Carab 112 copia.jpg

Carabinieri: Operazioni su Pozzolo Formigaro e Cassano Spinola

Pozzolo Formigaro, esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere.

I militari della Stazione Carabinieri di Pozzolo Formigaro hanno tratto in arresto in esecuzione ordinanza di custodia cautelare in carcere un pregiudicato a seguito di richiesta di aggravamento della Stazione di Pozzolo Formigaro per violazione del divieto di avvicinamento già emesso a suo carico nei suoi confronti della moglie. L’uomo nel tempo si era reso responsabile di reato di maltrattamenti ed anche di abuso sessuale ai danni della moglie, pratica seguita dai Carabinieri di Novi Ligure, in collaborazione con quelli di Pozzolo Formigaro.

La violazione della misura imposta dalla Procura ha fatto scattare l’aggravamento della misura cautelare tale per cui i Carabinieri di Pozzolo Formigaro l’hanno tratto in arresto e tradotto presso la Casa Circondariale “Cantiello e Gaeta” di Alessandria.

Cassano Spinola: truffa per l’acquisto di pellets. Denunciato.

I militari della Stazione di Cassano Spinola hanno denunciato in stato di libertà un pregiudicato novese, dell’età di 43 anni, reo di aver raggirato una donna di Serravalle Scrivia pubblicando un annuncio su un noto sito di vendita on line. L’annuncio, che riguardava la vendita di  pellets, gli ha consentito di intascare la somma di 315 euro, versata dalla vittima per l’acquisto della merce. I tentativi successivi di rintracciarlo hanno avuto tutti esito negativo, poiché  l’autore del raggiro si era reso irreperibile. Gli accertamenti dei carabinieri, hanno consentito di identificare il responsabile della truffa e di denunciarlo all’Autorità Giudiziaria.

Pozzolo Formigaro: truffa Documentale. Denunciato.

I militari della Stazione di Pozzolo Formigaro hanno denunciato in stato di libertà un genovese dell’età di 55 anni, reo di aver raggirato una anziana donna di Pozzolo Formigaro Nel novembre del 2018, la donna avendo problemi con della documentazione relativa alle sue carte di credito si affidava all’uomo che si era qualificato quale procuratore stragiudiziale. L’uomo, incassava dalla vittima la somma di 2000 euro, riscossi in più riprese, consegnando come ricevuta un foglio di scarsa autenticità e senza risolvere le problematiche si rendeva irreperibile. Gli accertamenti dei Carabinieri, hanno consentito di identificare il responsabile della truffa e di denunciarlo all’Autorità Giudiziaria.