsi le ultime difese. Mi prese per mano…

View original post 21 altre parole

Momenti di poesia. Autunnale, di Stefania Pellegrini

Momenti di poesia. Autunnale, di Stefania Pellegrini.

Parole nomadi

Silenzi, silenzi sospesi
su ripetute
nuove attese
su foglie rossastre
al loro rassegnato cedere.
Silenzi trepidi
di voci senza nome
di fremiti latenti
su stillar di gocce
da albori di fioche linfe.
E la natura veglia
in un letto che l’accoglie
e da ristoro
dove il silenzio è quiete
e alito vitale
sul sopore di natura che giace.
Io serrata nel respiro mortale
inseguo inutile
bisbiglio sommesso.
Il sapore è oscuro
su un ripetersi
che sa di eterno.

Stefania Pellegrini ©

Leggere bene le etichette per una corretta alimentazione, di Lia Tommi

20190905_1516554968948693570279279.jpg

LEGGI L’ETICHETTA NEL MODO GIUSTO PER UNA CORRETTA ALIMENTAZIONE?

LUNEDI 14 OTTOBRE
ore 17,30-19

“Siamo ciò che mangiamo” ma soprattutto ciò che è riportato sulle etichette alimentari… Queste informazioni a volte sono indicate in modo chiaro ed esauriente, a volte invece sono presenti indicazioni sommarie e poco chiare.

L’etichetta è una carta d’identità di un alimento: riporta informazioni sul contenuto nutrizionale del prodotto, fornisce una serie di indicazioni per comprendere come i diversi alimenti concorrono a una dieta corretta ed equilibrata, ma non solo.

Leggere e comprendere l’etichetta alimentare significa anche imparare a mangiare meglio e sano.

Relatore: Giorgio Calabrese, medico e nutrizionista, docente all’Università del Piemonte Orientale (laurea magistrale in Biologia, indirizzo Nutrizione e ambiente, sede di Vercelli,) presidente del CNSA, Comitato nazionale sicurezza alimentare presso il Ministero della Salute.

Al termine dell’incontro sarà offerto un aperitivo grazie a Nova Coop – Presidio Soci di Alessandria
__________________________

caffè-scienza-600x172(2)-2062345635..jpg

CONCORSO LETTERARIO – Gatti che passione! C’è tempo fino al 31 ottobre 2019 per partecipare!

a cura di Marina Vicario

SCADENZA CONCORSO 31 OTTOBRE 2019IL CONCORSO È GRATUITO

Corrono, dormono, scattano, graffiano, rovinano divani, fanno cadere oggetti; si sa, i gatti ci mettono a dura prova, ma è proprio quello il loro fascino: la loro immutabile indipendenza. I gatti ricompensano con vero amore, e sono capaci di provare affetto e starci vicini in ogni momento.

Beh sì, a modo loro, ma lo fanno.

Il gatto è un’efficace terapia. È ormai risaputo che accarezzarlo porta buon umore e aiuta i malati a superare momenti difficili.

Diventa spesso  un amico inseparabile proprio come il cane, suo proverbiale antagonista. Una volta adottato entra a far parte della famiglia a pieno titolo, e quando viene a mancare si subisce un vero e proprio lutto.

Chi ama i gatti li mette al centro dei propri racconti ed è questo che vogliamo fare con la nostra prestigiosa antologia…

Gli autori proporranno racconti, filastrocche, poesie e canzoni. Il libro sarà corredato da informazioni e ragguagli sulle abitudini dei gatti a cura di esperti del settore.

Ogni autore può proporre più testi.

La valutazione sarà a cura di Marina Vicario che opererà in modo assolutamente neutrale. Il giudizio di selezione è insindacabile.

I testi potranno essere sotto forma di filastrocche, poesie, canzoni, poemetti in prosa (non più di 2 pagine) o di short stories, racconti e novelle (non oltre 16 cartelle editoriali, ove per cartella s’intende un documento che presenta circa 1.800 battute per pagina, comprensive di spazio tra una parola e l’altra).
Si accetteranno anche canzoni.

I testi dovranno pervenire inderogabilmente entro il 31 ottobre 2019, in formato digitale, utilizzando il seguente indirizzo di posta elettronica: pluriversumedizioni@gmail.com Continua a leggere “CONCORSO LETTERARIO – Gatti che passione! C’è tempo fino al 31 ottobre 2019 per partecipare!”

