coldiretti carnevale

Campagna Amica, la sfilata dei dolci di Carnevale con il “cibo in maschera” 

Tutelare le tradizioni è fondamentale per valorizzare la biodiversità

Sabato 22 febbraio al Mercato Coperto di via Guasco ad Alessandria

Coldiretti: In occasione del Carnevale, sabato 22 febbraio dalle 9 alle 13 il Mercato Coperto di Campagna Amica  ad Alessandria in via Guasco sarà animato dal “cibo in maschera” dove, in collaborazione con l’agriturismo “L’Orto dei nonni” di Cavatore, si potranno degustare le tipiche bugie e scoprire i segreti per realizzare gustosissime ricette della tradizione, protagonisti i colori e i profumi del Carnevale e i dolci da tutti conosciuti ed apprezzati in questo periodo dell’anno.

E’ il carnevale secondo Coldiretti, aspettando il martedì grasso, e se sono numerose anche le panetterie e le pasticcerie che offrono la possibilità di acquisto, non manca chi si dedica alla preparazione casalinga per risparmiare ma anche per il piacere di esprimere la propria creatività personale nella realizzazione di dolci da offrire in famiglia o a parenti ed amici. 

“Invitiamo i consumatori al mercato coperto di Campagna Amica dove sarà possibile non solo degustare o acquistare le bugie ma anche trovare tutti gli ingredienti per realizzare i dolci di carnevale direttamente a casa come farina, zucchero, burro, miele e uova con i quali è possibile fare un’ottima figura seguendo i suggerimenti dei cuochi contadini. – ha affermato il Presidente Coldiretti Alessandria Mauro Bianco – La preparazione casalinga offre la possibilità di assicurarsi la qualità e la freschezza degli ingredienti, che fanno la differenza sul risultato finale, dolci della tradizione contadina che nulla hanno a che fare con i prodotti industriali low cost”.

Una frappa di Carnevale garantisce un’iniezione media di energia di circa 47 calorie che servono a celebrare una tradizione della campagna che un tempo segnava il passaggio tra la stagione invernale e quella primaverile e l’inizio della semina nei campi. E in passato i pranzi di Carnevale erano ricchi di portate anche perché si usava consumare tutti quei prodotti della terra che non si potevano conservare a lungo considerato l’arrivo del digiuno quaresimale che scatta il mercoledì delle ceneri.

“Che si preparino in casa, o si acquistino in pasticceria o al supermercato, è importante scegliere sempre un prodotto del territorio, tracciabile e garantito. – ha aggiunto il Direttore Coldiretti Alessandria Roberto Rampazzo – Tutelare le tradizioni e la memoria delle nostre radici è di fondamentale importanza per valorizzare la biodiversità, i sapori delle ricette di una volta possono essere replicati solo grazie ai prodotti della campagna che possono essere acquistati direttamente dai produttori nei mercati di Campagna Amica della provincia di Alessandria che offrono la possibilità di assicurarsi qualità e freschezza, elementi che fanno la differenza sul risultato finale”.

La leggenda racconta che le prime frappe siano nate ai tempi dell’antica Roma con il nome di “frictilia” ed erano realizzate con un impasto di farina e uova che veniva steso, tagliato e fritte nello strutto bollente e mangiato durante le feste, soprattutto nel periodo invernale.