87031098_842688986178371_7944755398047694848_n

VIA DELLA ROCCA 10, di Daniele Cerva

Una mia composizione di molti anni fa, in ricordo della casa della mia infanzia ed adolescenza.

VIA DELLA ROCCA 10

Tra i muri e le case
della vecchia città
sembra che la pioggia
batta più forte
Grondaie che perdono lacrime
Tra queste lacrime
ci sono anch’io
E per caso
mi trovo a passare
per quella via
D’istinto alzo il viso
davanti ad un portone
con un numero noto
E vedo due finestre ed un balcone
Subito un nodo alla gola
Mi rivedo affacciato a quei vetri
con la stessa pioggia che cade
e le grondaie che lacrimano
Una dolce tristezza
mi penetra l’anima
Erano gli anni migliori
la bella adolescenza
piccole spine nel cuore
e tanto calore
La ricerca affannosa
d’amicizia e d’amore
Già allora un vuoto da colmare
Le stanze troppo grandi ed io che crescevo
Poi
voltare le spalle ed andare
Resta tutto dietro i miei passi
ma dentro il cuore
c’è un angolo tutto speciale
per due finestre ed un balcone

Torino, 07 maggio 1984

© Daniele Cerva 

Tutti i diritti riservati