coronavirus2_interno_0-2-copia-5-4

Teorie della cospirazione di Coronavirus:  L`ora dei ciarlatani

di Vincenzo Pollinzi

Nei tempi della distanza sociale, molte persone si affidano ai social network – questo li mette irrimediabilmente nelle mani della disinformazione. In contemporanea e in tempo reale, pseudo-medici, praticanti alternativi fiutano l’affare della vita (soldi) e inculcano dubbi nelle menti di chi legge dimentica facilmente che non tutto ciò che leggiamo sui social network è vero!

Compaiono a getto continuo “inventori“ di malattie che sarebbero in grado di inventare a periodi nuove ondate di Influenza, una più terribile dell’altra. Si legge a tutt’occhi che esiste un „allarmismo“ elaborato ad uso e consumo dalle compagnie farmaceutiche e che il Virus altro non sarebbe che un innocuo colare del naso che, bontà loro, in singoli casi potrebbe essere più difficile da gestire che una normale Influenza. Pazzesco!

Teorie grezze, miti medici del tutto errati si stanno attualmente diffondendo su tutti i social network, spesso abbinati a leggende della cospirazione comune di Big Pharma o una cospirazione ebraica globale.Uno dei motivi per cui si sentono tesi assurde è che finora molte persone hanno sentito solo i drastici limiti della vita quotidiana provocati gioco forza dal Virus, ma non il Virus stesso.Quando non si è dentro nel settore sanitario che gestisce il Virus, tutto è lontano. E allora non si capisce veramente cosa succede e subentrano, nella popolazione, fuori dagli ospedali, le paure.

La crescente varietà di teorie ha molto a che fare con la situazione attuale: poiché si consiglia alle persone di non uscire di casa, i social network su Internet stanno diventando sempre più importanti.Attualmente stiamo vivendo l’ora della comunicazione digitale perché c’è un forte bisogno di informazioni, ma si dimentica spesso che  le persone dovrebbero mantenere la distanza sociale si, ma anche comunicare. Ecco per cosa sono concepiti principalmente i social media. Ma i media tradizionali non sono apparentemente più in grado di compensare la forte necessità di informazioni istantanee e sappiamo che dove vi è una necessità di informazioni, esiste anche un’offerta di disinformazione. Ecco perché oggi stiamo vivendo entrambi, INFORMAZIONE e DISINFORMAZIONE. Centri di disinformazione non sono, a parere degli esperti YouTube o Facebook, bensì Whatsapp Le persone che utilizzano questo servizio trasmettono informazioni non sempre propriamente esatte nello specifico e questo succede quando un numero incalcolabile di utenti, in tempi reali comunicano tra loro: Il problema è che  queste sono „stanze“ chiuse .Da un lato, circolano messaggi privati, dall’altro circolano storie di cospirazione globale dall’inizio della crisi di Corona: in Russia, gli Stati Uniti sono accusati, in Tunisia il religioso ha diffuso che la Cina è punita con il virus per i suoi rapporti con i non credenti; compaiono anche  interpretazioni antisemitiche, come la leggenda della cospirazione che coinvolgerebbe larghi strati del mondo ebraico.

Questa situazione è ovviamente una festa per i sostenitori del complotto „ È proprio in questi aspetti di una crisi che lo spirito umano cerca spiegazioni e si seguono guaritori spirituali che credono di conoscere il piano segreto in atto.

Esistono varie teorie tra cui scegliere e in alcuni casi modelli contrastanti competono per l’attenzione degli utenti di Internet: alcuni sostengono che il virus non esiste. Altri dicono che le case farmaceutiche lo hanno allevato per vendere vaccini o per decimare la popolazione.

Ma sembra abbiano tutti, agli occhi dell`osservatore attento, una cosa in comune da non sottovalutare: Il punto di contatto tra i gruppi è la forte carica anti-istituzionale, la forte sfiducia, spesso di parte, nei confronti della scienza e della politica.

Le grandi associazioni che riguardano la salvaguardia del Pianeta e anche della Salute ammoniscono sui loro siti Web di seguire le linee direttive dei Governi per contrastare almeno l`avanzata del Virus. Ma in moltissimi siti su Internet si può constatare come ciarlatani e commercianti senza scrupoli fiutano la loro grande opportunità di guadagno dubbio nella crisi. 

La disinformazione ha il solo scopo di screditare e indebolire le misure ufficiali. Dovrebbe essere chiaro a tutti noi che come cittadino, devo preoccuparmi tanto quanto i medici e il personale ospedaliero che tanto fanno.Nessuno può dire se le misure messe in atto sono la sola soluzione del problema in questo momento, ma se ognuno di noi le rispetta e le mette in pratica, tutti insieme ce la faremo ad uscire da questo tunnel scurissimo che è il Corona Virus.

VINCENZO POLLINZI @ Maggio 2020