Coronavirus, la Ue prepara piano da 100 miliardi contro disoccupazione

La Commissione pensa ad una sorta di cassa integrazione, come quella italiana o tedesca, che garantirebbe entro i trattati esistenti, un sostegno ai lavoratori disoccupati per la crisi. Avrebbe il favore dei due partiti di maggioranza della Germania. Nessun ricorso, in questo modo, al Mes o ai Coronabond

31 Marzo 2020

201505183-9208fbdb-8fcb-417f-b5b5-996b6a003ccd

(ansa)

ROMA – La Commissione europea starebbe lavorando a un piano da 80-100 miliardi di euro per aiutare gli Stati membri a preservare i posti di lavoro nella crisi del coronavirus attraverso un regime europeo di “riassicurazione” contro la disoccupazione. Lo si apprende da diverse fonti Ue.

L’obiettivo sarebbe creare a livello europeo un sistema che permetta di finanziare strumenti come il Kurzarbeit tedesco o alla Cassa integrazione italiana, attraverso un sostegno pubblico ai lavoratori in modo da evitare il più possibile licenziamenti da parte delle imprese.  La Commissione potrebbe quindi chiedere di attivare l’articolo 122 comma 2 del Trattato, in base al quale uno Stato membro può ricevere un’assistenza finanziaria dall’Ue se “si trovi in difficoltà o sia seriamente minacciato da gravi difficoltà a causa di calamità naturali o di circostanze eccezionali che sfuggono al suo controllo”… ulteriori dettagli e approfondimenti su:

https://www.repubblica.it/economia/2020/03/31/news/coronavirus_la_ue_prepara_piano_da_100_miliardi_contro_disoccupaizone-252817530/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P5-S1.8-T1