Vittorio's Picks

Oggi parliamo della storia di una soggetto in particolare attraverso un percorso guidato verso il passato, questa persona nel corso del film diventa sempre più vulnerabile ed infantile e cerca di scappare inconsciamente dal mondo che si è costruito intorno e, da cui ora decide di fuggire. Robert Pattinson è stato sorprendente poiché ha deciso di interpretare un personaggio “anti-idol” regalandoci un’enorme prova di coraggio attoriale, dove rivela i caratteri animandoli con poche e decise espressioni che bastano alla descrizione del personaggio di Eric, il giovane miliardario. Non c’è nessun tipo di spiegazione narrativa ed esplicita in questo film ma c’è qualcosa di così profondo che la relazione tra lo spaccato di società rappresentata ed un opera di Rothko riesco ad avere la stessa estetica e la stessa potenza spirituale e incomprensibile. Cosmopolis va accettato come una “sensazione” e per capirla a fondo bisogna comprendere il rapporto tra l’inconcepibile che…

View original post 820 altre parole