Vent’anni senza Fabrizio De Andrè, di Lia Tommi

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

Sono trascorsi vent’anni dalla morte di Fabrizio De André. Il cantautore genovese ci lasciò l’11 gennaio 1999, morì in un letto dell’Istituto dei Tumori di Milano, dov’era stato ricoverato a causa dell’aggravarsi delle sue condizioni fisiche in seguito a una diagnosi di carcinoma polmonare avvenuta circa un anno e mezzo prima. Aveva 58 anni e non si era mai lasciato sconfiggere dalla malattia, anzi, aveva già in mente alcuni progetti cui dedicarsi, tra cui un libro con Oliviero Malaspina che si sarebbe dovuto intitolare “Dizionario dell’ingiuria. Il tumore si portò via un artista che oggi viene ricordato non solo come un cantautore, ma anche come un poeta e un intellettuale. Così molti amano descrivere Faber, cantore degli emarginati, degli indignati, delle vittime d’ingiustizia, dei più sfortunati, delle minoranze, ma anche dell’amore, della morte (anche mentale), del valore della solitudine.

Bocca di rosa, Il pescatore, La guerra di Piero, Via del…

View original post 610 altre parole

Buon compleanno, Renato Zero, di Lia Tommi

Alessandria today @ Web Media. Pier Carlo Lava

Renato Zero nasce a Roma il 30 settembre 1950, dunque quest’anno compie 68 anni, oltre 50 dei quali passati sul palcoscenico. Era infatti il 1967 quando Renato iniziava la sua carriera discografica. Dopo una lunga gavetta per lui il successo è arrivato nei primi anni ’70 e da quel momento non si è mai fermato, malgrado qualche frenata d’arresto vissuta nel corso degli anni è sempre riuscito a riemergere e tornare ai vertici delle classifiche di vendita discografica.

La sua ultima fatica discografica risale allo scorso anno quando pubblicò il doppio album “Zerovskij“, cui seguì un tour teatrale avente come protagonisti tutti i brani inediti dell’ultimo album, tralasciando quindi i suoi più grandi successi. La scelta inizialmente destabilizzò anche i fans più fedeli, che però si sono poi ricreduti ed hanno apprezzato la nuova veste del loro artista.

Durante l’estate appena trascorsa Renato Zero ha però stupito ancora una volta…

View original post 161 altre parole

Ora solare 2019, ecco quando tirare indietro le lancette dell’orologio e quando verrà abolita

Ora solare 2019, ecco quando tirare indietro le lancette dell’orologio e quando verrà abolita

Questa però potrebbe essere l’ultima volta che spostiamo le lancette perché il Parlamento Europeo si è detto favorevole a sospendere la convenzione che vuole che si spostino in avanti o indietro le lancette dell’orologio ogni anno a marzo e ottobre

cambio-ora-1200-690x362

di F. Q. 

Nella notte tra sabato 26 e domenica 27 ottobre si passerà dall’ora legale all’ora solare, forse per l’ultima volta. Le lancette dell’orologio dovranno essere tirate indietro di 60 minuti, dalle 03 alle 02, e si guadagnerà così un’ora di sonno. Non solo, così facendo si avrà un’ora di luce in più la mattina a discapito però del pomeriggio, quando farà buio prima.

Morgan: “Hanno sfrattato un artista, è una barbarie. Del resto hanno ucciso Cristo, dopo può succedere di tutto” 

Questa però potrebbe essere l’ultima volta che spostiamo le lancette perché ilParlamento Europeo si è detto favorevole a sospendere la convenzione che vuole che si spostino in avanti o indietro le lancette dell’orologio ogni anno a marzo e ottobre per sfruttare al massimo le ore di luce a disposizione e ridurre i consumi energetici. La Commissione ha poi chiesto la soppressione del cambio d’ora già dal 2019, con il mantenimento per tutti dell’ora legale (l’orario estivo, per intenderci) ma la richiesta è stata bocciata e l’abolizione del cambio rimandata al 2020, lasciando ad ogni Paese la facoltà di decidere a quale dei due “fusi orari” attenersi.

da: https://www.ilfattoquotidiano.it

ZERO IL FOLLE, il nuovo disco di Renato Zero, di Lia Tommi

È  recentemente  uscito l’ultimo disco di Renato  Zero, con grande gioia dei suoi fans “sorcini”.

