13d9399ef1d7035137bc2992f4756ff5

La piccineria – parliamone – è quell’essere microscopici, quel modo insulso e irragionevole di atteggiarsi, quella maniera di sentirsi giganti spacciando per proprie le idee altrui, quell’essere massa o popolo bue.
Grandi solo di stazza – e neanche sempre – ma limitati di pensiero, fasulli, aridi, incapaci di scavare dentro se stessi ma abilissimi nel malgiudicare il prossimo, reiterando errori che sono alla base della solitudine, pronti a mostrarsi forti straparlando di ciò che non si conosce.

La massa incivile non segue regole e non conosce correttezza alcuna, non ha nessuna forma di disciplina, si vuole mostrare potente pur avendo idee stantie, vecchie, approssimative. Parla per sentito dire, dunque sparla, facendosi beffa di chi, al contrario, è capace di farsi valere in base ad una linea di pensiero propria, autonoma, riuscendoci, e – come fanno sempre i piccini – si muove soltanto senza correre rischi, mai, o non si sbilancerebbe neanche a morire.

Queste persone hanno particolarmente bisogno di essere ascoltate, anche se – così come sono – non rappresentano la migliore compagnia neanche per se stesse. Individui che respingono regolarmente i coraggiosi e si fanno attorniare esclusivamente da chi dice “Sì padrone” tanto da somigliare alla schiava Isaura, senza accorgersene neppure. L’elemento che li caratterizza è che, fino a poco prima, la schiava Isaura di turno era un’altra persona – una fra le tante delle quali hanno detto tutto il peggio – ma che ora, per pura combinazione, è diventata un oracolo.

Il caso non esiste, e lo sappiamo tutti, quindi, almeno io, sono portata a credere che debba aver proferito qualcosa di simile a quel che avrebbero potuto dire loro stessi. O, al massimo, deve essere un argomento che pensano possa giustificare le loro parole vuote.

Perché piacciano tanto coloro che recitano dei gran salamelecchi? Facile: è una carenza – come tante – di rispetto e d’amore per il proprio Sé. Così fate, fate pure: andate alla ricerca di chi vi fa sentire “liked”, anche quando alcuni vi menano per il naso e non ci arrivate. Infondo il pensiero omologato, fortunatamente, ancora non esiste ma voi siete liberi di seguire il mainstream da gran protagonisti. Esattamente come anche io sono libera di scegliervi.

@lementelettriche – di Paola Cingolani