DSC_7219DSC_7260DSC_7443

foto di Vittorio Destro

Carnevale alessandrino 2020: BUSINA’, oggi ad Alessandria 

BUSINA’ 

Voglio cominciare augurando Buon Carnevale

a tutti quelli che son qui a festeggiare

e vi dico che se oggi siete in questa piazza

è perché non avete preso

la malattia di quella razza

che per tanti giorni ci ha preoccupato:

Avevamo paura di avere dei dolori

noi che siamo dall’altra parte del mondo,

mangiando dei ravioli al vapore

e del pesce crudo per secondo.

Con tutte le grane che ci sono

almeno negli ultimi due mesi

ci siamo dovuti perfino preoccupare

di quello che fanno i cinesi,

che dopo i negozi da parrucchiere

i bazar con offerte fenomenali

senza ma e senza se

vogliono farci riempire tutti gli ospedali.

E’ che la gente non ha cognizione

e si preoccupa della Cina

quando per l’aria che si respira da noi

ci vorrebbe altroché la mascherina!

Lo dicono gli studiosi che è un problema

che qui non si può quasi più respirare,

ma la gente…, quella un po’ stolta,

con la macchina vuol andare

fin sulla porta dei palazzi,

fin dentro la scuola dei figli,

però diamo la colpa alle altre razze

se noialtri andiamo a bagno.

E la classe politica cosa fa?

Invece di dirci d’andare a piedi

e chiudere ai motori piazza della Libertà,

apre anche quella di S. M. di Castello.

Ho nella mente che siano un po’ folli

o che, magari, qualche “testa fina”

potrebbe aver fatto dei contratti

che chi vende diesel e benzina.

 

BUSINA’ 

A voj c’mensè auguròmda Bon Carvè

a tücc ch’ui ch’i son chì per festegè

e av digh che se ancò i sei ant’ista piasa

l’è perché j’ei nent pià 

la malatèjia ‘d cula rasa 

che per tònt dì u m’à preocupà:

A j’avu poura d’avej di dulur

noi ch’a suma da l’atra part del mond,

mangiònda di raviò al vapur

e del pes crì per sgond.

Con tütt al gròn’ni ch’u j’è

almenu ant’j’ültim doi meis

as suma fina duvì preocupè

ad ch’ul che chì i fòn i cineis,

che dop i negosi da priché,

i bazar cun j’uferti fenumenàl

sensa ma e sense sé

i voru fem ampinì tìcc j’uspidal. 

A l’è che la gent a l’à meja ‘d cunisiòn

e as preocupa dla Cina

quòndi che per l’aria du noster cantòn

j’andreisa sè la mascherina!

 

Il disu i stidiùs che l’è ‘n prublema

che chì us po’ quasi pì respirè,

ma la gent…, cula an po’ sema,

cun la machina la vo’ andè

fina ‘ns la porta di palasi,

fina ‘ndrènta la scola di fioj,

però ai duma la culpa agli atri rasi

se nujater andùma a moj.

E la classe pulitica se c’la fa?

Anveci ‘d dimi d’andè a pé

e ‘d sarè ai mutùr piasa dla Libertà,

la droba anche cula ‘d Sònta Maria d’Casté.

A j’ò ant la ment che i seju ‘n po’ mat

o che, magara, chica “testa fina”

la pudrèisa avèj fàcc di cuntrat

cun chi ch’el vend diesel e bensina. 

DSC_7446DSC_7503DSC_7247