Impariamo

Momenti di poesia. Impariamo ad amare, di Amos Grilli

 

Impariamo

ad amare.

Impariamo

ad amare.

Dalla montagna

che maestosa

svetta alta.

Per volere

baciare

il cielo.

Impariamo

ad amare.

Dall’acqua

del fiume

che al suo

passo

accarezza

un freddo

sasso.

E sa che

alla fine

del viaggio.

C’è l’abbraccio

del suo

mare.

Impariamo

ad amare.

Dalle note

che si posano

sulle corde

di un violino.

Perchè sanno

che la musica

è capace

di farti piangere

e sognare.

Impariamo

ad amare.

Dalle rondini

che volteggiano

nell’aria.

Ma poi tornano

al nido.

Dove sempre

c’è qualcuno.

Che le sta`

ad aspettare.

Impariamo

ad amare.

Come il vento

che gentilmente

chiede

ad una nuvola

di spostarsi

davanti al sole.

Ma che poi

viene appagata.

Quando con

un soffio.

L’accompagna

nella lunga

passeggiata.

Impariamo

ad amare.

Dalla notte

che in cielo

accende

l’eterne stelle.

Sapendo

che un poeta.

Prenderà

ispirazione

per le rime

sue più belle.

Impariamo

ad amare.

Dalle mamme

quelle che.

Anche quando

sarai grande.

Ed avrai moglie

e figli.

Vogliono darti

i loro consigli.

E possono

farti domande

strane.

Come quella

sei ti ricordi

delle loro

vecchie

ninna nanne.

Impariamo

ad amare.

Dai nonni

che per noi

hanno

un profumo

di rose e gigli.

E sentiamo

che quell’odore

è lo stesso

Con il quale

avevano impregnato

la pelle dei loro

figli.

Impariamo

ad amare.

Dai volti e dai

sorrisi dei bambini.

Dai loro occhi

da cui sgorgano

lacrime sincere.

Impariamo

ad amare.

Dalla pioggia

che cade

per placare

l’arsura della

terrra.

Impariamo

ad amare.

Dalla vita

che da qualcuno

fu incaricata.

D’essere maestra

dell’amore.

Impariamo

ad amare.

Dall’amicizia

che ti dà un

cane.

Con un cuore

che di bene.

Non è avaro.

Amos.