Pier Jacopo Martello, sonetto, recensione di Elvio Bombonato

Pier_Jacopo_Martello.jpg

Odo una voce tenera d’argento

Donde uscita non so, chiamarmi a nome.

Chi sei? Non veggio altro che l’onda e il vento

Del circostante allor scuoter le chiome.

E pur me nuovamente avvien che nome

Il vicino invisibile concento

Onde in petto destarmi e non so come

Amore insieme, e meraviglia io sento.

Ah sei tu, che a me riedi, o piccol figlio?

Io non scernea il candido tuo aspetto

Da quello ove tu stai cespo di giglio.

Te rende forse il buon paterno affetto

A mie sorti compagno in questo esiglio?

– No, padre, io te nella mia Patria aspetto.

PIER JACOPO MARTELLO, 1710

Martello fu un poeta bolognese dell’Arcadia. In questo sonetto, di impronta petrarchesca, piange la morte del figlio 6enne Odoardo, probabilmente di polmonite.  Altre poesie strazianti svolgono il tema del dolore inconsolabile. Apprezzate da Giosue Carducci , e poi da Luigi Baldacci.  Le rime sono ABAB BABA CDC DCD, invertite sia nelle quartine sia nelle terzine.                                                                                                                                 – allor:  la pianta, sempreverde, simbolo della giovinezza.                                                             – concento:  concerto.                                                                                                                              – scernea:  distinguevo.                                                                                                                         – candido:  il pallore della morte.                                                                                                       – cespo di giglio:  in Paradiso.                                                                                                               esiglio:  la vita terrena; spera che il bambino torni.                                                                      Patria:  Paradiso (maiuscolo).

Philippe Ariès, storico degli Annales, nel suo capolavoro “Padri e figli nell’Europa medioevale e moderna” 1960, sostiene che fino all’800 (vedi anche  Manzoni, che “uccise” la moglie a furia di gravidanze), e per le classi subalterne anche dopo, la morte di un bambino era ritenuta inevitabile e pertanto accettata.  Leopardi denunciò con sdegno l’atteggiamento della propria madre, la quale, quando le moriva un figlio piccolo, era contenta perché aveva procurato un’anima a Dio.  Martello, padre affranto e sconsolato, è un’eccezione.

foto: Wilipedia