Alessandria: Lunedì 20 gennaio 2020 alle ore 21,00

 

L’Associazione Culturale Libera Mente-Laboratorio di Idee in collaborazione con CulturaIdentità e con Nazione Futura presso
Il Museo Etnografico della Gambarina (piano terra)
in Piazza della Gambarina n. 1 – Alessandria
organizza la presentazione del libro di Marco GERVASONI
“LA RIVOLUZIONE SOVRANISTA
Il decennio che ha cambiato il mondo”
Dialogano con l’Autore
Ferrante DE BENEDICTIS Vice Presidente di Nazione Futura
Federico DI BISCEGLIE Giornalista de Il Resto del Carlino
Modera Fabrizio PRIANO Presidente dell’Associazione

Fabrizio PRIANO
Presidente dell’Associazione Culturale Libera Mente-Laboratorio di idee commenta: “Marco GERVASONI, storico e studioso della vita politica ed intellettuale soprattutto italiana e francese, con il suo ultimo libro affronta la crisi economica e sociale degli ultimi dieci anni analizzando il fenomeno dei cosiddetti movimenti sovranisti e populisti ”.

Marco GERVASONI
(Milano, 1968) insegna Storia contemporanea all’Università del Molise ed ha insegnato Storia comparata dei sistemi politici all’Università Luiss di Roma. È editorialista del «Messaggero».
Ha pubblicato tra l’altro Georges Sorel. Una biografia intellettuale (1997), L’intellettuale come eroe. Piero Gobetti e le culture del Novecento (2000), Storia della Francia nel XX secolo (2003) e La cruna dell’ago. Craxi, il Psi e la crisi dell’Italia repubblicana (con Simona Colarizi, 2005).

Tra i suoi ultimi volumi: François Mitterrand. Una biografia politica e intellettuale (2007), La tela di Penelope. Storia della Seconda Repubblica (con S. Colarizi, 2012). Per Marsilio ha pubblicato: Storia d’Italia degli anni ottanta. Quando eravamo moderni (2010), La guerra delle sinistre. Socialisti e comunisti dal ’68 a Tangentopoli (2013) e Le armate del Presidente. La politica del Quirinale nell’Italia repubblicana (2015).

“LA RIVOLUZIONE SOVRANISTA
Il decennio che ha cambiato il mondo”
La crisi del 2007-2008 è spartiacque fondamentale per comprendere il nostro presente, quello del continente europeo e naturalmente quello italiano, a partire da una cambio di paradigma mondiale, che investe gli Usa, la Cina, la Russia e cosi via. In questo breve saggio Marco Gervasoni prende in considerazioni alcuni fenomeni, se non prodotti, ingigantiti dalla più devastante crisi economica vissuta dal sistema economico mondiale dopo quella del 1929 e che, come tale, non è stata solo economica ma anche una crisi di identità dell’Occidente. Dal declino della classe media al fallimento di una élite liberale e globalista, dal cambio di missione degli old media (giornali, tv), diventati sempre più la voce autoreferenziale di questa élite in decadenza, all’affermarsi di una politica digitale profondamente legata ai movimenti cosiddetti populisti e sovranisti. Gervasoni in realtà, più che di populismo e di sovranismo, concetti che pure sono dotati di un loro senso, preferisce parlare di nazionalismo, e traccia qui il profilo di movimenti che sono al tempo stesso rivoluzionari e nazional-conservatori.