varo

Varoufakis: il “Green Deal” dell’Unione Europea è fumo negli occhi

Redazione 10/02/2020 Città Futura

http://www.cittafutura.al.it

La proposta di legge di Ursula von der Leyen coopta gli slogan dell’attivismo climatico ma è vuota nella sostanza, un gigantesco esercizio di “greenwashing”

The Niederaussem coal-fired power plant near Bergheim, Germany. Photograph: Lukas Schulze/Getty Images

di Yanis Varoufakis e David Adler per il Guardian

Le emergenze tendono a rivelare le nostre vere priorità. Quando la casa brucia, o è travolta dalle inondazioni, ci aggrappiamo alle cose a cui teniamo di più e lasciamo il resto alle spalle.

Dieci anni fa, i leader dell’Unione Europea si sono trovati ad affrontare un momento simile. Con le banche francesi e tedesche che cadevano in un buco nero, fecero “tutto il necessario” per salvarle. Tra il 2009 e il 2013, i governi europei hanno versato 1,6 trillioni di euro ai banchieri europei, mentre imponevano una severa austerità ai cittadini europei che si erano impegnati a servire. Quando nel 2015 si sono resi conto che era necessario un maggiore sostegno, la Banca centrale europea ha stampato 2,6 trilioni di euro in soli quattro anni.

Ora l’Europa affronta una crisi di gravità molto maggiore: un’emergenza climatica. E così, il mese scorso, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha svelato l’accordo verde europeo, un piano decennale da 10 trilioni di euro per ridurre le emissioni di gas serra dell’UE di almeno il 50% rispetto al 1990. “Questo momento è per noi europei paragonabile alla storica conquista della Luna da parte dell’uomo”, ha dichiarato Von der Leyen.

Anzitutto, non si può resistere al confronto tra le due somme e le priorità che rivelano: oltre 4,2 trilioni di euro per salvare il settore finanziario europeo; 1 trilione di euro per salvare il nostro mondo.

Ma le cose sono molto peggio di così. Mentre i 4,2 trilioni di euro per le banche erano soldi nuovi, finanziamenti effettivi, il trilione di euro che Von der Leyen ha promesso in 10 anni nel suo accordo verde – 100 miliardi di euro all’anno – è principalmente “fumo e specchi”.

Contrariamente all’impegno di Von der Leyen di sprigionare una “onda verde di investimenti”, l’accordo verde è in gran parte composto da fondi rimescolati dai fondi dell’UE esistenti insieme a reiterate promesse di mobilitare capitali del settore privato lungo il percorso. In totale, l’accordo verde genererà solo € 7,5 miliardi di nuovi impegni di bilancio, diluiti in sette anni. A titolo di paragone, la commissione si è impegnata a spendere € 29 miliardi – quasi quattro volte di più – per progetti “inutili” e dannosi per l’ambiente, secondo un recente studio. Un po’ poco per il nostro “sbarco europeo sulla Luna”.

Osservandolo in modo spassionato, l’accordo verde europeo non convince su tre criteri importanti: dimensioni, composizione e portata.

Mettendo da parte il fatto che i 100 miliardi di euro all’anno sono finora fittizi, non si avvicinano ai finanziamenti necessari per raggiungere gli obiettivi. Se non ci credete, è la stessa commissione che stima che l’Europa abbia bisogno di 260 miliardi di euro all’anno per raggiungere i suoi obiettivi climatici ed energetici per il 2030 – più del doppio dell’importo offerto. E questo era prima che la commissione aggiornasse quegli obiettivi, lo scorso anno.

La composizione dell’accordo verde è un’altra causa di disperazione. Il cosiddetto piano di investimenti per l’Europa sostenibile si slancia linguisticamente in tutta una lirica della “mobilitazione”, impegnandosi a sbloccare miliardi di euro di proprietà privata nell’interesse degli investimenti sostenibili. Proprio come il piano Juncker precedente, l’accordo verde propone di incoraggiare gli investimenti privati spostando il rischio dai privati al bilancio dell’UE. Ma ciò non riduce il rischio: lo sposta semplicemente sulle spalle del pubblico europeo, garantendo al contempo che gli speculatori godano di tutti i guadagni. Senza un piano per coordinare la produzione e la distribuzione di energia all’interno di una adeguata unione energetica, l’impegno della Commissione nei confronti del capitale privato promette solo di intensificare le disparità all’interno e tra gli Stati membri.

