Gloriana Astolfi si presenta su Alessandria today – biografia e due libri

Gloriana Astolfi si presenta su Alessandria today – biografia e due libri

di Pier Carlo lava

Alessandria today è lieta di presentare ai lettori del blog la biografia e le opere della scrittrice Gloriana Astolfi.

Gloriana Astolfi copia.jpg

Sono nata in castello e piu’ precisamente in una Rocca dei Gonzaga, e questo non perche’ i miei genitori fossero ricchi, ma perche’ il Comune aveva assegnato alle famiglie ritenute piu’ bisognose degli alloggi ricavati dalla Rocca stessa.

Mia madre si e’ fatta nove mesi di letto per me, su consiglio del medico, avendo gia’ avuto precedentemente due aborti spontanei.

Verso il termine del nono mese, una domenica di giugno, ore 21,30 circa, si sentiva particolarmente in forma: le venne un incontrollabile desiderio di gelato. Si alzo’ dal letto e accompagnata da mio padre per raggiungere la gelateria accanto stava per varcare la soglia di casa, trasse un respiro profondo e mi sforno’ proprio li’, in un nano secondo e senza doglie. Non ci fu nemmeno il tempo per chiamare l’ ostetrica. Fu cosi’ che venni alla luce, anzi al buio.

Crescendo e osservando dove vivevo, mi sentivo una bambina privilegiata: c’erano grandi caminetti di marmo rosso, un affresco di San Luigi Gonzaga e il mattino, quando riaprivo gli occhi un soffitto dipinto con strane figure mitologiche.

Era il mio mondo e mi sentivo una principessa.

Come bambina ero ritenuta strana e faticavo a rapportarmi con i miei coetanei, non sapevo giocare e non mi interessava nemmeno tanto.

Vivevo in una particolare dimensione e da quando ho memoria vedevo le statue della Madonna e di Gesu’ che mi guardavano e sorridevano anche se rappresentati in pose di sofferenza. Sentivo delle “voci”: una di queste era maschile e in un pomeriggio, forse all’eta’ di cinque anni, mi disse in tono grave ed assertivo: “APRIMI!” La vibrazione della voce era talmente potente che le pareti tremarono. Annichilita dallo spavento balbettai qualcosa aspettando.. Non successe piu’ niente. Lo raccontai ai miei genitori che, pur credendomi, mi consigliarono di non parlarne mai con nessuno. (Giovanna D’Arco insegna…).

Cosi’ crebbi tenendomi tutto dentro e con l’andar del tempo accantonai questi ricordi per rivolgere la mia attenzione agli aspetti della vita mondani e “normali”

Ci furono lunghi anni di ateismo assoluto in cui ero fermamente convinta che dopo la morte fisica ci fosse il nulla. Ma lentamente si insinuava nel mio profondo un senso indefinito di incompletezza, mancanza di qualcosa che non riuscivo ad individuare.

Era come se avessi sete e pur sentendo l’acqua scorrermi vicino non vedessi la fonte.

Nuovi incontri, nuove conoscenze mi aprirono un varco: ricominciai ad interessarmi alle cose dello spirito, seppur in modo diverso di quando ero bambina.

Frequentai corsi, seminari, lavorai molto su me stessa, e cercando dentro di me ritrovai quella parte che era stata accantonata e premeva per uscire di nuovo. Mi aprii ad essa con fatica, dolore e gioia, alla fine.

Un giorno, durante un seminario di introspezione sentii ancora quella voce possente “APRIMI!” . Stavolta non fuggii e l’accolsi. Intrapresi il cammino per “il ritorno a Casa”. Sto ancora camminando, ogni giorno, passo dopo passo, e sento che e’ questa e’ la mia Via, la mia Vita. Non potrebbero essercene altre.

Se mi giro indietro vedo la strada percorsa, ma non guardo avanti: cerco di stare nel qui e ora, vivendo appieno ogni istante.

Ringrazio le persone che mi hanno aiutato e che continuano a farlo, le Guide e l’ Universo che mi sostengono e proteggono dandomi coraggio e fede.

Dal Giugno 2013 collaboro come sensitiva ufficiale con Emilia Misteriosa,

EMILIA MISTERIOSA e’ un’ associazione privata di volontariato culturale, senza scopo di lucro, nata nel Gennaio del 2012 dal desiderio dei fondatori di dedicarsi ai misteri legati alla regione Emilia Romagna e con particolare riferimento alla zona Emiliana.
Le sue finalita’ riguardano la scoperta, l’approfondimento, la conoscenza e la valorizzazione di luoghi, fatti, vicende e persone, legate in qualsiasi modo al vasto mondo del mistero.
La nostra associazione, tra le altre cose, effettua studi, ricerche, indagini sul campo e si occupa di divulgazione ed organizzazione di eventi finalizzati alla diffusione dei risultati delle ricerche svolte.
Il gruppo collabora sia con privati che con enti pubblici e, in quanto no profit, lavora senza alcuno scopo di lucro e con prestazioni totalmente gratuite.
I soci e i collaboratori sono tutte persone che hanno esperienza nel campo e che hanno gia’ operato attivamente in ricerche e indagini sia con l’associazione che singolarmente.
All’interno di Emilia Misteriosa troviamo Giornalisti, Fotografi, Tecnici Audio-Video, Tecnici di laboratorio, Sensitivi e altre figure, tutti mossi da una forte passione per la ricerca della soluzione di casi inspiegabili.

http://www.glorianaastolfi.it

I giardini fioriti dell'anima copia

I giardini fioriti dell’anima, di Gloriana Astolfi

«Il fenomeno della canalizzazione è conosciuto da sempre e oggi più che mai ci sono persone che, con la voce o la scrittura, si fanno strumenti per trasmettere agli uomini messaggi e risposte. Credo che il motivo per cui siamo in tanti sia il grande bisogno di ricevere parole di speranza e quello di ricollegarci a una dimensione di cui tutti facciamo parte, ma con la quale abbiamo perso il contatto. Mi hanno insegnato che si nasce e si muore soli… io non credo sia così: noi non siamo mai soli veramente, soprattutto in momenti così importanti. Se ne fossimo consapevoli, quanto dolore e quanta paura in meno!»

Grazie angeli terrestri copia.jpg

Grazie, Angeli terrestri (Edizione italiana) Edizione Kindle di Gloriana Astolfi (Autore)

Canalizzazioni di Gloriana Astolfi, consigliere e Maestro Reiki. «Il fenomeno della canalizzazione è conosciuto da sempre e oggi più che mai ci sono persone che, con la voce o la scrittura, si fa strumenti per utilizzare gli messaggi messaggi e risposte. Penso che il motivo per cui siamo in tanti sia il grande bisogno di ricevere parole di speranza e quello di ricollegarci in una dimensione di cui tutti facciamo parte, ma con quale abbiamo perso il contatto. Mi hanno insegnato che si nasce e si muore soli … io non credo sia così: noi non siamo mai soli davvero, soprattutto in momenti così importanti. Se ne fossimo consapevoli, quanto dolore e quanta paura in meno! »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...