foto 3

Un Quartiere che Vuole ripartire…i l Commercio che vuole rialzarsi ! FACCIAMO SQUADRA PER VINCERE ANCHE QUESTA SFIDA !

Mutti: L’Attenzione è su quando ci saranno le riaperture, bisognerà avere un vademencun in accordo con le Forze dell’ordine e i Nas per non incorrere in sanzioni,ci mancano gli eventi, il bar al caffè con gli amici “

Cuttica: Vicini ai Commercianti, massima disponiblità dell’Amministrazione ad affrontare tutti i problemi della Città con l’attenzione verso le attività economiche”

foto 2

In apertura passa il Video degli eventi 2019 al Cristo, TORNEREMO COSI’ PIU’ FORTI DI PRIMA, le speranze, le paure, la Voglia di fare Gruppo e l’emozione di chi ha passato una vita nel negozio di famiglia che oggi…..è chiuso da oltre 1 mese e rischia di non aprire ! 

L’Appello : “Le nostre sono piccole attività che hanno visto negli anni  i sacrifici dei Nostri Nonni e Genitori, Noi non molliamo ma se non arrivano aiuti rischiamo di non riaprire…”

foto primo gruppo

Alessandria Quartiere Cristo: La prima Volta dell’assemblea online nella sua lunga storia ; l’Associazione Attività e Commercio di Commercio di Corso Acqui,  ha voluto dare un segnale forte  invitando i suoi iscritti ad una serie di incontri pubblici aperti a tutti sulla piattaforma web. Ed erano in tanti, alta l’adesione, ma destinata a crescere già da mercoledi prossimo, commercianti di via Maggioli, Via Carlo Alberto, Corso Acqui e Via Nenni, di ogni attività e di ogni età.  Una chat dove parlano in tanti , le testimonianze e le storie di una situazione difficile per tutti. Si parte con Don Gianfranco della Don Bosco che racconta di aver superato le oltre 200 borse spese al lunedi alle famiglie bisognose e sono sempre di piu, al Consigliere Ezio Castelli che lavora per tenere le aiuole di corso Acqui in ordine, al Vice Presidente dell’Associazione e Titolare dell’autoscuola Ceriana Pasquale Foti che si commuove nel suo intervento. Foti che ha passato tutta la sua vita, ogni giorno, ogni ora  ad insegnare scuola guida a migliaia di persone ed oggi si trova a passare le giornate in casa , come se la sua attività sia chiusa da una vita e ripete “Quando ripartiremo, come si farà, pensare solo a fare una guida ad un allievo…con le distanze e le misure di sicurezza, nella mia autoscuola ci ho passato tutta la mia vita”.  Enza Amisano della Panetteria di Via Nenni con consegna a domicilio , cita il periodo di Pasqua “Sono andata dal Cristo sino a Spinetta a consegnare le Uova ai bambini , un regalo di alcuni genitori che non li vedono da molto tempo e mi hanno chiesto, digli che ci vedremo presto”.  Con la regia video di Cristian La Greca (che ha lanciato l’idea) e Mario Ruvolo, è Stefano Venneri a moderare i tanti interventi. Si comincia con il presidente Mutti che parla per oltre 10 minuti, idee, coraggio, lavoro di gruppo, coinvolgimento dei commercianti del Cristo e della Città ma anche consigli “L’Attenzione è su quando ci sarann le riaperture, bisognerà avere un vademencun in accordo con le Forze dell’ordine e i Nas per non incorrere in sanzioni. Bisognerà riunione una serie di caratteristiche che il negozio deve rispettare : dalla distanza di sicurezza , al numero di persone presenti  in base alla capacità del negozio stesso, a tutte gli altre regole dettate sia dal DPCR, sia dalle Leggi Regionali, sia dalle ordinanze comunali.  Bisogna essere positivi, ci sarà un cambiamento e dovremmo essere pronti.  Dovremo seminare un nuovo modo di fare commercio e di fare associazionismo. Speriamo che le attività ripartano al piu’ presto. Sugli eventi non vediamo l’ora di tornare in strada e incontrare amici e residenti. Dopo il primo mese di sbandamento , adesso si incomincia ad avere i primi segnali di difficoltà ecnomica, guardo ad esempio alla mia farmacia dove ci sono persone che spesso rinunciano ad acquistare prodotti tipo integratori ed altro per la situazione economica che stiamo vivendo.