Tredici brani che segnano un ritorno annunciato più di quattro mesi fa con un singolo: “Mai più da soli”. Renato Zero pubblica  il nuovo album “Zero Il Folle”, trentesimo disco di inediti in carriera, che esce a due anni di distanza da “Zerovskij” (2017) . L’album è stato registrato a Londra con Trevor Horn, produttore che ha lavorato in passato con Grace Jones e Paul McCartney. Zero aveva già collaborato con Horn nel 2013 per il disco “Amo”.

«All’appuntamento con la Follia ognuno potrà scegliere come presentarsi e quali colori indossare». Il cantante romano ha annunciato qualche giorno fa una sorpresa per coloro che oggi si apprestano ad acquistare il nuovo album. “Zero Il Folle” si presenterà al pubblico in quattro versioni diverse, con altrettanti Renati che indosseranno cappelli differenti: cappello Blu, accompagnato dalla lettera Z; cappello verde, accompagnato dalla lettera E; Cappello rosso, accompagnato dalla lettera R; infine cappello argentato, accompagnato dalla lettera O.

Valeria Yurlovich, quando la fotografia è arte ed emozione pura

Valeria Yurlovich, quando la fotografia è arte ed emozione pura

di Pier Carlo Lava

Alessandria, ho incontrato la fotografa professionista Valeria Yurlovich nel suo studio fotografico di via Marengo 70, per un intervista particolare che riguarda i servizi fotografici ai bambini neonati (o in sala parto).

Valeria ha tenuto recentemente un corso a Spoleto per fotografi professionisti provenienti da tutta Italia sulle particolari caratteristiche del servizio fotografico in questione, nel video le sue risposte alle mie domande. video: https://youtu.be/AHRprjFAwo0

Note biografiche

Valeria è una fotografa professionista.
Si è abituata a guardare il mondo attraverso l’obiettivo della macchina fotografica, per cercare “lo scatto migliore” anche quando chissà perché si ritrovava senza la sua Nikon tra le mani per creare con gli oggetti che la circondavano la composizione vincente.

Valeria è appassionata di fotografia fin da piccola. Passava ore ed ore a guardare nei vecchi album di famiglia le foto ingiallite dal tempo. Poi, all’età di 7 anni ha fatto il suo primo scatto ed in quell’istante si è innamorata di questo mondo pieno di fascino e di mistero. Continua a leggere “Valeria Yurlovich, quando la fotografia è arte ed emozione pura”

Marco Benedetti si racconta di Cristina Saracano

20191012_1124443629807557367565288

Nato ad Alessandria l’11 maggio 1984, ha studiato nella nostra città fino al conseguimento del Diploma di Maturità Scientifica, poi, si è dedicato alla sua passione: il doppiaggio.

Poco più che ventenne, alternando studi universitari e lavoro, si è dedicato a doppiare spot pubblicitari, all’inizio del nuovo millennio era un’attività divertente e ben pagata.

Purtroppo la crisi economica ha avuto un suo ruolo anche in questo mondo: il mestiere di doppiatore è diventato snaturato, fatto in serie, dominato dai colossi a noi sempre noti: Amazon, Netflix e similari.

Marco adesso si dedica all’attività di produzione cineaudiovisiva e collabora per il teatro, infatti, tra l’altro, cura la parte relativa alle voci fuori campo di uno spettacolo, Asocial network, storie di nativi digitali che andrà in scena a Valenza il 18 ottobre prossimo.

Marco spera di poter portare sul palcoscenico i suoi lavori teatrali anche ad Alessandria, al Teatro Comunale, desiderio, per ora non esaudibile, ma che gli auguro anch’io con tutto il cuore.

Continua a leggere “Marco Benedetti si racconta di Cristina Saracano”

Asocial Network. Storie di nativi digitali

Breve anticipazione allo spettacolo Asocial Network _ Storie di Nativi digitali, che andrà in scena il 18 ottobre 2019 alle 21 al Teatro Sociale di Valenza.

Regia di Federico Zanandrea, voci fuori campo di Marco Benedetti.

Nel corso di un black-out, prigioniera di un appartamento troppo avveniristico per avere serrature e maniglie, Anita si trova a confrontarsi con una realtà inaspettata e buia, con la sola compagnia del fidato e sofisticato assistente vocale Ciri – dalla voce e dalla personalità addirittura più che umani.

