Il delitto di Lorena, “Mi ha trasmesso il Coronavirus e l’ho uccisa”. Ma i tamponi sono negativi

115249483-b5d6ba62-d8ad-4e7a-944a-993e52feaf99

Lorena Quaranta 

La confessione dell’infermiere arrestato smentita dagli accertamenti. Ancora giallo sul femminicidio di Furci Siculo. Il rettore: “A Lorena sarà conferita la laurea in Medicina”

di SALVO PALAZZOLO

01 aprile 2020

“Mi aveva trasmesso il Coronavirus e l’ho uccisa”. Questo ha detto durante l’interrogatorio Antonio De Pace, l’uomo che ieri ha strangolato la sua compagna, Lorena Quaranta, a Furci Siculo (Messina). Ma chi indaga le ritiene parole deliranti. E questa mattina è arrivata la conferma, dai tamponi fatti: “Sono negativi”, conferma il procuratore di Messina Maurizio de Lucia.

E’ ancora giallo sulla drammatica notte che ha portato all’uccisione della giovane ventisettenne iscritta all’ultimo anno di Medicina. Con Antonio De Pace, infermiere originario di Vibo Valentia, era fidanzata da tre anni. In apparenza, una storia tranquilla, felice, come testimoniano le fotografie pubblicate dalla coppia su Facebook. Un vero rompicapo per chi indaga, oggi i carabinieri della Compagnia di Taormina stanno proseguendo le audizioni di amici e parenti della vittima. Al vaglio degli investigatori ci sono anche i telefonini di Antonio De Pace e Lorena Quaranta… ulteriori approfondimenti e dettagli su: https://palermo.repubblica.it/cronaca/2020/04/01/news/il_delitto_di_lorena_mi_ha_trasmesso_il_coronavirus_e_l_ho_uccisa_la_confessione_dell_assassino-252858686/?ref=RHPPLF-BL-I252846971-C8-P2-S1.8-T1