69908884_2833797196637413_8527558103355359232_n

Il vento che viene dai monti

porta odori di erbe nuove,

barlumi di sole e pioggia

nel depurare l’aria fuggiasca

che si respira in questo tempo

d’inquietudini e d’incertezze

pregno di notizie

non rassicuranti del domani.

 

Timore sulla nuova ripresa

del vivere fuori casa.

 

Dopo il tempo della stasi

è un risveglio

approcciante a libertà limitata

come quando un bimbo

si appresta ai primi passi

pauroso di cadere.

 

Il domani pullula

di speranze sospese

nello spazio-tempo a venire

come le cose che hanno il compito

di essere attese.

 

@Grazia Denaro@