Ad Acqui Terme un viale dedicato a Camilla Ravera

Nell’ambito dei lavori del Consiglio Nazionale ANPI, domenica 10 novembre, un centralissimo viale di Acqui Terme è stato intitolato a Camilla Ravera, prima Senatrice a vita della Repubblica italiana, nata 130 anni fa nella città piemontese.
La dedica è frutto del lavoro dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, di concerto con l’Amministrazione cittadina, e l’occasione scelta per l’intitolazione è altamente simbolica: lo svolgimento ad Acqui del Consiglio Nazionale dell’ANPI, che ha riunito oltre 150 dei massimi dirigenti nazionali e provinciali dell’Associazione.
Camilla Ravera, antifascista, dirigente comunista, arrestata nel 1930, venne condannata dal regime a 15 anni di carcere e ne scontò cinque in cella e il resto al confino, fu a Ventotene al tempo in cui nell’isola c’era, tra gli altri, Umberto Terracini. Sarà poi tra le fondatrici dell’UDI (Unione Donne Italiane) e nel dopoguerra parlamentare per due legislature.
“Ho avuto il privilegio di conoscerla nel 1976 – ricorda Carla Nespolo, Presidente Nazionale dell’ANPI – quando aprì la prima seduta del nuovo Parlamento, in qualità di componente più anziana, mentre io ero la più giovane a Montecitorio. Quando nel 1982 fu nominata Senatrice a vita dal Presidente Pertini e fece il suo ingresso a Palazzo Madama, tutta l’Assemblea si alzò in piedi.”

È stata proprio Carla Nespolo a guidare la delegazione di partigiani e cittadini che ha partecipato all’intitolazione a Camilla Ravera.

Anche l’Amministrazione comunale del Sindaco Lorenzo Lucchini è stata rappresentata da una donna, l’Assessore alla Cultura Alessandra Terzolo.