UNA STORIA VERA, PER NON DIMENTICARE

Paola Fargion e Meir Polacco, Il Vescovo degli ebrei. Storia di una famiglia ebraica durante la Shoah

1 FARGION  MEIR COP fronte.pdf_page_1.png

Un libro come quello di Paola Fargion e Meir Polacco, Il vescovo degli ebrei, come tutti i romanzi etichettabili come “storici”, vive sull’equilibrio tra storia e invenzione, ma anche su una forte tensione etica che ingloba la fabula e la innalza a livello universale, in quanto tocca eventi ancora vicini sia nel tempo che nello spazio (la persecuzione degli ebrei durante la seconda guerra mondiale) ma le cui implicazioni etiche e umane vanno ben oltre ogni particolare delimitazione.

Paola Fargion (che ha all’attivo tre romanzi per Rusconi e uno per puntoacapo, Davide contro K, come ho vinto la paura del cancro) e il marito Meir Polacco ci narrano la fuga del Rabbino capo di Acqui e dei suoi famigliari, protetti dalla popolazione locale prima sulle nostre colline e poi a Stresa, ricostruendo una rete di relazioni umane complesse e non di rado combattute che coinvolsero molte famiglie, alle prese con difficili e rischiose decisioni che implicavano, in fondo, una scelta morale. La vivace galleria di personaggi delineati, “popolari” nel senso più alto del termine, dà alla storia spessore umano e credibilità narrativa, anche perché su questo sfondo gli scrittori delineano con grande accuratezza gli usi e i costumi della comunità ebraica, un mondo che non voleva arrendersi alla barbarie e si aggrappava saldamente alle proprie radici soprattutto religiose. 

2FARGION MEIR SCHEDA.jpg

Leggendo il romanzo (che si avvale della Prefazione di Luca Alessandrini) respiriamo il terrore dei protagonisti, l’incertezza in cui vissero in quei mesi, la tensione di fronte alle sempre possibili retate nazifasciste, la prostrazione di fronte alla tragedia che si stava delineando e che tranciava vite e attese, ma anche l’amore e la speranza che non volevano morire.

Il vescovo degli ebrei è un grande romanzo, che puntoacapo ha inserito nella Collana “Le impronte – Le storie del territorio” proprio perché la storicità universale della vicenda si coniuga con l’ambientazione locale. È una storia vera per non dimenticare, che sarà presentata in moltissime sedi di prestigio nella nostra zona e in tutta Italia, anche agli studenti, perché una comunità nazionale o locale si basa soprattutto sulla memoria delle proprie radici e sugli eventi che l’hanno costruita.

Paola Fargion – Meir Polacco, Il Vescovo degli ebrei. Storia di una famiglia ebraica durante la Shoah, pp 216, € 18,00 (ISBN 978-88-6679-233-8)