Nel ridicolo e disperante collasso della sua comfort zone, Anita giungerà a fronteggiare la propria coscienza e le proprie paure profonde – in un susseguirsi di dialoghi tanto comici e surreali quanto drammaticamente attuali per chiunque del pubblico abbia almeno per una volta fatto la tragica esperienza di chiamare un call center, o di dover «descrivere il suo problema in max 90 caratteri».
Nella girandola degli eventi, Asocial Network – Storie di nativi digitali tocca i temi fondamentali della vita e dell’esistenza oggi, nell’Era degli Algoritmi e dei Comandi Vocali.”

Mostra “Peggy Guggenheim – L’ultima dogaressa” Venezia

René Magritte “L’impero della luce” (1953-1954) Olio su tela, Peggy Guggenheim Collection Venezia  (Foto a cura di Manuela Moschin)

In relazione a questo dipinto magico in cui si uniscono il giorno e la notte Magritte usa le parole “sorpresa” e “incanto”, a cui si aggiunge quel senso di sospensione che emana da una strada deserta dove si scorgono una roccia poliedrica vagamente sinistra e una casa con le persiane chiuse e senza porta, in cui, tuttavia, due finestre sono illuminate. Nonostante questa sensazione di dramma imminente pervada la scena, niente, ovviamente, accade. Tra il 1948 e il 1964 Magritte dipinge almeno diciotto versioni de “L’impero della luce”, e questa è tra le più grandi (Didascalia – Peggy Guggenheim Collection, Venezia)

Segnalazione della mostra “Peggy Guggenheim – L’Ultima dogaressa” 1949: quando l’arte moderna trovò casa a Venezia

“Si è sempre dato per scontato che Venezia è la città ideale per una luna di miele, ma è un grave errore. Venire a Venezia, o semplicemente visitarla, significa innamorarsene e nel cuore non resta più posto per altro”.
Peggy Guggenheim, autobiografia “Una vita per l’arte”. 

 

La mostra è incentrata sulla collezione Peggy Guggenheim del periodo che va dal 1948 al 1979. Il museo ha  reso omaggio ai settant’anni dal trasferimento a Palazzo Venier dei Leoni di Peggy e dalla prima esposizione qui realizzata, oltre a celebrare i quarant’anni dalla sua scomparsa. Fino al 27 gennaio 2020 potremo ammirare sessanta opere circa tra le quali “L’impero della luce” di René Magritte e “Studio per scimpanzè” di Francis Bacon. 

Nella collezione permanente sono presenti artisti come Jackson Pollock, Joan Mirò, Pablo Picasso, Max Ernst, Giacomo Balla, Francis Picabia, Giorgio De Chirico, Marc Chagall, Juan Gris, Lucio Fontana, Alberto Giacometti, Vasily Kandinsky. 

La Collezione Peggy Guggenheim è di proprietà della Fondazione Solomon R Guggenheim che la gestisce insieme al Museo Solomon R. Guggenheim di New York e al Guggenheim Museum Bilbao.

Continua a leggere “Mostra “Peggy Guggenheim – L’ultima dogaressa” Venezia”

Poesie e Letture a Valenza di Cristina Saracano

Valenza: Martedì 15 ottobre 2019, alle 17,30, all’ UNITRE di Valenza, presso il CAI, si parla di poesia.

Protagonista la poetessa

ANTONIA POZZI.

Letture di Giorgia Manca e Luigia Masteghin. Alla chitarra Matteo Calabrò.

Presenta Elvio Bombonato, portandoci a conoscere meglio quest’autrice dolce e sensibile, spesso dimenticata.

Momenti di Cultura. Giuliano Saba, artista di Alessandria. Articolo di Maurizio Coscia.

Giuliano Saba

Biografia di Giuliano Saba

Giuliano Saba nasce in Sardegna, a Gonnosfanadiga, in provincia di Cagliari, nel 1949 e, dopo aver lavorato presso un’azienda tessile sarda, si sposta dal suo paese d’origine, viaggiando in Europa e in America e svolgendo anche l’attività di saldatore in Piemonte. Arriva ad Alessandria nel 1971 e nutre, fin dall’inizio, simpatia per la città, un tempo luogo d’elezione dell’industria tessile per la produzione, in particolare, dei cappelli Borsalino. Questo periodo è da lui ricordato in un’intervista di Pier Carlo Lava, presso il Caffè alessandrino durante una sua esposizione.

