Alessandria: Venerdì 21 febbraio 2020 ore 21
Teatro Parvum, via Mazzini 85, Alessandria

On Joni Mitchell’s Paths
Giulia Cancedda – Voce, Chitarra
Dino Cerruti – Basso Elettrico, Contrabbasso, Basso Fretless
Rodolfo Cervetto – Batteria
Stefano Riggi – Sax tenore, Soprano, Tastiere

“La musica non conosce generi o limiti, solo percorsi. Alcuni di questi decidono di continuare a viaggiare in parallelo, altri scelgono di incontrarsi” (On Joni Mitchell’s Paths)

“On Joni Mitchell’s Paths” è un progetto nato dalla passione di quattro musicisti per Joni Mitchell, riconosciuta come una delle più grandi autrici ed interpreti della musica senza confini.  Quello che il quartetto propone è appunto un viaggio che ripercorre alcuni dei “sentieri” intrapresi da Joni durante la sua carriera musicale, partita dalla musica Folk per lasciare sempre più spazio a nuove sonorità più vicine al Blues e al Jazz, frutto della collaborazione con artisti del calibro di Pat Metheny, Jaco Pastorious, Herbie Hancock, Michael Brecker e Charles Mingus.

Informazioni utili.
Biglietti interi €10
Tessera club €10
Ingresso con tessera €8
Ingresso con tessera under 30 €5
Sarà possibile fare la tessera direttamente alla cassa il giorno del concerto.
Prenotazioni:
inviare una mail a alessandriajazzclub@libero.it con oggetto “Prenotazione” indicando un nome di riferimento, il numero dei biglietti e delle tessere. Specificare se ci sono degli under 30.
“Jazzal 2019” si svolge grazie al sostegno della Fondazione Social, della Fondazione CRT, della Fondazione CR Alessandria e rientra nell’ambito del festival diffuso “Piemonte Jazz Festival” e del “Festival Identità e territori”.

Note biografiche
Giulia Cancedda: Cantante e cantautrice ligure, Giulia parte dal Pop/Soul per poi avvicinarsi al Jazz, diplomandosi nel 2015 presso il Conservatorio Niccolò Paganini di Genova in Canto Jazz. Nel corso della sua attività live partecipa a manifestazioni quali “Radio Bruno Estate Tour” e “Festival Show” al fianco di grandi nomi della canzone italiana e non solo, come Paul Young, Stadio, Noemi, Irene Grandi, Luca Barbarossa, Mario Venuti, Dolcenera, e tanti altri.  Reduce da un’esperienza Londinese che l’ha portata a conseguire un Master in Popular Music Performance presso l’ICMP London ed essere finalista di “GIGS”, la più grande competizione di artisti di strada organizzata ogni anno nel Regno Unito, attualmente vive e svolge attività didattica a Milano in diverse scuole: “Nel Centro della Musica” di Paolo Pellegatti, “Ricordi Music School” e “Garage Music School”. Giulia porta avanti svariati progetti musicali tra cui la realizzazione del suo primo EP di brani inediti in qualità di solista.

Dino Cerruti: Musicista e didatta con numerosi progetti all’attivo. Approfondisce gli studi Jazz presso la “Scuola Jazz di Quarto” e con i maestri P. Leveratto ed A. Zunino. Parallelamente frequenta i seminari tenuti dal contrabbassista statunitense C.Haden ed il bassista A. Caron.  Nel corso della propria attività concertistica ha suonato e collaborato con: R. Zegna, A. Pozza, D. Moroni, F. Cerri, G. Trovesi, E. Rava, Scott Hamilton, Carl Anderson, Bobby Dhuram, Bob Mover, Josè Louis Cortes, T. De Piscopo, E. Cisi, A. Marangolo, S. Gibellini, G. Casati, D. Torto, D. Satragno, M. Pia De Vito, L. Fedele, T. Ghiglioni, Annalisa, F. Bosso, A. Mandarini, A. Menconi, Paul Jeffrey, Alfred Kramer, C. Marchini, A. Ferrario, C. Capurro e tanti altri.

Rodolfo Cervetto: Rodolfo è sicuramente uno tra più apprezzati batteristi jazz italiani. Suona stabilmente con Roberto Cecchetto, Antonio Marangolo, Mattia Cigalini, Nicholas Folmer, Philippe Perrucciani e Dominique Dipiazza. Ha suonato in festival, club e teatri di molti paesi Europei. Ha partecipato a trasmissioni televisive e radiofoniche, ha inciso diversi dischi tra cui un omaggio alle musiche di Michel Petrucciani con cui ha raggiunto il 28° posto in classifica negli Stati Uniti.  Ha inoltre collaborato con i seguenti musicisti italiani: A. Bonacasa, G. Cairo, N. De Luca, M. Faraò, D. Moroni, M. Rusca, R. Sportiello, F. Trullu, A. Zambrini, M. Zara, R. Zegna, P. Benedettini, R. Bonaccorso, N. Muresu, L. Garlaschelli, F. Bosso, E. Rava, C. Chiara, F. Reggio, M. Tamburini, F. Albano, E. Cisi, D aiello, S. di Battista, C. Marchini, B. Marini, F. Chiara, L. Capobianco, Invernizzi, Moccia, S. Calcagno, Castelli, Ferrario, Tomelleri, A. Menconi, M. Tindiglia, E. Pinna, J. Villotti, C. Atti, F. Cerri, G Coscia, P. Conti, M. Vaggi, C. Pastorino, G. Sanguineti e altri.. e stranieri: Ralph Sutton, George Masso, Red Holloway, Benny Golson, Gary Bartz, Paul Jeffrey, Lisa Pollard, Bruce Forman, J.Williams, John Canady, Shawn Monteiro, Rev.Lee Brown, Buster Williams, J. Golubev, Chassagny, A. Gravish, D. Schachter e J. Faber.

Stefano Riggi: Insegnante presso la scuola del “Louisiana Jazz Club” di Genova e direttore artistico presso il “Count Basie Jazz Club”. Dopo alcune esperienze in ambito rock e rhythm & blues, nel 1991 si dedica allo studio del jazz. Nello stesso anno entra a far parte della Bansigu Big Band di cui ora è direttore. Da allora sono moltissime le sue collaborazioni con alcuni tra i più prestigiosi artisti italiani ed esteri, tra i quali Paul Jeffrey, Jimmy Cobb, Scott Hamilton, Lee Konitz, Charlie Mariano, Andrea Pozza, Riccardo Zegna, Rossano Sportiello, Pietro Leveratto, Aldo Zunino, Luciano Milanese, Alfred Kramer, Sandro Gibellini, Alessio Menconi, Giampaolo Casati, Luca Begonia, Carlo Atti, Danila Satragno.  Stefano fa inoltre parte dal 2010 della band del cantautore italiano Zibba, progetto che lo porterà a collaborare con Eugenio Finardi, Vittorio De Scalzi, Federico Zampaglione (Tiromancino), Roy Pacy, e Bunna (Africa Unite). Sempre con lo stesso partecipa alla trasmissione televisiva “Parla con me” su RAI 3 e al Festival di Sanremo 2014 nella sezione “Nuove Proposte” (Premio della critica “Mia Martini”, Premio Sala Stampa “Lucio Dalla”).