FLP_stato_agitazione_FLP

FLP. Rinnovo dei contratti e rilancio della PA: “Serve un deciso cambio di passo”

La legge di bilancio, e i provvedimenti ad essa collegati, pur manifestando alcuni timidi segnali sulle questioni legate al rinnovo dei contratti pubblici e sulle nuove assunzioni, non coglie a pieno le questioni ormai ineludibili e decisive per un vero rilancio della Pubblica Amministrazione.

Servono risorse aggiuntive rispetto a quelle stanziate” dichiara Marco Carlomagno, Segretario Generale della FLP, per garantire un rinnovo contrattuale capace di recuperare il potere di acquisto delle lavoratrici e dei lavoratori, falcidiato da un decennio di blocco e da un rinnovo, quello del triennio 2016/2018, assolutamente inadeguato sia del punto di vista economico, che di riconoscimento professionale e della dignità del lavoro pubblico.

Così come è necessario un piano straordinario di reclutamento per recuperare il gap assunzionale che ormai è drammatico, e rende le Amministrazioni al limite del collasso operativo”, prosegue Carlomagno.

Non c’è bisogno di un rinnovo contrattuale qualsiasi, ma di uno strumento capace di mettere in moto finalmente le energie presenti nelle nostre Amministrazioni, riconoscere che il lavoro sta cambiando, superare le rigidità ed i vincoli che sono stati imposti per legge in questi anni, e che sono stati funzionali solo a depotenziare le Amministrazioni e la loro capacità di essere veramente al servizio del Paese.

Ecco perché si è reso necessario proclamare lo stato di agitazione del personale e la FLP è pronta a programmare forti iniziative di mobilitazione se non arriveranno a breve concreti segnali di inversione di tendenza, perché siamo convinti che bisogna far camminare sulle gambe delle lavoratrici e dei lavoratori le nostre proposte, che da tempo abbiamo rappresentato al Governo, al Parlamento e all’Aran e che non sono ancora diventate una delle priorità dell’azione di Governo.

Il buon funzionamento della PA serve a tutto il Paese, non è un obiettivo di nicchia da derubricare come una delle tante questioni da affrontare con scelte rabberciate e di scarso respiro. E la FLP, su questo,nonindietreggeràmai” concludeCarlomagno.

Roma, 18 dicembre 2019

Responsabile Ufficio Comunicazione Roberto Sperandini