La professionalità lavorativa acquisita dall’artista, nel corso del tempo, svolgendo la sua attività di saldatore con acciaio e ottone, costituisce la base per la realizzazione di tutte le sue sculture. Infatti, a Giuliano Saba piace lavorare con l’acciaio inox che ritiene un materiale dotato di durezza, ma adatto alla realizzazione artistica e con l’ottone. Tra le sue opere ricordiamo “La Follia”, frutto delle immagini mentali evocate durante una sua lettura. Si tratta di una scultura in metallo saldato che è stata esposta anche a Venezia nel 2018 in occasione della Cinquantesima Biennale d’Arte.

Giuliano Saba è artista poliedrico e, oltre a essere uno scultore, si è dedicato con passione anche alla poesia e alla realizzazione di numerose opere pittoriche. Nella sua pittura si osserva l’utilizzo di colori acrilici e primari, accesi, tra i quali prevale il rosso. Infatti, l’artista è una persona vitale, dotata di una vivacità mentale e fisica che esprime nei suoi quadri.

Giuliano Saba è associato al MAC – Monferrato Arte e Cultura e ha, in precedenza, esposto presso: Continua a leggere “Momenti di Cultura. Giuliano Saba, artista di Alessandria. Articolo di Maurizio Coscia.”

Land of Dragons and Emperors

Paesi che vai...libri che trovi

Paesi che vai….

Pechino

Nel 1271 giunse a Pechino Marco Polo, il quale vi risiedette molti anni. Egli dice: “le vie della città sono così diritte e spaziose che l’occhio le può percorrere da un capo all’altro: da ogni porta si può vedere la porta corrispondente del lato opposto. Ci sono molti bei palazzi, molti begli alberghi, molte belle case. E dapertutto, dai lati di ciascuna strada principale, ci sono stanze e botteghe di ogni genere. E tutti i terreni su cui sono fabbricate le abitazioni sono quadrati, e rettilinei; in ciascun terreno ci sono grandi e spaziosi palagi, opportunamente forniti di cortili e di giardini. Questi terreni sono distribuiti tra i capi di casa… E dintorno a ciascun terreno… ci sono belle vie… In tal modo tutto l’interno della città è disposto per quadro, come un tavoliere da scacchi. E ne risulta la città così bella, così magistralmente…

View original post 2.555 altre parole

FESTA DELLA CASTAGNA DI VALLERANO: la storia del ragazzo down che fa il Carabiniere + il programma di 12 e 13 ottobre

Leggila Pucci

Image

Image

Nel secondo week-end dedicato al Frutto DOP, una giornata di solidarietà a favore dei diversamente abili: tra i vari eventi  la presentazione del libro sul ragazzo down che vuole da sempre fare il Carabiniere praticando  quotidianamente e a modo suo questa attività! 

Image

Storie normali di un ragazzo speciale, vivere in famiglia la disabilità quotidiana”: questo il titolo del libro autobiografico che Mauro Messina, genitore di un ragazzo di 22 anni con la sindrome di Down dedica al figlio. Un percorso, fin dalla nascita, ricco di sorprese in cui la drammaticità della vita di tutti i giorni, che in molti casi produce esclusione e isolamento, lascia il posto ad una partecipazione condivisa in cui si scoprono nuove avventure, personalità, emozioni, a confronto con chi, inizialmente restio a conoscere, si immerge nell’esperienza del vissuto “diverso”.

La singolare storia di Alessandro Messina, carabiniere per volontà e determinazione nonostante le…

View original post 673 altre parole

Ti leggo

NadeLa

Scrivimi, parlami, raccontami di te, me ne emozionerò ad ogni tua parola. Scrivimi come si fa con le lettere, scrivimi per posta, mandami una cartolina, un bigliettino, un pezzetto di carta colorata che ti piace in quel momento mentre mi racconti qualcosa di te. Scrivimi di amori vissuti tra le circonvoluzioni del tuo cranio, e tra le fibre del tuo cuore. Scrivimi con precisione, con metodica, con tanti dettagli da farmi figurare alla mente le immagini che vedi tu adesso. Scrivi con tutto il lato emotivo che sai gettarci su, scrivi di qualcosa che ti è difficile dire e che ti renderebbe ancora più splendente. Scrivimi di te, scrivimi di quanto possa farti del bene ciò, di come ti senti nel mentre, e scrivi di cosa ti piacerebbe fare, ora. Scrivimi di tutto, io ti leggo volentieri.

