3TR è il più grande progetto di immunologia dell’iniziativa 2 di medicina innovativa (IMI2). Migliorerà la gestione delle malattie autoimmuni nei pazienti che non rispondono alle terapie.

upo caadupo sainaghi

3TR è un’iniziativa di ricerca pubblico-privato su larga scala che fornirà nuove conoscenze sui meccanismi di risposta e non risposta al trattamento sia specifici sia condivisi tra sette diverse malattie immuno-mediate attraverso un’analisi integrata multi-malattia mediante le più moderne tecnologie.

Schermata 2019-10-31 a 08.41.19

• 3TR avrà accesso a una quantità senza precedenti di dati clinici e campioni di oltre 50.000 pazienti da 50 studi clinici, con l’obiettivo finale di scoprire e verificare biomarcatori di stratificazione per migliorare la gestione dei pazienti

• Il progetto unisce esperti rinomati e interdisciplinari da 69 istituzioni accademiche e partner industriali che coprono 15 paesi europei

• 3TR è finanziato per un totale di oltre € 80 milioni nei prossimi sette anni dall’IMI2 – iniziativa congiunta tra l’Unione Europea e la Federazione Europea delle industrie e associazioni farmaceutiche (EFPIA)

UPO: Granada / Spagna, 29 ott 2019 – Le malattie autoimmuni, infiammatorie e allergiche sono comuni malattie croniche che incidono in modo significativo sul benessere di milioni di persone in tutto il mondo e rappresentano un onere importante per i sistemi sanitari. Mentre sono disponibili diversi trattamenti, la risposta e la progressione della malattia nei singoli pazienti rimangono imprevedibili. Attualmente si sa ancora troppo poco sulle basi molecolari sottese a queste malattie. Per essere in grado di prevedere meglio la risposta al trattamento e identificare potenzialmente nuovi biomarcatori che portano a una migliore gestione dei pazienti e a una terapia personalizzata, è urgente comprendere più in profondità i meccanismi cellulari che determinano lo sviluppo della malattia.

In uno sforzo mai visto prima di riunire esperti di diversi settori della medicina, di tecnologie di profilazione, di biologia dei sistemi e bioinformatica con specialisti di PMI innovative e aziende farmaceutiche leader, 3TR – un progetto di partenariato pubblico-privato sotto l’egida dell’IMIsi propone di aumentare significativamente la nostra conoscenza delle vie e dei meccanismi molecolari collegati alla risposta e alla non risposta alla terapia in sette diverse malattie immunomediate, allergiche e infiammatorie: lupus eritematoso sistemico, artrite reumatoide, sclerosi multipla, malattia infiammatoria intestinale (incluse colite ulcerosa e Morbo di Crohn), asma e broncopneumopatia cronica ostruttiva. Nonostante la loro eterogeneità, studi recenti hanno dimostrato che, a livello molecolare, alcuni aspetti sono condivisi dai pazienti attraverso queste malattie, suggerendo così che possono anche condividere meccanismi di risposta al trattamento e alla progressione della malattia.

L’Università del Piemonte Orientale (UPO) partecipa come membro del consorzio 3TR con l’unità coordinata dal professor Pier Paolo Sainaghi, professore associato di Medicina Interna al Dipartimento di Medicina Traslazionale (DIMET). L’attività di ricerca verrà condotta presso il CAAD (Centro Interdipartimentale di Ricerca Traslazionale sulle Malattie Autoimmuni e Allergiche) dell’UPO, la nuova infrastruttura a Novara dove si combinano assistenza clinica (nell’ambito dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria “Maggiore della Carità”) e ricerca multidisciplinare sulle malattie autoimmuni e allergiche. In particolare qui hanno sede gli ambulatori di Reumatologia e Allergologia della SC di Medicina Interna I (direttore Prof. Mario Pirisi). Nel dettaglio il programma di ricerca del progetto 3TR verrà condotto presso gli ambulatori di reumatologia dove, sotto la guida del professor Sainaghi, viene condotta l’attività assistenziale nell’ambito delle malattie reumatiche e autoimmuni e dove sono già in corso sperimentazioni cliniche innovative su queste malattie (artrite reumatoide in particolare).

Riguardo al programma di ricerca specifico che verrà condotto nel contesto del consorzio 3T3 il team novarese parteciperà all’esecuzione di studi clinici sull’Artrite Reumatoide per l’identificazione di biomarcatori che predicono la risposta al trattamento anche attraverso l’impiego di una metodica innovativa di biopsia articolare mininvasiva ecoguidata che permette di prelevare tessuto sinoviale attraverso una procedura ambulatoriale ben tollerata. L’unità novarese ha ricevuto nell’ambito del progetto europeo 3TR un finanziamento di circa 300.000 euro in sette anni per condurre tale ricerca.

L’unità novarese collaborerà in questo grande consorzio costituito da prestigiose istituzioni accademiche e partner industriali in uno dei più grandi e ambiziosi progetti di ricerca nelle malattie infiammatorie, autoimmuni e allergiche concepito negli ultimi anni.

