Lasciami nell’incanto
del mio grande vuoto,
fatto di parole perse,
gesti insignificanti,
baci e abbracci annullati
cuori di cartapesta,
coriandoli di passioni,
immense sensazioni,
fragili promesse.
Lasciami nell’immenso
cielo che mi sovrasta,
catene aperte,
grandi scoperte,
voci e volti diversi,
tempi liberi di volare,
aquile e non passerotti.
Lasciami nell’incanto
del mio vero momento,
il ritrovarsi dentro
e sapersi comandare.

Roberto Busembai (errebi)

Immagine web: photo LUC BRAQUET