sotto

Sotto gli alberi, di Gian Guido Grassi

Sotto gli alberi

Fresco smeraldo ombreggia la mia attesa

dell’imminente pasto. Interrompe

questo ozio ameno, genera visioni.

Foglie larghe, a ventaglio come mani,

a coppa, mi riparano dal sole.

Viale alberato in piccolo giardino.

Passeggio trasognato. Sono conscio 

che il mio albero è giunto al suo sviluppo.

Mostro i nodosi rami al giardinetto.

Bimbi giocano insieme, ritrovando

il perduto piacere dello stare 

tra loro. Han bisogno di intrecciarsi.

Volgo il mio sguardo verso i muri intorno,

attraversando quei diaframmi duri.

Supero il limitare del perimetro.

Giunto al margine, si aprono le strade,

ventagli e rami neri verso il mondo.

Strisce d’asfalto guidano il mio viaggio.

Gian Guido Grassi 

24 maggio 2020

Piazza Peyron, foto mia