La parte fiscale la spiega  la Commercialista di Corso Acqui , Gabriella Bringiotti “Ogni azienda dovrebbe sforzarsi per vedere in questa situazione drammatica un’opportunità per ripartire più forti di prima. Per fare ciò serve una strategia mirata,  ma soprattutto liquidità, perché non tutti hanno capitali propri da poter utilizzare. I 600 euro che stanno iniziando ad arrivare e i finanziamenti agevolati non saranno sufficienti, ma sono un primo passo verso un nuovo inizio. Per questo è indispensabile che tutte le banche si adoperino, come alcune stanno già facendo,  il più velocemente possibile, per mettere in atto ciò che è previsto dai recenti decreti governativi, affinchè sia chi ha dovuto chiudere totalmente, ma anche chi, con mille rischi e difficoltà, ha potuto tenere aperto ma ha visto calare drasticamente i suoi guadagni, possa beneficiare di questi piccoli aiuti al più presto e ritrovi la fiducia in un futuro che tutti auspichiamo migliore.”

Il discorso Banche sottolineato da Riccardo  un altro commerciante ” Come noto gli esercizi di vicinato sono l’ultimo anello della catena di produzione e del commercio, cioè sono i primi a risentire della crisi qualora questa si presenti. Ovviamente la crisi “COVID-19” si è presentata con una virulenza inaudita. Il governo ha imposto da un giorno all’altro la chiusura delle nostre attività. Ovviamente il settore è in crisi da un po’, e sin dal 20 febbraio quando è stato annunciato che il virus a dispetto di quanto raccontato dai politici e da diversi scienziati, “tranquilli il virus non arriverà mai in Italia”  c’è stato un crollo vertiginoso delle vendite, invece era già presente eccome! Ora i negozi di vicinato effettuano gli acquisti in anticipo e magari per importi sostenuti, quindi contano di pagare con gli incassi giornalieri, ma quando questi vengono a mancare di colpo è come se mancasse la terra sotto i piedi. Detto questo il Governo ha emanato un DL liquidità imprese, che visto così potrebbe sembrare una buona cosa, visto che di fondi perduti non se parla. A questo punto però dobbiamo farci delle domande la prima che sorge spontanea è questa:  il Governo che non dispone della liquidità può obbligare le banche e concedere prestiti a tassi crescenti dello, 025/0,50,1,00 per cento che sono di gran lunga sotto gli standard? Sembra che i €. 25.000,00 euro siano tutto sommato abbastanza facili da ottenere, ovviamente con le dovute tempistiche ma una impresa che ha bisogno di più cioè che rientra nella fascia dei finanziamenti fino a €. 800.000 riuscirà a ottenere i finanziamenti necessari e a non essere obbligata alla chiusura? In quanto tempo? Penso che in una fase come questa che è molto molto delicata avere delle informazioni precise sarebbe estremamente importante in quanto quando si conoscono bene le situazioni si possono affrontare meglio i problemi. In questo penso una mano potrebbe darcela l’Amministrazione Comunale (anche loro ultimo anello della catena governativa) invitando le varie organizzazioni bancarie, magari consultando  anche la Fondazione della Cassa di Risparmio a dare risposte di carattere generale ben particolareggiate.

Molti gli interventi sulla sanificazione in particolare Roberto Caporaso General Manager, FLARKOMED Biodermical Experience Dopo aver portato la nostra esperienza medicale al servizio dell’estetica, ora contribuiamo a far fronte ai rischi del covid, offrendola a tutti i settori commerciali ed anche al privato. Diversi nostri clienti hanno dovuto far sanificare i loro locali, spendendo cifre molto alte, difficili da mantenere mensilmente nell’attuale momento economico. Il crescente aumento del prezzo dei dispositivi di sanificazione, inoltre, non contribuisce a migliorare una situazione che potrebbe diventare più che necessaria. Da qui nasce la nostra idea di produrli, rivolgendoci ad un caro amico del parmense, esperto di sanificatori ad ozono e provvisto delle certificazioni necessarie alla costruzione e al collaudo. La prossima settimana saranno già pronti i primi due modelli portatili, uno per grandi ambienti e l’altro, più piccolo, utilizzabile anche per uso domestico. Ma potemmo andare anche oltre. Unendo insieme le forze dei commercianti del Cristo si potrebbe creare una vera e propria economia di scala, producendo in serie il “nostro” dispositivo, un dispositivo per Alessandria che verrebbe fornito alle attività alessandrine con un noleggio mensile più che accettabile, per favorirne la riapertura in sicurezza. Adattandolo alle esigenze dei vari settori, risulterebbe un dispositivo affidabile, creato dalla città per la città, che serva d’esempio per altrettante realtà italiane. L’ozono è un forte agente ossidante che permette la completa e totale disinfezione di ogni tipo di superficie e ambiente, eliminando ogni tipo di batteri, virus, muffe ed acari presenti anche nei punti più nascosti e difficilmente raggiungibili anche con un classico lavaggio benché assolutamente accurato. Il suo vantaggio è che, a differenza di altri prodotti disinfettanti, non lascia residui di alcun genere.”