Questo ci porta all’ambito del green deal. Sulla carta, il piano appare straordinariamente olistico, da una strategia alimentare sostenibile “dalla fattoria alla tavola” a un “nuovo piano d’azione per l’economia circolare”. Tuttavia, la sua capacità di trasformare la vita degli europei è circoscritta dall’impegno della Commissione nei confronti della camicia di forza austera del “patto di stabilità e crescita”, che ha condannato l’Europa alla stagnazione cronica. Valdis Dombrovskis, il commissario alla guida del piano di investimenti del green deal, ha affermato di voler evitare il “dibattito divisivo” sull’allentamento delle regole fiscali.

In breve, il Green Deal è un piano per la conservazione, non per la trasformazione.

Il cosiddetto “equo meccanismo di transizione” – il piano della commissione per sostenere le comunità colpite negativamente dall’uscita dai combustibili fossili – illustra questa logica di conservazione. Von der Leyen ha definito il giusto meccanismo di transizione come un “impegno di solidarietà e correttezza”. Ma per chi? Ci sarà “giustizia” per le comunità di Germania e Francia a cui è stato chiesto di sostenere i costi della transizione climatica? Parla con le fasce di persone greche o portoghesi che non possono permettersi di preoccuparsi delle emissioni di carbonio nel 2050, preoccupate di non riuscire a sbarcare il lunario questa settimana? La netta risposta è no.

L’equo meccanismo di transizione “mobiliterà” un totale di € 100 miliardi in 10 anni verso paesi produttori di carbone come l’Ungheria e la Polonia, che prevedono di vedere una “parte molto significativa” del finanziamento. Il sostegno alle regioni dipendenti dal carbone è una dimensione essenziale della giusta transizione. Ma non serve troppo cinismo per vedere che lo schieramento di equi finanziamenti di transizione nell’accordo verde è un vantaggio per i governi di destra che hanno sostenuto l’elezione di Von der Leyen e che lei teme potrebbero creare ostacoli all’approvazione della legge. Consegnare le chiavi della “equa transizione” nelle mani di questi governi – data la loro lunga esperienza di corruzione e abuso dei fondi dell’UE – sembra poco saggio.

Von der Leyen ama parlare del Green Deal come di un grande cambiamento strutturale. “Il nostro obiettivo è di conciliare l’economia con il nostro pianeta”, ha detto. Ma allo stesso tempo, l’UE ha approvato e sostenuto la costruzione di un oleodotto multimiliardario per trasportare gas tra Israele e l’UE, passando attraverso la “prigione per debiti” in cui il popolo greco continua a languire.

Per fortuna, la speranza è viva qui in Europa. Insieme alla nostra organizzazione, il Movimento per la democrazia in Europa 2025 [Diem25, l’organizzazione politica fondata da Varoufakis, NdR], una coalizione di scienziati, attivisti e sindacati europei ha sviluppato il Progetto per la Giusta Transizione energetica Europea, un piano per investire il 5% del PIL dell’UE in una economia prospera, giusta, condivisa e neutra rispetto alle emissioni di carbonio.

Gli attivisti climatici non si fermano qui. A Bruxelles e in tutto il mondo, la domanda di un vero Green New Deal continua a farsi sentire sempre più forte. Non consentiranno al “Green Deal” dell’UE di cooptare i loro slogan, escludendo al contempo la sostanza. Perché si tratta di un’emergenza e un piano “ecologico” di facciata senza modificare lo status quo semplicemente non è sufficiente.

7 febbraio 2020

* Yanis Vaoufakis e David Adler sono rispettivamente il fondatore e il coordinatore, di Diem25 (Democracy in Europe Movement 2025)