Regione Piemonte

Regione Piemonte: Assessorato Cultura, Turismo, Commercio

1) In merito alla meritevole iniziativa della Regione di venerdì scorso, può dirci indicativamente quando uscirà il bando

e la tempistica in cui le aziende devono aver attivato il finanziamento di cui una parte a fondo perduto?

L’accesso al bando è consentito alle aziende che hanno attivato una linea di finanziamento dal 17 marzo 2020 fino al

31dicembre 2020.

La DGR è stata approvata venerdì scorso e la delibera d’indirizzo per la messa in opera del bando passerà in giunta

venerdì, penso che il bando entrerà effettivamente in opera entro la prossima settimana, anche alla luce del disegno legge

che andremo ad approvare nei prossimi giorni, volto alla sburocratizzazione dei processi regionali.

2) É vero che le somme a fondo perduto varieranno a seconda della cifra di finanziamento richiesto?

Si, le percentuali variano in base al finanziamento richiesto:

– per importi inferiori a 50.000 euro il contributo massimo sarà di 2.500 euro

– per importi fino a 100.000 euro il contributo massimo sarà di 5.000 euro

– per importi tra 100.000 e 150.000, il contributo massimo sarà di 7.500 euro

3) Le garanzie saranno date al 100% da Finpiemonte o per chi essa, oppure ognuno deve provvedere le aziende?

Questo bando non prevede garanzie in quanto non eroga un finanziamento ma concede un contributo a fondo perduto.

4) Sarà indispensabile fare la pratica attraverso le banche oppure tramite i commercialisti in maniera semplificata, eventualmente compilare e inviare le domande per snellire e accellerare la procedura?

Le domande per accedere a questo bando, saranno fatte sul sito di Finpiemonte o della Regione Piemonte, con pochi semplici passaggi. Il gestore del procedimento è direttamente la Direzione Competitività del sistema regionale che, entro 45 giorni massimi processerà ed erogherà il contributo.

5) La Banca che riceverà l’accredito del bonifico del finanziamento, potrà utilizzare la copertura dei suoi crediti pregressi oppure, come si auspica, quei denari potranno essere considerati soltanto liquidità utilizzabili dalle aziende per far fronte a questa emergenza?

Questa linea di credito a fondo perduto, vuole andare ad aiutare le imprese che sono state colpite da questa tremenda pandemia, andando ad alleggerire gli oneri e gli interessi connessi ai finanziamenti. Quindi queste somme, potranno essere utilizzate dall’imprenditore e dall’Istituto di credito esclusivamente per far fronte a queste spese.

6) Per i professionisti, tipo: geometri, ingegneri, avvocati nonché commercialisti, esiste la possibilità di accedere a questi

finanziamenti oppure è una prerogativa di commercianti e artigiani?

Sì, questo fondo è anche per i lavoratori autonomi.