Un approccio innovativo: analisi integrata e inter malattia

«Per la prima volta, il team 3TR allineerà e integrerà l’analisi di malattie autoimmuni, allergiche e infiammatorie per identificare la relazione tra profili molecolari e del microbioma nelle cellule del sangue e nei tessuti e percorsi di malattia. Con un approccio unico studieremo le sette malattie sia in parallelo sia congiuntamente», spiega Marta Alarcón-Riquelme, coordinatrice scientifica di 3TR e Direttore del Medical Genomics presso il centro GENYO alla Fundación Pública Andaluza Progreso y Salud. «Riteniamo che questa analisi di definizione multi-omica ad alta risoluzione della risposta individualizzata al trattamento e alla progressione della malattia faciliterà la stratificazione e l’identificazione di modelli molecolari che meglio predicono la risposta o la non risposta alla terapia. Questo approccio globale aiuterà a identificare i biomarcatori per migliorare la gestione dei pazienti all’interno di queste malattie».

Frank Nestlé, MD, capo della ricerca di Sanofi in immunologia e infiammazione, aggiunge: «Questo consorzio è focalizzato sull’affrontare le esigenze di trattamento insoddisfatte per molte delle condizioni immunologiche e infiammatorie studiate in questa iniziativa. 3TR fornirà l’opportunità unica di studiare una considerevole quantità di dati clinici e molecolari in importanti categorie di malattie infiammatorie, inclusi i pazienti che hanno risposto al trattamento e quelli che non hanno risposto. Come co-leader del progetto scientifico di 3TR, Sanofi è fiducioso che questa partnership pubblico-privato porterà preziose conocenze per aiutarci a scoprire opzioni di trattamento più efficaci per le persone che sono affette da malattie infiammatorie croniche

Gestione dei dati e traduzione in cliniche

Tutti i dati generati nell’ambito del progetto saranno raccolti su una piattaforma centralizzata di gestione dei dati. Ciò consentirà analisi bioinformatiche e biostatistiche dettagliate e complete e all’avanguardia basate sull’apprendimento automatico e metodi dinamici e meccanicistici.

Coinvolgendo le associazioni mediche in stretti rapporti con i gruppi di pazienti, 3TR contribuirà anche a traslare rapidamente le conoscenze più rilevanti e i risultati del progetto nella pratica clinica. «3TR ha un grande potenziale per trasformare e migliorare significativamente la gestione dei pazienti con malattie infiammatorie croniche introducendo una logica scientifica basata sull’evidenza per la selezione del trattamento, piuttosto che seguire il tradizionale approccio di prova ed errore. Ciò aumenterà il successo terapeutico, ridurrà i rischi di effetti collaterali evitabili nei pazienti che probabilmente non trarranno beneficio dal farmaco prescritto, ridurrà i costi dell’assistenza sanitaria, ma soprattutto: migliorerà la qualità della vita del paziente», sottolinea il dott. Pierre Meulien, direttore esecutivo di Iniziativa sui medicinali innovativi (IMI).

Il team 3TR inizierà ufficialmente le proprie attività con un primo incontro a Granada, in Spagna, dal 30 al 31 ottobre 2019.

3TR

3TR riunisce 69 organizzazioni partner di 15 Stati membri europei tra cui istituti accademici e di ricerca, piccole e medie imprese (PMI) e aziende farmaceutiche. Per un elenco completo dei partner, visitare: www.3tr-imi.eu/partners

Il progetto è finanziato con oltre 80 milioni di euro dall’Innovative Medicines Initiative 2 (IMI2), un’impresa comune della Commissione europea e della Federazione europea delle industrie e delle associazioni farmaceutiche (EFPIA).

Visitare il sito Web 3TR: www.3tr-imi.eu

Segui 3TR su Twitter: @ 3TR_IMI

Fatti del progetto

Titolo completo del progetto: tassonomia, trattamento, obiettivi e remissione. Identificazione dei meccanismi molecolari di mancata risposta a trattamenti, ricadute e remissione in condizioni autoimmuni, infiammatorie e allergiche

Acronimo del progetto: 3TR

Data di inizio: 1 settembre 2019

Durata: 84 mesi

Stanziamento: 80.648.441,50 €

Coordinamento: Fundación Pública Andaluza Progreso y Salud (FPS)

Responsabile del progetto: Sanofi-Aventis Deutschland GmbH (SANOFI)

Informazioni sull’IMI

L’Innovative Medicines Initiative (IMI) è la più grande iniziativa pubblica-privata d’Europa che mira a migliorare la salute accelerando lo sviluppo e l’accesso dei pazienti a farmaci innovativi, in particolare nelle aree in cui sussiste un bisogno medico o sociale insoddisfatto. L’IMI facilita la collaborazione tra i principali attori coinvolti nella ricerca sanitaria, tra cui università, industria farmaceutica e altre industrie, piccole e medie imprese (PMI), organizzazioni di pazienti e autorità di regolamentazione dei medicinali. È un partenariato tra l’Unione europea (rappresentata dalla Commissione europea) e l’industria farmaceutica europea (rappresentata da EFPIA, la Federazione europea delle industrie e delle associazioni farmaceutiche). Per ulteriori informazioni: http://www.imi.europa.eu

Contatto stampa

Coordinatore del progetto:

Prof. Marta E. Alarcón-Riquelme

Centro GENYO presso la Fundación Pública Andaluza Progreso y Salud (FPS)

Email: marta.alarcon@genyo.es

Telefono: +34 (958) 715 500-113

Contatto unità operativa locale

Coordinatore. Prof. Pier Paolo Sainaghi

DIMET e CAAD, Università del Piemonte Orientale

Email: pierpaolo.sainaghi@med.uniupo.it

Telefono: 0321 3737512 (ambulatory centro CAAD)