Momenti poesia. LA SCULETTATA, di Umberto Donato Di Pietro

58612901_10219185361334214_8681715448955273216_n.jpg

LA SCULETTATA

Nun ciò gnente contro ‘e donne
Che der monno so ‘e colonne
Anzi me sarebbe piaciuto
Nasce de quer sesso
‘a ragione ‘a capisce chi n’è fesso
Nun me sento ‘n puritano
Ma nun me poi sculettà denanzi
Mostranno pe’ intero er deretano
Prima c’era quer vedi e nun vedi
Che te strabbijava
Strignevi l’occhi pe’immagginà
quer che sotto ce stava
Er gusto bello de ‘na carammella
È quelllo de scartalla piano piano
Mo te le trovi già belle e scartate
Comunque sarvognuno me
Piaceno puro così
Perché a ‘na certa età
‘a vista ‘ncomicia a difettà
E tempo più nun ciài de immagginà
Figurete poi de scartà
Umberto D. Di Pietro