censurafb-1060x424

Ampie schiarite 14. La Chiesa in opera, fascismi oscurati, aiutati a casa nostra, Carlo Baviera

https://appuntialessandrini.wordpress.com

Alessandria: Il bene da scoprire e diffondere. Buone notizie che aprano alla speranza e alla fiducia

La Chiesa Italiana è solidale – “Prendeteli in Vaticano o nelle Parrocchie” è l’accusa lanciata contro i cattolici (soprattutto i Vescovi) quando si permettono  di annunciare la coerenza richiesta dal Vangelo in fatto di accoglienza e integrazione dell’immigrazione: il cambio di Governo non ha di certo cambiato la mentalità di tante persone. Ebbene, ancora una volta, è stata proprio la Chiesa a dare l’esempio, a chi continua a credere nella chiusura dei porti e critica la solidarietà. Una cinquantina di migranti, fra i 116 sbarcati il 31 luglio dalla Nave Gregoretti al porto di Augusta, sono stati accolti presso la struttura “Mondo Migliore” di Rocca di Papa. La Conferenza episcopale italiana, tramite Caritas Italiana, “si è impegnata con proprie risorse professionali ed economiche a corrispondere a una richiesta del Ministero dell’Interno alla Chiesa italiana di farsi carico dell’ospitalità, dell’accoglienza e dell’assistenza – anche legale – di queste persone”. Almeno in questi casi, e al di là delle polemiche pretestuose, vi è stata collaborazione tra lo Stato Italiano (era ancora in vita il Conte 1) e la Chiesa cattolica compartecipi nell’assistenza e accoglienza dei migranti. Che volgarmente significa togliere le castagne dal fuoco a chi mostra i muscoli ma ha difficoltà a risolvere i problemi in accordo con gli Stati europei. Finalmente, da settembre, si è tornati ad essere umani.

Oscurati da Facebook e Istagram – Le pagine di Associazioni dell’estrema destra “nostalgica” sono state oscurate (a tale proposito sono in corso dei contenziosi legali. NdR). Commenti di segno opposto hanno accompagnato la decisione. Alcuni hanno evidenziato che uno Stato libero e democratico è veramente tale, ed è forte, se consente le espressioni di pensiero anche a chi ha posizioni estreme: fra questi Mattia Feltri su La Stampa, il quale rileva soprattutto che sia un privato a sovrapporsi con la legge a quelle dello Stato. Questa volta non concordo con il bravo giornalista. Se le leggi dello Stato contro l’apologia violenta e totalitaria non le fa rispettare lo Stato o la magistratura, meno male che provvede Zuckerberg, anche se è “la legge di un privato”.

Facciamoci aiutare a casa nostra – Due giovani coraggiosi, di origine marocchina, a fine settembre, hanno salvato una coppia di anziani da un uomo, armato di coltello, che prima li ha strattonati e poi li ha minacciati per estorcere denaro. Notata la scena, i due magrebini hanno affrontato il rapinatore (di origini sudamericane), obbligandolo a fuggire. L’uomo è stato poi rintracciato poco dopo dai carabinieri. Il fatto è avvenuto alla fermata degli autobus nel quartiere di Rivarolo, alla periferia Nord Ovest di Genova.

Un IMAM insegnante di religione – Il Domani d’Italia del 7.10 ci informa che Hamdan Al Zeqri, 33 anni, da 16 in Italia, il 15 ottobre ha discusso la tesi diventando dottore in scienze religiose, titolo che lo abilita anche a insegnare la religione cattolica nelle scuole. E sarà il primo imam a farlo. Hamdan Al Zeqri è Mediatore culturale in tribunale e, come detto, ministro di culto presso il carcere di Sollicciano, Al-Zeqri è cittadino italiano dal 2017 e lavora in un’azienda aerospaziale del Mugello. I suoi studi sono stati pagati dalla Curia, mentre l’iscrizione a Teologia cristiana è stata fortemente voluta dalla Comunità islamica fiorentina nell’ottica di rafforzare il dialogo interreligioso anche attraverso la conoscenza diretta della religione cristiana. Il neo dottore diventerà il primo esponente di una comunità islamica italiana, con incarichi ufficiali, a laurearsi in Scienze religiose. Titolo della tesi “Profilo e responsabilità del ministro di culto islamico in carcere”.