View original post

“Lo Scopatore di Anime” di Pablo T: il libro che rompe gli equilibri, sgretola gli schemi e disturba l’anima

Giorno di prima recensione…
Giorno speciale!

Cercherò periodicamente di parlare delle letture che intraprendo, concentrandomi su quelle che maggiormente mi colpiranno (ovviamente, no? 😊 ). Inizio con il dare un layout a questa nuova rubrica del blog. Perciò, prima di sciorinare tutto ciò che di bello mi è piaciuto dei libri, di cui tratterò, aprirò sempre la sezione della recensione con questi 3 punti introduttivi:

  1. La trama
  2. Il paragrafo del cuore
  3. Da leggere se…

in modo da darvi un primo “assaggio” di quello di cui si andrà a parlare nella recensione. I 3 punti servono anche per capire se può essere un libro, che stuzzica la vostra curiosità o meno, quindi leggeteli attentamente, vi sapranno consigliare 😊

Inauguriamo questa nuova rassegna con un libro, che mi ha davvero appassionato: “Lo Scopatore di Anime” di Pablo T, il quale autore mi aveva preannunciato che sarebbe stata una…

View original post 892 altre parole

Provvedimenti viabili

Comune AL

Festa del Cristo 2019 – 12 e 13 ottobre 2019
Per permettere lo svolgimento della manifestazione denominata “Festa del Cristo 2019” in programma al quartiere Cristo i giorni 12 e 13 ottobre 2019, dalle ore 12 di sabato 12/10/19 alle ore 24 di domenica
13/10/19 è vietata la fermata con rimozione forzata e dalle ore 16 di sabato 12/10/19 alle ore 24 di domenica 13/10/19 è vietato il transito in: via Carlo Alberto (tratto compreso tra via Verneri e viaMaggioli, ambo i lati), corso Acqui, nel tratto compreso tra via Carlo Alberto e Casalcermelli, ambo i lati;
via Canova.
Dalle ore 00 alle ore 6 del 13/10/19 è consentito il transito ai residenti.
Dalle ore 00 alle ore 24 di domenica 13/10/19 è vietata la fermata con rimozione forzata e dalle ore 6 Continua a leggere “Provvedimenti viabili”

Il Cuore d’Oro – Fiaba

Cantoluna

N.B. Questa fiaba, insieme a tante altre di altrettanto validi autori, è disponibile nell’antologia Favole e Fiabe Vol. II, Edizione 2019, edita dalla Historica Edizioni.
La raccolta comprende i racconti inediti degli autori vincitori dell’edizione 2019 dell’omonimo concorso. Per chi avesse il piacere, lascio il link Amazon:

Amazon.it: Favole e Fiabe (2019) Vol. II

Il Cuore d’Oro

download.jpg

(Immagine trovata sul web)

C’era un volta, in un tempo tanto remoto che pochi ancora se ne rammentano, il buon re di un paese straniero, padre di una principessa le cui virtù erano decantate da questa e da quell’altra parte del regno.

Ella era infatti una giovane onesta e giudiziosa, di indole mite, priva dei capricci che ci si aspetterebbe dalla sua età e dal suo rango.

Sapeva tessere e filare abilmente, la lettura era il suo maggior diletto, e solea prendersi cura con la medesima sollecitudine sia del padre…

View original post 1.293 altre parole

Pensieri notturni

Cantoluna

È notte.

La luna rischiara la stanza in penombra tingendola di sfumature grigie.

Ho appena finito di fare l’amore con lui, e mentre lui si è addormentato, io non ci riesco.

Sigaretta alla bocca, mi ritrovo a guardare i profili social delle persone che conosco, di perfetti sconosciuti, di individui con cui non avrò mai a che fare nella vita, il mio.

E mi chiedo quanti, come me, non siano felici perché non riescono o non possono essere sinceri con sé stessi e con gli altri.

Quanti soffrano perché vorrebbero chiedere “aiuto”, gridare “ti amo” con tutto il fiato che hanno in gola, “mi manchi”, “non te ne andare”, “accettami”.

Penso tutto questo, e un nodo mi stringe la gola.