Non mancano le domande a Sindaco Cuttica e Assessore Roggero, rispondo ad ogni intervento , Raffaella del Bar Malu’ chiede info sulla Tosap ma anche sulle varie Tasse, tanti i quesiti all’Amministrazione, dalle tasse al quando si potrà riaprire, sapendo che tutto non sarà piu’ come prima.  Scorrono tra un intervento e l’altro  le immagini e i video di un Quartiere rinato negli ultimi anni, con la scritta TORNEREMO COSI’ PIU’ FORTI DI PRIMA.  Intervengono molte attività : Angela Torquato, le Parrucchiere Silvana e Laura, Fulvio Scudera, Cinzia del Negozio Essenziale, L’Autoscuola Camalleri, Sergio Giovanelli e tanti altri.   Parla pure Stefania Bruno aveva appena aperto l’attività in corso Acqui e ha dovuto chiudere dopo 3 giorni per le disposizioni. I temi trattati sono Governo, Regione, Banche..nonostante tutto sperano nelle Istituzioni, le attività del Cristo sono storiche ereditate dai Nonni, dai Genitori, dagli Zii.  Ma alla serata si uniscono altre realtà , l’Alessandria Volley che ha sede al cento grigio con oltre 300 atleti tutti fermi, “avevamo tutte le nostre squadre ai vertici di campionati, addirittura la serie C lanciata verso la promozione In B…sogni tutti svaniti, penso quanto abbiamo investito in questi anni per offrire uno sport sano come il Volley ai nostri ragazzi ed oggi siamo piazzati cosie i nostri giovani ci chiedono QUANDO TORNEREMO A GIOCARE” . E’ Jonny Palermo dell’Alessandria Volley a lanciare una proposta di collaborazione commerciale con Buoni sconti ai clienti da spendere presso i negozi del Cristo , iniziativa che verrà estesa alla Città. Anche il Centro Incontro Cristo ha voluto essere presente, Marco Travaino ha dato piena disponibilità per ogni iniziativa, in questi giorni sono stati donati dal direttivo 5000 euro.

Il Sindaco Gianfranco Cuttica di Revigliasco e l’Assessore al Commercio Mattia Roggero rispondono a tutte le domande “Una serata di Confronto – spiegano i rappresentanti dell’Amministrazione Comunale – molti i temi trattati, dal supporto alle attività di vicinato della Città fino ad arrivare alle tante domande che hanno riguardato queste settimane di emergenza pandemica. Il filo conduttore è sempre stato il lavoro di squadra, lavorare insieme per affrontare una fase molto complessa della storia della nostra Città e,piu’ in generale, del nostro Paese. Ringraziamo il Presidente dell’Associazione Attività e Commercio di Corso Acqui Roberto Mutti – spiegano Cuttica e Roggero – per l’organizzazione di questa importante serata di confronto e di condivisione di idee. In un contesto generale di incertezza, abbiamo voluto essere presenti per testimoniare la massima disponibilità della nostra Amministrazione ad affontare tutti i problemi della Città, partendo proprio da quelli che riguardano le attività economiche. Si è posta anche l’attenzione sulle azioni adottate dalla Giunta Comunale sul fronte dei Tributi minori e su quello della TARI. Anche questi ambiti , infatti,bene rappresentano la strategia della Nostra Amministrazione Comunale, per dare dei primi segnali di concreto supporto al commercio cittadino , augurandoci tutti che lo Stato Centrale ci fornisca al presto i soldi necessari per alleggerire significativamente la pressione fiscale locale”.

Dopo oltre 3 ore di Video Conferenza, si chiude con il Video delle campane del San Giovanni Evangelista che suonano l’INNO DI MAMELI, Per un futuro Migliore. Mercoledi prossimo alle 21,00 il secondo incontro aperto Non solo al Quartiere Cristo, ma anche ai commercianti di tutta la Città !