nascesti

Nascesti. Di Maria Strazzi

Nu sciusc’e viento

Nascesti

in un frammento

di luce

un’istante

d’infinito
cibai l’anima
del
tuo miele d’acacia
e li’
sei restato
come dolce segreto
a te
mai appartenuto.

Maria Strazzi