Poi, lui si sveglia e mi dice “Vieni qui”.
Mi attira fra le braccia, mi fa sentire protetta.
Okay, posso pensarci in un altro momento.
Per adesso, va bene così.

View original post 4 altre parole

Riapertura Teatro Comunale: occorre sfruttare il Decreto Crescita

M5S: “RIAPERTURA TEATRO COMUNALE DI ALESSANDRIA: OCCORRE SFRUTTARE IL DECRETO CRESCITA. COMUNE E REGIONE COLLABORINO. SIAMO PRONTI A FARE LA NOSTRA PARTE AD OGNI LIVELLO ISTITUZIONALE”.

Alessandria merita un Teatro comunale come tutti i principali centri del Piemonte e per riaprirlo al più presto si devono utilizzare i fondi del Decreto crescita.

cropped-nuovo-logo-m5s-2

Non è accettabile che Alessandria sia l’unico capoluogo di provincia a non avere un teatro pubblico e ad essere priva di progetti di ampio respiro di carattere musicale, sinfonico e lirico teatrali. Dal 2009 è rimasto quasi sempre chiuso a causa dell’amianto e degli interventi di bonifica. Il M5S chiede alla giunta Comunale e Regionale un progetto serio, con tempi certi, che assicuri la riapertura in tempi brevi.

Il Comune ha il compito di risolvere il problema  di ASPAL (società comunale in liquidazione) che detiene il diritto di superficie e per farlo può sfruttare i milioni garantiti dal governo nel decreto crescita cosi’ come per affrontare le spese per rimetterlo in funzione. La Giunta regionale, dal canto suo, deve garantire collaborazione per cofinanziare il progetto.

La struttura sta lentamente invecchiando, si segnalano infiltrazioni d’acqua e presenza di piccioni. Ancora più grave il fatto che gli under 18 di Alessandria non abbiano praticamente mai avuto l’opportunità di sfruttare un teatro pubblico come è avvenuto per le generazioni precedenti. Siamo pronti a fare la nostra parte, ad ogni livello istituzionale, per sostenere la rinascita del Teatro di Alessandria.

Sean Sacco – Francesca Frediani,
Consiglieri regionali M5S Piemonte

Michelangelo Serra e Francesco Gentiluomo,
Consiglieri comunali M5S Alessandria

Susy Matrisciano, Senatrice M5S

Festa del Cristo: programma finale

cartolina1190946226851928176.jpg

Alessandria: Festa del Cristo, qualcosa di Unico senza precedenti, Valorizzazione Territorio, Sociale e Commercio..e sul Natale programma quasi definito ! Sabato sera i Grandi eventi e domenica oltre 200 bancarelle e negozi aperti ! Sabato sera i DIVINA e I DJ STEFANO PAIN e FRANCESCO PITTALUGA
Arriva la storica Band dei Divina con un seguito di fans, al Don Bosco la Festa dei giovani i grandi nomi dei dj Pittaluga e Pain, ci sono i giochi di una volta ben 32 e il ballo al palchetto (81 anni dopo), il Teatro ed il Salotto del Mandrogno, il progetto con le scuole e la Mostra Sul Piccolo e sui
Grigi ! il 12 una notte sotto le stelle con i locali protagonisti e la domenica si parlerà del Cristo che verrà! Chiara Savino nata e cresciuta al Cristo, finalista di Miss Italia sarà la Madrina..Band ed orchestre locali tutte in Pista dai Cugini Rangone (Franco e Al) a Ricky Show ed Enrico Cremon…sarà la prima Volta del Centogrigio tra i partner dell’Associazione Commercianti così come la prima della piazzetta di Via Nenni in festa ed il ritorno della Fiera in Via Maggioli. La Cia grande protagonista con stand e fiera agricola in corso Acqui, ritornano anche i Canton Da Ratt ed il Luna Park si prepara  un mese pieno di eventi. Continua a leggere “Festa del Cristo: programma finale”

Fascino antico

C&F Scatti e Parole

Impara dall’agricoltore ad avere pazienza, a lavorare duramente a rispettare le stagioni, e a non bestemmiare contro i temporali, perché sarebbe soltanto una perdita di tempo.
(Paulo Coelho)

Learn from the farmer to have patience, to work hard to respect the seasons, and not to blaspheme against thunderstorms, because it would only be a waste of time. (Paulo Coelho)

View original post