ANPI

ANPI: Celebrazione 25 aprile

Casale Monferrato: Nel rispetto delle normative straordinarie legate al Covid-19, sabato 25 aprile 2020 alle ore 15.30, in forma estremamente ridotta si è svolta la deposizione della corona comunale in onore del 75° anniversario della Liberazione. Presenti il sindaco di Casale Monferrato Federico Riboldi, il presidente ANPI locale Gabriele Farello, Germano Carpenedo quale presidente del Comitato Unitario Antifascista della città e, discostato, Sergio Oddone, nipote di Alfredo Piacibello partigiano e Medaglia d’Oro al Valor Militare, in rappresentanza dei familiari dei caduti per la Libertà.

La commemorazione si è svolta, a differenza di quanto avvenuto da moltissimi anni a questa parte, al monumento del Bistolfi presso i giardini pubblici, dedicato alle vittime della Prima Guerra Mondiale.

Teniamo a precisare che il 25 aprile è una festa nazionale della Repubblica Italiana a ricordo della  lotta di resistenza militare, politica e civile attuata dalle forze partigiane, dagli Internati Militari Italiani (IMI) e dall’intera popolazione a partire dall’8 settembre 1943 contro il governo fascista della Repubblica Sociale Italiana e l’occupazione nazista.

Riteniamo antistorico aver svolto la commemorazione presso il Monumento ai Caduti della Prima Guerra Mondiale: 4 novembre e 25 aprile sono due ricorrenze decisamente importanti ma tappe ben distinte che hanno portato al risorgimento della nostra Repubblica e alla democrazia oggi vigente.

Avevamo infatti richiesto al sindaco di ritrovarci direttamente, e nella stessa forma ridotta, presso la Cittadella: luogo più significativo in relazione alla celebrazione, nonché il più sicuro dal punto di vista sanitario in quanto chiuso al pubblico durante questi mesi di emergenza. Oppure, in alternativa, presso qualsiasi luogo della città con una targa dedicata a un partigiano o a un caduto per mano del nazifascismo, che a Casale Monferrato non mancano. Richiesta declinata al fine di evitare assembramenti: motivazione a nostro parere poco realistica.

Abbiamo deciso di evitare polemiche pubbliche in rispetto al duro periodo che stiamo attraversando, alle vittime del Covid-19 e agli oltre 160 tra medici, infermiere/i, OSS e soccorritori deceduti in questi mesi di servizio al cittadino. Ci preme solo ribadire che l’eccezione del 25 aprile 2020 non diventi in alcun modo la norma per il futuro.

La Sezione ANPI di Casale Monferrato, in persona del solo presidente, non potendo accedere alla Cittadella a causa della decisione del Sindaco, ha inoltre depositato una corona presso la targa in Viale XIII Martiri della Libertà (partigiani della Banda Tom, angolo Corso Indipendenza/Strada Cavalcavia) a ricordo di tutti i caduti della lotta di Liberazione e volendo così sottolineare il rammarico verso la scelta del primo cittadino.

ANPI Casale Monferrato