Non di questo mondo

Dentro al silenzio
c’è come una sensazione di qualcosa che muore
come una ragazza che ha sentito un gran silenzio in grembo, un giorno,
o il ragazzo senza più una voce che lo sgrida.

Sì, la televisione suona, ma non vale.

Ti ricordi il rumore dell’acqua di lago?
dalla panchina in riva al tuo paesaggio
quella dove hai lasciato un segno
per ritrovarla,
per ritrovarti.

Intanto la televisione suona, ma quella non vale.

E ti ricordi l’ aria fresca, estiva,
e il chiaro di luna, che non è questo, a led bianchi
e le mani che salgono lungo le coscie
sulla stessa panchina
le mani che si infilano sotto la seta rossa
fino alle mutandine
e poi scivolano sui fianchi
per arrivare a sostenere il seno.

Intanto alla televisione c’è qualcosa di simile, ma quella non vale.

E ti ricordi i profumi?
dell’ aria davanti al lago
della pelle
della…

View original post 55 altre parole