Più tamponi, più rapidi

Circolare del ministero della salute: si faranno più controlli. Mentre per i test sierologici bisogna aspettare un po’ di più . Prende forma la fase 2

BARCROFT MEDIA VIA GETTY IMAGES

 

Più tamponi e in tempi rapidi, mentre per i test sierologici bisognerà aspettare ancora. La stretta sui tamponi – i test molecolari veloci che consentono di rilevare la presenza del Covid-19 nelle secrezioni respiratorie – è arrivata in serata, affidata alla circolare del Ministero della Salute. Il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, componente del Comitato tecnico scientifico della Protezione civile, l’aveva annunciata stamane, spiegando: “Per noi è molto importante in questa fase successiva intercettare i casi sul territorio, è questa la sfida”.

Premessa della circolare è che la malattia da Covid-19 si muove velocemente e che c’è una “disponibilità limitata di test a livello internazionale”. Per il Comitato “un elemento critico è rappresentato dalla ripetuta segnalazione di carenze nella disponibilità di reagenti necessari per l’esecuzione di questi test, che potrebbe in futuro acuirsi vista l’elevata domanda internazionale”. In più, come ha detto l’Oms, bisogna anche fare in modo che i laboratori non interrompano l’attività per altre patologie perché messi sotto pressione dalla pandemia in corso nel Paese…. ulteriori approfondimenti e video su:

https://www.huffingtonpost.it/entry/piu-tamponi-piu-rapidi_it_5e8782d1c5b609ebfff0db15?utm_hp_ref=it-homepage