La Terza guerra d’indipendenza italiana

La Terza guerra d’indipendenza italiana è un episodio del Risorgimento. Fu combattuta dal Regno d’Italia contro l’Impero austriaco dal 20 giugno 1866 al 12 agosto 1866. Appartiene alla più ampia guerra austro-prussiana della quale rappresentò il fronte meridionale.

San_Martino_della_Battaglia_-_Fresco_1866_Custoza_1.jpg

Ebbe origine dalla necessità dell’Italia di affiancare la Prussia nel tentativo comune di eliminare l’influenza dell’Austria sulle rispettive nazioni.

Dopo l’attacco della Prussia all’Austria del 15 giugno 1866, così come previsto dal trattato di alleanza italo-prussiana dell’aprile 1866, l’Italia dichiarò guerra all’Austria. Passato il confine, una parte dell’esercito italiano comandata da Alfonso La Marmora fu però sconfitta nella battaglia di Custoza. Né tale insuccesso fu bilanciato dagli eventi successivi, poiché alle vittorie di Giuseppe Garibaldi e la sua avanzata verso Trento seguì per l’Italia un’altra sconfitta nella battaglia navale di Lissa.

Nonostante ciò, grazie agli accordi presi in precedenza e alla vittoria della Prussia sul fronte settentrionale, nonché all’intervento diplomatico della Francia, al termine della guerra l’Austria cedette formalmente alla Francia il Veneto (oltre aMantova e a parte del Friuli) che fu girato all’Italia. Un plebiscito confermò l’annessione al Regno d’Italia. L’Italia non riuscì invece ad annettersi i territori conquistati nel Tirolo meridionale.

La terza guerra di indipendenza, conclusasi con l’armistizio di Cormons, fu il primo conflitto nel quale fu coinvolto il Regno d’Italia.

da: https://it.wikipedia.org

La fanteria italiana respinge un attacco della cavalleria austriaca durante la battaglia di Custoza