RECENSIONE “Hate” di Ylenia Luciani

08 Apr 2020

TITOLO: Hate
SERIE: autoconclusivo
AUTORE: Ylenia Luciani
DATA D’USCITA: 28 Febbraio 2020
EDITORE: self publishing
GENERE: rosa contemporaneo
AMBIENTAZIONE: Stati Uniti
FINALE: no cliffhanger
PROTAGONISTI: Shirley, donna che intraprende una battaglia per distruggere Noah; Noah, uomo di cui Shirley era innamorata da adolescente.

TRAMA
Cambridge, Massachusetts 2000.
Los Angeles, California 2020.
Shirley Miller ha gli occhi più azzurri del cielo e i capelli biondi come il grano; potrebbe essere la ragazza più bella di tutta l’high school se non fosse che l’amore per il cibo l’ha portata a pesare centoquindici chili. Per questo motivo a scuola è isolata e derisa da tutti e più viene denigrata, più mangiare cibo spazzatura diventa il suo cuscinetto per non soffrire.
Nessuno è interessato a lei e quando Noah Larson, il ragazzo più bello e ambito della scuola, le chiede un appuntamento, lei capisce subito che potrebbe trattarsi di una squallida scommessa, ma, nonostante tutto accetta, perché da un anno è segretamente innamorata di lui e sarebbe disposta a qualsiasi cosa pur di baciarlo.
Quanto accadrà in quelle poche ore, però, lacererà la sua anima per tutta la vita e quando, vent’anni dopo, si rincontreranno, inizierà per lei una dura battaglia per annientarlo, esattamente come ha fatto lui.
Perché lo odia così tanto? Che cosa è successo di grave quella sera da non poter essere dimenticato?
Entrambi si troveranno di fronte a due sentimenti contrastanti che nemmeno il tempo trascorso è riuscito ad assopire e alla fine, Shirley, dovrà fare i conti con il suo odio e con la verità.
RECENSIONE
Noah Larson è il ragazzo più affascinante della scuola, è il capitano della squadra di rugby della High School. I suoi occhi neri hanno il potere di farti dimenticare la più brutta giornata di sempre. È il ragazzo più popolare del liceo e le ragazze fanno la fila per uscire con lui. Shirley è una timida quindicenne in sovrappeso, derisa da tutti per il suo aspetto fisico. Il suo passatempo preferito è sedersi su una panchina a guardare gli allenamenti di rugby, mentre sogna ad occhi aperti il suo principe azzurro, Noah. Shirley non ha mai avuto un ragazzo, forse, non conosce nemmeno bene il significato della parola ragazzo. Ma di una cosa ne è certa, Shirley ama Noah. Passa ore ed ore su quella panchina a guardarlo mentre sogna ad occhi aperti un futuro che li vede innamorati e felici. A scuola viene derisa e isolata da tutti a causa del suo aspetto fisico. Tutto questo la porta ad abbuffarsi di cibo, cerca nel cibo stesso una valvola di sfogo, un sostegno contro la sofferenza e la solitudine. Questo libro ci fa riflettere su temi importanti e molto attuali purtroppo, come i disturbi alimentari e il bullismo. Nessuno appare interessato a far amicizia con Shirley e a lei non rimane che isolarsi dal mondo seduta su una panchina mentre sogna ad occhi aperti il suo principe azzurro. Un giorno avviene un piccolo miracolo e Noah le chiede finalmente di uscire. È consapevole del fatto che Noah le abbia chiesto di uscire solo per non perdere una stupida scommessa, ma non le importa, vuole godersi la serata come se fosse la più importante della sua vita. Quello che accade quella sera influenzerà l’intera esistenza della nostra protagonista. Il suo sentimento d’amore nei confronti di Noah viene sostituito dal sentimento di odio e disprezzo. Quando si rincontreranno dopo vent’anni Shirley sarà pronta ad annientarlo, a distruggerlo come lui ha fatto anni prima con lei. Cosa può essere successo di così grave quella sera di vent’anni fa da non poter essere dimenticato?Eppure si sa che odio e amore camminano sulla stessa lunghezza d’onda. Vent’anni dopo vediamo come Shirley si è trasformata in una donna caparbia, sicura di sé e bellissima, cche sa quello che vuole e come ottenerlo. Riuscirà a mettere in atto il suo piano? Il male che le ha fatto Noah si è profondamente radicato in lei, sembra non ci sia alcuna cura per il suo cuore ferito. Cosa ha portato Shirley ad odiare così profondamente Noah? Alla fine la verità verrà a galla, perché è impossibile tenere nascosto un segreto di tale portata. Lo stile di Ylenia Luciani è lineare e molto fluido e ci accompagna in una storia che pagina dopo pagina ci conquista sempre più. La storia è narrata da entrambi i protagonisti, vi sentirete incuriosite dal rapporto odio-amore tra Shirley e Noah. L’autrice è stata molto brava a coinvolgermi durante la lettura, tanto che non riuscivo a posare il kindle. Buona lettura.
Mara