Carpe diem

bambino-indiano-bellissimo

C’è chi conserva

conchiglie

come ricordi.

Chi essicca

fiori

tra pagine di libri

che non saranno mai

più aperti.

Chi affolla

pareti

di fotografie tentando

di fermare gli attimi.

C’è chi scolpisce

la grezza pietra

per dare vita

al passato.

E poi ci sono

gli occhi

di un bambino

al sole che sorge.

Alessandra Solina

Un pensiero riguardo “Carpe diem

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...